fbpx
Mercoledì, 22 Settembre 2021

POLITICA NEWS

Rifiuti, Sestito: «L'unica via per uscire dall'emergenza e' la Raccolta differenziata»

Posted On Martedì, 20 Luglio 2021 11:16 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

«La risposta all'emergenza rifiuti passa dalla differenziata». È quanto scrive Filippo Sestito, candidato al consiglio regionale di “Cambiare si può” con Luigi De Magistris presidente.

«Ancora una volta – commenta – è emergenza rifiuti in Calabria, un'emergenza che dura da vent'anni. Da anni assistiamo al balletto istituzionale tra ampliamenti delle discariche esistenti e la necessità di conferimenti fuori regione o addirittura all'estero, con costi esorbitanti per i cittadini e risultati tutt'altro che positivi per il territorio, anzi. Del resto senza un impegno concreto per intervenire in modo strutturale sul ciclo dei rifiuti è difficile anche solo immaginare di risolvere il problema. Sono ormai diversi anni che lo sosteniamo per cui, anche in questa occasione, riteniamo utile proporre alle istituzioni preposte a vario titolo alla gestione del ciclo dei rifiuti uno schema operativo basato sulla raccolta differenziata e, soprattutto, sulla costruzione dell'impiantistica necessaria a consentirne l'efficiente realizzazione. Gli ultimi dati rilevati da Legambiente parlano chiaro: in Calabria nel 2019 sono state prodotte 767 mila tonnellate di rifiuti di cui circa il 48% è stato differenziato. Siamo sotto l'obiettivo minimo del 50% di differenziata che era stato fissato per il 2009! Nelle 5 discariche presenti sono andate 309 mila tonnellate di rifiuti a cui si aggiungono le 106 mila tonnellate incenerite provenienti dall'inceneritore di Gioia Tauro. Solo 25 le piattaforme per trattare gli imballaggi, nessuna per la plastica. Il Presidente di Legambiente Calabria insiste sull'inadempienza di alcuni Comuni sulla raccolta differenziata; il Comune capoluogo di provincia di Crotone, ad esempio, è appena al 12%, un dato che non ha bisogno di commenti ma che vale più di mille parole».

«Un ciclo virtuoso dei rifiuti – suggerisce Sestito – prevede, a nostro avviso, che tutti i principali impianti di recupero e smaltimento siano di proprietà comunale, che ci sia un piano dettagliato per la raccolta differenziata, cassonetti o raccolta spinta porta a porta per la carta, il vetro, la plastica, le lattine ed i metalli e l'umido. Una raccolta differenziata di successo prevede il rispetto del principio di qualità e non solo di quantità del materiale differenziato e questo presuppone una massiccia sensibilizzazione ed un'efficace comunicazione sul perché è necessario differenziare i rifiuti e come si differenziano realmente in base al modello proposto. L'introduzione di un modello di raccolta differenziata spinta, inoltre, consentirebbe un risparmio per i cittadini che, mediante un sistema di tracciamento con codici a barre sui sacchetti, pagherebbero la Tari in base ai rifiuti indifferenziati effettivamente prodotti. L'aspetto più importante riguarda però la programmazione di investimenti propedeutici che vanno fatti sull'impiantisca necessaria a sostenere una differenziata spinta, perché la raccolta differenziata ha la necessità di avere degli impianti di riferimento per poter smaltire i propri rifiuti che altrimenti, come accade oggi a Crotone, dopo essere stati differenziati tornano in discarica con una doppia beffa economica e ambientale per i cittadini crotonesi».

«In Calabria e a Crotone – spiega – servono impianti di valorizzazione del vetro, della carta, della plastica per chiudere la filiera della raccolta differenziata. L'Ato di Crotone deve programmare l'impiantistica a servizio di una raccolta differenziata tendente ai rifiuti zero. E' necessario avere una visione chiara e precisa del futuro che si vuole costruire per la nostra città, per il nostro territorio e, più di ogni altra cosa, per tutti i cittadini e tutto questo non può prescindere dalla tutela della salute, dell'ambiente, del decoro», conclude Sestito.