Domenica, 17 Gennaio 2021

POLITICA NEWS

Piuma: «I cittadini liberi sono con noi: realizzeremo 5 grandi progetti in 5 anni per risorgere»

Posted On Mercoledì, 04 Maggio 2016 20:05 Scritto da

argentieri piuma interna«Stiamo recuperando il tempo perduto: ce la giocheremo alla pari con tutti il prossimo 5 giugno». Così Antonio Argentieri Piuma, candidato a sindaco per la coalizione messa in piedi da un gruppo di imprenditori crotonesi. A nemmeno tre giorni dalla presentazione delle liste elettorali, Piuma sente di poter gareggiare alla pari con le altre coalizioni che si misureranno il prossimo 5 giungno dentro le urne per conquistare la maggioranza al consiglio comunale di Crotone.

 

Le due inchieste sui gettoni di presenza per la partecipazione dei consiglieri alle commissioni di Comune e Provincia hanno sollevato un polverone proprio alla vigilia della presentazione delle liste: come influirà tutto ciò sulla campagna elettorale ora che è entrata nel vivo?

È un clima velenoso quello scatenatosi a seguito delle vicende che hanno interessato, da qualche giorno, sia il consiglio comunale, che quello provinciale. Mi riferisco alla notifica degli avvisi di conclusione delle indagini per la partecipazione di alcuni consiglieri a delle sedute di commissioni che sono state ritenute irregolari dagli inquirenti. Vorrei precisare che si tratta di consiglieri indagati che non fanno parte, né figureranno nelle liste che mi sosterranno alle prossime elezioni amministrative. Vorrei tranquillizzare gli elettori dicendo loro che valuteremo i singola curricula dei candidati, anche e soprattutto, dal punto di vista della loro fedina penale. In ogni caso, ci sono in atto polemiche roventi su queste vicende che mi vedono estraneo e su cui non intendo assolutamente speculare. È un atteggiamento che non si addice alla mia persona, né è utile alla città in questa importante tornata elettorale.

 

Il progetto degli imprenditori è forse partito con un po' di ritardo rispetto ai diretti competitor politici: avete recuperato terreno?

La nostra proposta sta crescendo di giorno in giorno. Mi sento di affermarlo con serenità e vigore perché tale sensazione è supportata dalle manifestazioni di simpatie, ma soprattutto dalle adesioni spontanee che ci pervengono quotidianamente dalla società civile e da quella parte di elettori che, fino ieri, avevano perduto la voglia di andare a votare. Sono molto fiducioso e, tutti insieme, avvertiamo di stare recuperando con straordinaria tempestività il tempo perduto nelle scorse settimane. Ce la giocheremo alla pari con tutti.

 

Mi spiega il significato delle 3 "L" contenute nel vostro programma?

Sembrerò noioso, visto che l'ho ripetuto già nelle mie prime uscite pubbliche, ma tengo a sottolineare che il nostro programma si fonda su tre valori fondamentali: legalità, libertà e lavoro. Si tratta di tre pilastri fondamentali su cui ricostruire Crotone perché riteniamo che senza legalità non potremo mai essere liberi, così come senza libertà non è possibile creare lavoro. Parte da qui il benessere sociale diffuso e il progresso di un'intera comunità che da troppi anni attende questa nuova stagione.

 

Questa città ha mille problemi che partono dalla mancanza di lavoro, ma che vengono sicuramente amplificati dal gap infrastrutturale che essa vive: come intenderete sbrogliare questa matassa?

Affronteremo il problema del lavoro, così come il gap infrastrutturale, la questione ambientale e tutti gli altri grandi temi di questa realtà col taglio e le modalità proprie del sistema impresa. Sarà mia preoccupazione intercettare le fonti di finanziamento che dovranno essere necessariamente sostenute e supportate da progettazione ecosostenibile. Tali processi dovranno avere tempi certi nelle loro realizzazione. Abbiamo in mente di proporre e portare a termine 5 grandi progetti in 5 anni: un’opera di grande portata per ogni anno previsto dal mandato elettorale. Ovviamente saranno progetti tra loro interconnessi dai criteri di necessaria conseguenzialità. Realizzeremo quelle infrastrutture che, una volta terminate, saranno messe a disposizione degli investitori, anche internazionali, per i quali Crotone dovrà diventare un’area attrattiva.