Martedì, 27 Ottobre 2020

POLITICA NEWS

Soprintendenza, Laboratorio Crotone: «Tar ha accolto sospensiva Comune Catanzaro»

Posted On Venerdì, 12 Giugno 2020 19:28 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

«La sospensione del decreto ministeriale da parte del Tar con cui il ministero dei Beni culturali ha istituito la nuova Soprintendenza Catanzaro-Crotone con sede nella città pitagorica, consentirà di salvaguardare gli interessi di Catanzaro: le dichiarazioni del sindaco di Catanzaro non fanno altro che evidenziare il vuoto istituzionale che circonda il territorio crotonese».

È quanto scrive l’ex assessore comunale alla Cultura del Comune pitagorico, Valentina Galdieri, di Laboratorio Crotone. «Una scelta anomala la definisce Abramo – commenta Galdieri –, Crotone non può avere una sede della Soprintendenza, ma dovrebbe dipendere da Catanzaro, solo perché è capoluogo di regione. Chiariamoci è solo una sospensione, il Tar entrerà nel merito nella seduta di novembre, ma il rischio di una decisione avversa alla nostra città è reale. È come se si volesse volutamente ignorare che la città di Crotone ha un grande patrimonio archeologico già scoperto. È come se si facesse finta di non sapere che nella città pitagorica c'è una grande storia da fare emergere ed un grandissimo patrimonio ancora da far emergere».

«Il sindaco di Catanzaro – stigmatizza – volutamente dimentica Antica Kroton e l'indotto che porterebbe al territorio di Crotone, alla provincia e a tutta la Calabria. Pensare che la Soprintendenza non possa avere collocazione a Crotone, luogo in cui dovrà lavorare per lungo tempo, proprio perché una parte cospicua del finanziamento di Antica Kroton è direttamente gestito dalla stessa, è pura e semplice miopia. E ci sta che il sindaco di Catanzaro sia miope nei confronti del nostro territorio e soprattutto della nostra grande storia, ma i nostri rappresentanti in parlamento non possono restare silenti davanti il serio rischio che Crotone venga nuovamente depredata».

«Pertanto – prosegue Galdieri – chiediamo ai nostri rappresentanti Corrado, Barbuto, Stumpo e Torromino di intraprendere tutte le strade possibili affinché a Crotone spetti quello che è dovuto. Siamo stanchi di queste lotte intestine che vedono la nostra città sempre sottomessa alla città capoluogo. Se uscissero sconfitti da questa battaglia sarebbe meglio se i nostri parlamentari si dimettessero. “A Roma nessuno sa dove si trova Crotone”, questa frase espressa dalla senatrice Corrado non fa altro che bollare il fallimento della deputazione crotonese».

«Infine, vorrei ringraziare – dichiara Galdieri – a nome di quei crotonesi che amano la nostra città, tutti quei concittadini che hanno svenduto il proprio voto ai “potentati” catanzaresi, magari in cambio di qualche posticino di lavoro. Questo è il peggior segno di decadimento del nostro territorio. Ma sono certa che la Crotone buona, quella che ama la propria città ed è orgogliosa della propria identità saprà sbattere fuori “i mercanti dal tempio”», conclude Galdieri.