fbpx
Domenica, 14 Luglio 2024

POLITICA NEWS

Il consigliere comunale Spano': «Gravi ripercussioni per non aver adottato il Psc»

Posted On Giovedì, 05 Marzo 2015 19:56 Scritto da

Cesare SpanoUna legge regionale del 2014 stabilisce che nei Comuni dove non è stato approvato il Piano strutturale comunale entro gennaio scorso si perderanno le particelle a destinazione turistico-alberghiera.

 

Il capogruppo della lista "Scopelliti presidente" al consiglio comunale di Crotone, Cesare Spanò, ha scritto al sindaco Peppino Vallone, all'assessore all'Urbanistica Sergio Contarino e al presidente della commissione competente Osvaldo Scarriglia per conoscere i motivi che stanno determinando i ritardi nell'adozione del Piano strutturale comunale (Psc). «Il nuovo Psc - scrive Spanò - rappresenta per la città di Crotone un elemento fondamentale; i risvolti sul piano sociale, economico, culturale e ambientale che esso riveste sono evidenti, considerato che si tratta dello strumento di pianificazione con cui l'Ente definisce le scelte strategiche per il governo del territorio nel medio e lungo termine. Di questo - prosegue il consigliere - ne era perfettamente a conoscenza il sindaco Peppino Vallone, tanto che nel programma elettorale la sua adozione in tempi brevi veniva inserita tra i punti prioritari. Ebbene - commenta ancora Spanò - allo stato attuale non se ne vede la definizione, piuttosto l'iter procedurale si protrae a tempo indefinito, in una imbarazzante paralisi amministrativa che, per unanime e consolidato parere, caratterizza la guida della città. Al danno - avverte il capogruppo - si aggiunge la beffa: per effetto della legge regionale n. 13/2014 nei Comuni che non hanno adottato il Psc entro il 31 gennaio 2015 le particelle con destinazione turistico-alberghiera perderanno la loro natura e la destinazione che viene uniformata a quella agricola, con conseguente danno per i proprietari dei terreni interessati, i quali non sono a conoscenza degli orientamenti sulla possibile destinazione urbanistica delle zone interessate. Pertanto, da un lato si chiede al sindaco, all'assessore all'Urbanistica ed al presidente della commissione Urbanistica di velocizzare il procedimento amministrativo di approvazione del Psc, e dall'altro di conoscere i motivi che stanno determinando questi ritardi».