fbpx
Martedì, 16 Agosto 2022

POLITICA NEWS

Aeroporto: arriva il si' del consiglio al sostegno per lo scalo aereo crotonese

Posted On Giovedì, 07 Maggio 2015 20:55 Scritto da
Un momento dei lavori al consiglio comunale Un momento dei lavori al consiglio comunale

Tutti concordi i consiglieri nel sostenere la nuova strategia

Sostenere la continuità funzionale dell'aeroporto Sant'Anna e destinare 900.000 euro di fondi Royalties alla società di gestione dello scalo. Sono questi gli obiettivi della delibera approvata stasera – poco fa - dal consiglio comunale che quindi si impegna a sostenere lo scalo aeroportuale, la cui società è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Crotone. Adesso è stato concesso dai giudici fallimentari di proseguire le attività ed i voli previsti, ma in maniera provvisoria, per non creare disagi ai viaggiatori e alla popolazione. Il sindaco Peppino Vallone ha chiarito in apertura gli obiettivi dell'atto di indirizzo della delibera, con cui si intende pianificare azioni utili per il mantenimento dell'aeroporto, ritenuto necessario e strategico per l'intera fascia ionica. Per quanto riguarda invece il primo punto all'ordine del giorno "Approvazione rendiconto della gestione dell'esercizio finanziario2014", questo è stato rinviato alla prossima seduta perché incompleto a causa del subentro di nuove norme finanziarie, come ha precisato il sindaco. Ritornando alla situazione dello scalo ereo crotonese Vallone ha spiegato che l'esercizio provvisorio a favore del Sant'Anna è stato assicurato fino all'estate e che adesso bisognerà costituire una nuova società con le istituzioni del territorio, il coinvolgimento dei comuni costieri e si dovrà anche attrarre capitali e investitori privati. «Bisogna rendere attrattiva la nuova società e predisporre uno start up convincente ed un Piano Finanziario coerente. Questo è l'obiettivo a prescindere dal clamore mediatico sollevato da campagne che falsano i dati reali, e che noi perseguiremo. Un altro importante obiettivo è quello di ottenere l'esonero dei pagamenti all'Enav». Molti i consiglieri intervenuti, che però hanno votato tutti a favore, da Fabrizio Meo, Ettore Perziano, Sergio Iritale, Flora Sculco, Teresa Cortese, Enrico Pedace ed altri. Dopo il grande clamore mediatico sollevato dal cosiddetto "Scandalo Gettonopoli", il consiglio si è svolto abbastanza tranquillamente. Nella sala si notava la presenza di alcuni lavoratori Soakro, in protesta da alcuni giorni e, nell'ala opposta, un gruppo di attivisti No-Eni, insieme a qualche rappresentante del movimento 5Stelle, che hanno ripetutamente srotolato un grande striscione con la scritta: "Crotone peggio di Roma mafia Capitale " firmato appunto attivisti No-Eni. La delibera del Consiglio, comunque ampiamente discussa ed approvata, dopo ampio preambolo recita: «Il Consiglio comunale coerentemente con la volontà di sostenere e salvaguardare lo scalo aeroportuale Sant'Anna, non solo formalmente, ma sostanzialmente, impegna l'amministrazione a prevedere l'assegnazione delle risorse finanziarie derivanti dalle Royalties per estrazione di idrocarburi (annualità 2011) nella misura dell'8% (873.731 euro) dell'importo complessivo spettante, già decretate dalla Regione Calabria con impegno numero 2237 del 18 marzo 2015. Allocate con impegno contabile numero 576 del 16 marzo 2015 per un importo complessivo di sette milioni di euro, di cui tre milioni e 570mila euro spettanti al Comune di Crotone, e necessarie a sostenere il rilancio della società aeroportuale Sant'Anna» .