Martedì, 01 Dicembre 2020

POLITICA NEWS

Amministrative, alt di Iacucci: il commissario ''congela'' l'assemblea cittadina del Pd

Posted On Martedì, 23 Giugno 2020 17:13 Scritto da Redazione

«La posizione del Partito democratico è stata chiara fin da subito: non indietreggiamo dalla nostra impostazione politica e il lavoro continua in questa direzione visto anche l'esito che è stato ottenuto nell'ultima competizione regionale dove il Pd ha avuto, nonostante le tante difficoltà, un risultato che lo ha collocato al primo posto nella provincia e al terzo nella città capoluogo».

Il commissario della Federazione provinciale Pd Crotone, Franco Iacucci, “gela” o meglio “congela” l’assemblea cittadina dem che, proprio ieri, aveva dato pieno mandato alla segretaria cittadina Antonella Stefanizzi per costruire la coalizione per le prossime amministrative e quindi individuare il candidato a sindaco.

Iacucci, in una nota, ribadisce che quanto accaduto alle scorse regionali è stato «un risultato ottenuto dimostrando la sua piena autonomia, con candidati propri e senza ingenerare confusione con alleati della coalizione di centrosinistra».

«Siamo riusciti a superare una fase politica critica – scrive Iacucci – ed è questa la strada che bisogna continuare a seguire con grande senso di responsabilità in vista delle prossime elezioni amministrative. È necessario aprire un serrato e produttivo confronto con le forze sociali, imprenditoriali, rappresentanti di movimenti, associazioni e comitati oltre naturalmente con le tradizionali forze della sinistra e del mondo cattolico avendo forte consapevolezza che un partito democratico autorevole, autonomo, aperto, indipendente deve avere la capacità di ritornare al centro del dibattito e dell'azione politica».

«E per farlo – spiega il commissario – non può assolutamente partire da un sistema di alleanze che privilegi la collaborazione con quei movimenti politici che hanno amministrato la città di Crotone e sono stati causa esclusiva dello scioglimento anticipato dell'amministrazione dimostrando così la sconfitta politica e amministrativa di un modello».

«Compresi e archiviati gli errori del passato – aggiunge Iacucci – si va avanti e sarà mia cura nei prossimi giorni nominare due vicecommissari e il coordinamento del Pd per la Provincia di Crotone per garantire una sempre più costante presenza e organizzare al meglio la competizione elettorale, fuori da ogni logica strumentale e personalistica».

«L'obiettivo è ed è sempre stato – conclude il commissario – quello di ripristinare l'unità e la solidarietà fra gli iscritti al Pd. Su questo si baserà il nostro lavoro, sarà il nostro faro certi che un Pd forte, unito e aperto è garanzia per costruire una prospettiva positiva e di sviluppo anche per la Provincia e la città di Crotone».

L’assemblea cittadina del Pd, riunita ieri pomeriggio nella sala congressi della Casarossa, aveva dato pieni poteri alla segretaria cittadina. All’unanimità l’assemblea aveva incaricato la segretaria Stefanizzi per «costruire una coalizione ampia e partecipata, allargata alle realtà territoriali ed ai movimenti che si identificano nell'alveo del centro sinistra a quelle realtà civiche che rappresentano le energie vive della città». Contestualmente, l’assemblea ha dato via libera anche per l’individuazione del candidato a sindaco. Dunque l’ipotesi che, accanto al Pd alle prossime amministrative, potesse trovare spazio l’alleanza che alle scorse elezioni regionali aveva visto impegnate forze dem (l'ex segretario provinciale Gino Murgi) e i demokratici (è stata poi eletta nuovamente la consigliera regionale Flora Sculco) nella lista Democratici progressisti. Verosimilmente, quindi, il progetto di Stefanizzi prevede anche l'inclusione delle altre liste che fanno capo a Enzo Sculco. Da qui la “gelata” del commissario Iacucci.