Sabato, 08 Agosto 2020

 

POLITICA NEWS

L'EDITORIALE│Arrivano segnali positivi dalla politica dopo lo ''scossone'' della magistratura: una speranza di rinascita e' ancora possibile?

Posted On Giovedì, 11 Gennaio 2018 20:05 Scritto da

nicola gratteri espressioneNon si può che condividere la scelta del Partito democratico e dell’assessore comunale alle Attività produttive, Sabrina Gentile, per la posizione netta e chiara presa a sostegno dei magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. Il Pd lo ha fatto diffondendo un documento con il quale si esprime fiducia e si invita i magistrati che hanno fatto scattare le manette ai polsi a 169 indagati, tra i quali esponenti politici di primissimo piano. Sempre il Pd avrebbe potuto anche fare finta di niente considerato che, tra gli arrestati, ci sono amministratori ed iscritti al partito. Quando c’è di mezzo la ‘ndrangheta non si può usare "se" o "ma" e mezzucci per non disturbare i manovratori e nel frattempo non schierarsi con il pool di magistrati che mettono a rischio la propria vita per garantire sicurezza e democrazia nei territori saccheggiati dagli uomini della ‘ndrangheta. L’assessore Gentile ha dichiarato il suo sostegno ai magistrati che hanno messo in atto l’operazione “Stige”, intervenendo al convegno organizzato ieri dalla Camera di commercio di Crotone per presentare i risultati della XXI edizione di Polos. Anche l’assessore Gentile ha parlato il linguaggio della chiarezza invitando i magistrati della Dda ad andare avanti nell’attività di pulizia avviata nella provincia di Crotone. Arrivano buone notizie anche dai diretti interessati all’operazione Stige. Il sindaco di Strongoli, Michele Laurenzano, ha rassegnato le dimissioni proprio come atto di rispetto nei confronti dei magistrati che lo hanno fatto arrestare. Laurenzano ha dimostrato anche rispetto verso i consiglieri comunali di Strongoli, perché le sue dimissioni anticipano le procedure di scioglimento anticipato per condizionamento ‘ndranghetista del consiglio comunale del suo paese. Adesso si potrebbe anche andare a votare la prossima primavera, limitando al minimo indispensabile la presenza del commissario prefettizio. Un riconoscimento va anche a Domenica Cerrelli, che si è autosospesa dal Pd anticipando la decisione della commissione di garanzia del suo partito. Cerrelli, attraverso il suo legale, ha fatto anche pervenire una lettera ai dirigenti del suo partito. Dalla nostra realtà, dove imperano le ‘ndrine, arrivano segnali importanti anche da coloro che sono stati colpiti dai magistrati. Vuol dire che la speranza di rinascita ancora può essere considerata viva.