Sabato, 15 Agosto 2020

 

POLITICA NEWS

«Nei giorni più difficili della storia politica di Cutro, per le note vicende che hanno portato alla nomina della commissione di accesso antimafia al fine di verificare se vi sono stati e se vi sono tutt’ora tentativi di infiltrazione mafiosa all’interno della pubblica amministrazione, si rincorrono voci in merito alla possibile individuazione del sito per una nuova discarica di servizio per la provincia di Crotone».

Pubblicato in Politica

«A inizio anno, in più province calabresi, si paventava un disastro imminente legato alle difficoltà di gestione del ciclo dei rifiuti». È quanto scrive in una nota il comitato “Crotone Pulita”.

Pubblicato in In primo piano

ponticelli rifiuti operaio akrea«Crotone ha già dato, non può essere solo questa città a risolvere i problemi della gestione dei rifiuti della Calabria». Lo ha ribadito il sindaco Ugo Pugliese nel corso della riunione dei presidenti Ato che si è tenuta presso l'assessorato all'Ambiente della Regione Calabria. «E lo ha ribadito – fa sapere un comunicato – con un gesto forte, lasciando il tavolo dopo pochi minuti dall'inizio della riunione, davanti alla prospettiva avanzata dagli altri presidenti Ato relativa al sopralzo della discarica privata di Columbra. "Non ci sono le condizioni per proseguire" ha detto il sindaco abbandonando la riunione con la delegazione di cui faceva parte il dirigente del settore Ambiente Giuseppe Germinara. Il sindaco non ha inteso proseguire una discussione che vedeva Crotone individuata come unica alternativa per accogliere i rifiuti di tutta la Calabria in attesa delle verifiche tecniche per l'indizione di gare pubbliche per portare all'esterno i rifiuti o per l'individuazione di altri siti. Dodici o ventiquattro mesi. Tempi troppo dilatati che non garantiscono la comunità crotonese che ha già abbondantemente dato».

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

sindaci ao crotoneIl sindaco di Crotone Ugo Pugliese prova a trovare una soluzione per scongiurare un’emergenza rifiuti che sembra possa esplodere, da un momento all’altro, anche da queste parti, così come nel resto della Calabria. Con la Differenziata che ancora non parte, la discarica di Columbra (gestita dal gruppo Vrenna) ormai esaurita e il selezionatore di Ponticelli gestito dalla società Ekrò che va a singhiozzi, il sindaco tenta la via della discarica pubblica. La proposta verrà messa al vaglio dei sindaci dell’Ambito territoriale ottimale (Ato), ormai operativo dal 2017, nel corso della riunione già convocata per il prossimo lunedì.

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

sindaci ato randagismoGiornata impegnativa e di lavoro proficuo per i sindaci della provincia di Crotone sul tema della gestione dei rifiuti e del randagismo. Su invito del sindaco di Crotone Ugo Pugliese i primi cittadini della provincia di Crotone si sono prima ritrovati nella sala giunta per una riunione operativa sull'Ato provinciale e successivamente hanno incontrato i vertici dell'azienda sanitaria provinciale nella sala consiliare per la problematica sul randagismo. Dopo la sottoscrizione della convenzione, avvenuta qualche tempo fa, i sindaci sono al lavoro per definire i passaggi consequenziali dell'Ato che prevede l'esercizio in forma associata di gestione integrata dei rifiuti. Con la costituzione dell'Ato, nel rispetto delle disposizioni di cui alla legge regionale 14/2014, i Comuni attiveranno per il servizio di gestione rifiuti urbani e assimilati lo svolgimento associato delle funzioni loro assegnate, senza duplicazione e sovrapposizione di ruoli e di costi, massimizzando le possibili sinergie in termini di competenze necessarie per la gestione del servizio. Alla riunione ha partecipato l'assessore ai lavori pubblici Tommaso Sinopoli Nella sala consiliare i sindaci hanno incontrato Agostino Talerico, direttore sanitario dell'Azienda sanitaria provinciale. Presente con la folta delegazione dell'Azienda sanitaria, tra gli altri, Giuseppe Fratto responsabile del dipartimento area assistenza ospedaliera. Alla riunione hanno partecipato i consiglieri comunali Enrico Pedace e Vincenzo De Franco. Il tema del randagismo è fortemente avvertito su tutto il territorio provinciale. Su questo tema i sindaci in accordo con l'azienda sanitaria provinciale intendono mettere in campo una serie di azioni mirate al controllo e alla definizione del problema. In particolare l'obiettivo è arrivare al cosiddetto canile baricentrico pubblico, una struttura pubblica deputata alla cura ed alla custodia degli animali randagi. Il canile baricentrico pubblico o canile sanitario è una struttura che può essere costituita anche attraverso consorzi di comuni e successivamente date in uso alle aziende sanitarie provinciali. In queste strutture è possibile effettuare l'identificazione e contestuale iscrizione in anagrafe dei cani randagi, la visita clinica con la relativa compilazione di una scheda clinico – segnaletica, interventi terapeutici clinici urgenti, interventi di profilassi.

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

sindaci sala consiliare«Mattinata impegnativa ma positiva - riferisce una nota del Comune - sul fronte rifiuti ed acqua, due temi particolarmente importanti al centro dell'attività amministrativa dell'amministrazione Pugliese ma che coinvolge, naturalmente tutti le comunità della provincia di Crotone. Nella sala consiliare - informa il comunicato - si è tenuta questa mattina, convocata dal sindaco Ugo Pugliese una riunione con tutti i sindaci della provincia in relazione all'istituzione della comunità d'Ambito territoriale per la gestione dei rifiuti. Una riunione alla quale con il sindaco Pugliese ed i sindaci della provincia ha partecipato l'assessore ai Lavori pubblici Tommaso Sinopoli. La legge regionale 11 agosto del 2014 - spiega la nota - ha riordinato il servizio di gestione dei rifiuti in Calabria ridefinendone l'organizzazione e lo svolgimento con l'individuazione degli Ato coincidenti con i confini amministrativi delle province. Successivamente la Regione con delibera dell'ottobre 2015 ha approvato uno schema di convenzione e uno schema di regolamento e delimitato gli ambiti territoriali, sostanzialmente perimetrando definitivamente gli Ato che per il territorio coincidono con i confini territoriali della provincia di Crotone. La riunione odierna - rende noto il comunicato -, dopo una ampia e partecipata discussione, ha definito gli ultimi dettagli per l'adesione dei Comuni all'Ato provinciale che sostanzialmente determina l'esercizio associato delle funzioni di organizzazione del servizio dei rifiuti da parte dei comuni. Il sindaco Pugliese si è detto particolarmente soddisfatto dell'incontro con i colleghi della provincia e della sintonia che si è venuta a creare su un tema particolarmente delicato come la gestione dei rifiuti sui territori. Successivamente - aggiunge il comunicato - i sindaci dei comuni costieri hanno tenuto una riunione presso la sala giunta per la ridefinizione delle royalties, altro tema molto importante per i territori interessati. I primi cittadini si sono aggiornati ad una prossima riunione per la definizione di un percorso comune. Incontro dei sindaci, infine, anche sul tema della gestione del servizio idrico, in previsione dell'incontro che si terrà nel pomeriggio tra Sorical, Congesi e l'amministrazione Comunale».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano