fbpx
Lunedì, 26 Settembre 2022

POLITICA NEWS

Altola' ministro Boccia, diffida a Regioni: «Ordinanze coerenti con Dpcm, o impugnereno»

Posted On Mercoledì, 29 Aprile 2020 23:14 Scritto da Redazione

Il ministro degli affari Regionali Boccia, oggi in videoconferenza con le Regioni, ha dettato un altolà. "Propongo un metodo: ordinanze regionali coerenti con il Dpcm".

 "Se ci sono ordinanze non coerenti invio una diffida, una lettera con la scheda indicando le parti incoerenti e la richiesta di rimuoverle (solo in caso di allentamento delle misure) - afferma -. Se non avviene sono costretto a ricorrere all'impugnativa al Tar o alla Consulta".  "Non impugno subito ma con grande collaborazione vi scrivo e prima ancora sollecito un confronto preventivo". "In base al monitoraggio delle prossime settimane ci potranno essere dal 18 maggio scelte differenziate" tra le Regioni sulle riaperture di attività: così il ministro Francesco Boccia. Il principio è "contagi giù uguale più aperture e viceversa - aggiunge -. Discuterete del monitoraggio con il ministro della Salute Speranza (a seguire in videoconferenza con le Regioni, ndr). Definito il monitoraggio si potrà procedere a differenziazioni". "E' molto importante dare un segnale di unità. Se non siamo uniti noi non possiamo chiederlo ai cittadini. Ci vogliono unità, serietà e responsabilità" avrebbe detto il ministro ai presidenti delle Regioni.