fbpx
Giovedì, 08 Dicembre 2022

POLITICA NEWS

''Gettonopoli'', l'ex consigliere Meo: «Non mi si contesta indebita percezione, accusa riguarda riconoscimento gettone ad altro collega»

Posted On Martedì, 06 Agosto 2019 14:22 Scritto da

meoL’ex consigliere comunale di "Manifesto Crotone", Fabrizio Meo, tiene a precisare che: «Riguardo all’articolo pubblicato sulla vostra testata in data 23 luglio 2019, "Gettonopoli'': sono 14 gli ex consiglieri comunali di Crotone rinviati a giudizio nell'udienza preliminare, 8 quelli prosciolti, nel quale affermate che io sia accusato di aver illecitamente percepito gettoni di presenza durante la mia permanenza nel consiglio comunale di Crotone e ciò con riferimento ad una indagine che come risulta dagli atti di causa, prende le mosse, per come già accaduto in svariati altri casi, da una mia denunzia; tengo a precisarvi che non mi risulta affatto di essere accusato dell’indebita percezione di gettoni di presenza, anzi, semmai è risultata la mia partecipazione ad un numero di commissioni più che doppio rispetto a quante me ne venivano remunerate. Allo stato, l’accusa, si è ridotta alla pretesa di aver fatto percepire ad un ignaro consigliere, a sua completa insaputa perciò, un gettone di presenza dal valore di 32 euro circa, a tanto ammonta il Tesoro di S. Gennaro che giustifica il mio stato d’accusa. Le intercettazioni ambientali in atti di causa danno l’esatta misura della verosimiglianza di un simile addebito. I lettori mi scuseranno per l’intempestività della precisazione ma il disgusto mi ha sino ad oggi sopraffatto».