Martedì, 22 Settembre 2020

POLITICA NEWS

Coronavirus, Dell'Aquila a Santelli: «C'e' disponibilita' da Marrelli hospital e strutture private»

Posted On Giovedì, 19 Marzo 2020 18:29 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

«Non c'è più tempo, non abbiamo più tempo per discutere, ipotizzare, riflettere: è il momento di agire». Così il presidente facente funzioni della Provincia di Crotone, Giuseppe Dell'Aquila, in una missiva inoltrata al presidente della Regione, Jole Santelli, e al commissario alla Sanità Cotticelli. 

«L'incremento dei contagiati nella provincia di Crotone – scrive Dell’Aquila – non può essere sottovalutato ed anzi richiede un intervento rapido in grado di garantire assistenza a tutti. Il timore che nelle settimane passate è stato manifestato in più occasioni, che è stato esplicitato con la richiesta di incremento di posti letto nel reparto di terapia intensiva e rianimazione, al San Giovanni di Dio, oggi non è rinviabile».

«È evidente che la struttura ospedaliera – prosegue Dell'Aquila –, nonostante l'enorme ed egregio sforzo organizzativo della Direzione sanitaria, non può da sola far fronte alla diffusione del Covid-19, ed è per questo che devono essere utilizzate anche le strutture private presenti sul territorio».

«Molte strutture private – suggerisce Dell’Aquila –, prima tra tutte il Marrelli Hospital, hanno già espresso la volontà a collaborare mettendo a disposizione e a servizio struttura e personale sanitario. Abbiamo bisogno, non tra qualche settimana, non tra qualche giorno, abbiamo bisogno ora di più posti in intensiva e sub-intensiva».

«La gestione dell'emergenza da Covid-19 – sottolinea Dell’Aquila – fatta fino ad oggi dal direttore sanitario D'Angelo e dal direttore amministrativo Francesco Masciari che hanno dimostrato responsabilità, ora richiede l'intervento della governatrice della Calabria. Crotone e la sua provincia devono essere aiutate e sostenute da subito, perché è già tardi, perché domani potremmo non aver più la capacità e la possibilità di affrontare l'emergenza!», conclude Dell'Aquila.