fbpx
Giovedì, 18 Luglio 2024

POLITICA NEWS

torromino petilia«La mia candidatura e quindi un’eventuale elezione rappresentano per il Crotonese un’opportunità da non sottovalutare». Lo ha detto Sergio Torromino, candidato di Forza Italia per le elezioni della Camera dei Deputati, secondo nella circoscrizione Calabria Nord, in un incontro elettorale svoltosi nella serata del 20 febbraio scorso, a Petilia Policastro presso i locali del ristorante “La Lanterna”. Il coordinatore provinciale di Forza Italia, incontrando gli elettori ha aggiunto che «potrebbe essere questo l’inizio di un nuovo percorso per riscattare dall’attuale stato comatoso l’intera provincia di Crotone». L’evento, è stato organizzato del coordinatore di Petilia, Vincenzo Corea, coadiuvato dall’avvocato Pierluigi Ruberto e Gino Carvelli. L’evento ha registrato la partecipazione di numerosi simpatizzanti, ai quali Torromino, ha illustrato le motivazioni della sua scelta. Il coordinatore comunale Vincenzo Corea, dal suo, nel ringraziare i numerosi intervenuti, ha sottolineato «il grande impegno e la vicinanza di Sergio Torromino verso il nostro territorio e ha invitato i presenti a sostenerlo, perché attraverso la sua elezione si potrà avere un interlocutore valido per la risoluzione dei numerosi problemi che affliggono la comunità petilina».

 

 

 

Pubblicato in Politica

durante parise speranza nicoletta stumpo liberi uguali crotone presentazione candidati«Per me la politica non è misurarsi sui numeri, ma fare squadra e mandare avanti candidati espressione dei territori». Nessun imbarazzo per Nico Stumpo dopo i malumori scatenatesi all’interno di Liberi e uguali in Calabria, dove alcuni “pezzi” importanti hanno fatto dietrofront sul sostegno alla lista all’indomani delle candidature per le Politiche del prossimo 4 marzo. È costrutto assodato, infatti, che in molti (e non solo tra gli aderenti) non hanno digerito l’imposizione del parlamentare a capolista in entrambi i collegi proporzionali. Questa mattina, nell’ambito dei tour elettorali che Leu sta compiendo in Calabria, “big” Nico è stato scortato a Crotone dal coordinatore nazionale Roberto Speranza. Insieme hanno presentato i candidati all’uninominale di Camera (Franco Parise) e Senato (Lucia Durante), nonché la seconda in lista al proporzionale (Roberta Nicoletta) nei collegi in cui ricade il territorio pitagorico. L'incontro con giornalisti e simpatizzanti è avvenuto intorno a mezzogiorno presso i locali di "Le stanze Porto vecchio". «È sembrato più normale – ha risposto ai cronisti – candidare sindaci come Franco Parise, o professionisti come Lucia Durante e Roberta Nicoletta che sono espressione dei territori e possono quindi trovare un sentimento d’appartenenza negli elettori». Roberta Speranza ha invece tenuto a sottolineare le divergenze e, praticamente nessuna affinità, col Partito democratico e le altre liste antagoniste. «In Italia – ha esordito Speranza – quattro ragazzi su dieci sono senza lavoro, sette under 35 su dieci vivono ancora in casa con la famiglia. Bisogna aumentare il lavoro, per farlo c'e' bisogno di nuovi investimenti. Quando il lavoro arriva, pero', dev'essere un lavoro dignitoso. Basta con i lavoretti, impieghi di poche ore, la precarietà». Investimenti e' anche la ricetta di Leu per il Mezzogiorno e la Calabria in particolare, partendo dalla cosiddetta clausola Ciampi secondo la quale il 45 per cento dei soldi che lo Stato spende in investimenti pubblici devono essere spesi al sud. «In questi anni - ha detto Speranza - ci si e' dimenticati del Mezzogiorno. La Calabria deve ripartite, rialzare la testa. L'agenda Leu guarda ai problemi della Calabria. In questi anni sono stati spesi 30 miliardi di euro, due punti di Pil, purtroppo non hanno prodotto sviluppo. Se gli stessi soldi fossero stati messi in investimenti pubblici - ha detto - avremmo avuto piu' sviluppo e occupazione». A margine della conferenza Speranza è tornato sulle possibili alleanze dopo il 4 marzo. «Berlusconi – ha dichiarato il coordinatore nazionale di Leu – mi pare che lavori a fare un governo con Renzi: ogni voto dato al Pd e a Emma Bonino e' un voto dato al governo Renzi-Berlusconi. L'unico voto che puo' scardinarlo – ha incalzato Speranza – e' il voto a Leu. Berlusconi torna ancora con le sue illusioni, le sue promesse con le stesse idee, come quella della flat tax la cui unica conseguenza e' far pagare meno tasse ai miliardari, idea totalmente opposta alla nostra. Oggi se voti Pd - ha rincarato Speranza - in alcuni posti eleggi la Lorenzin, a Bologna eleggi Casini. E tuttavia l'esponente di Leu non ha chiuso completamente le porte ad un eventuale governo di larghe intese assicurando che «andremo in Parlamento con le nostre idee e ci confronteremo con tutti. E' evidente che la destra ha idee opposte alle nostre ma anche Cinquestelle e Pd sono diversi da noi, altrimenti non saremmo usciti dal Pd». Piuttosto, ha proseguito Speranza, «noi ci alleiamo con i giovani precari, con il mondo del lavoro con chi non riesce a curarsi come dovrebbe: dieci milioni di italiani».

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

cerrelli pubblicità elettoraleGiancarlo Cerrelli, candidato del centrodestra all’uninominale nel collegio Calabria 5, annuncia la rimozione dei banner elettorali presso la sede di partito della Lega in via Firenze a Crotone. La decisione è avvenuta in ossequio all’odierna determinazione, in tema di campagna elettorale, da parte della Prefettura di Crotone. «Malgrado tutte le autorizzazioni – informa una nota – concesse all’avvocato Giancarlo Cerrelli più di due settimane fa dall’Ufficio elettorale di Crotone, dalla Prefettura, dal Comune e dall’Akrea, a seguito di una riunione tenutasi in Prefettura, in merito alle affissioni di banner elettorali, in data odierna è pervenuta una comunicazione che dà una definizione ancora più restrittiva sulle precedenti disposizioni, che con molta probabilità avevano creato incertezza sull’interpretazione. Alla luce dei nuovi chiarimenti, che vietano l’esposizione di qualsiasi elemento riconducibile a campagna elettorale, per quel che ci riguarda presso la nostra sede di segreteria e sede di partito, in ossequio e rispetto delle istituzioni e delle nuove regole, abbiamo rimosso i nostri banner. Si sottolinea quindi l’agire trasparente del candidato Cerrelli, come sempre ligio alle regole, secondo le linee accordate in precedenza dagli uffici competenti, e l’adeguamento alle recentissime disposizioni, sebbene consapevole che tutto ciò derivi da un atteggiamento persecutorio da parte del Movimento 5 stelle che, non avendo argomentazioni programmatiche e altri principi di forza su cui attaccare la politica di Giancarlo Cerrelli, si basa su un elemento formale che è un semplice banner, che in sé non può certo determinare la vittoria o meno del candidato. Si tratta quindi di una persecuzione di tipo amministrativo, a quanto pare rivolta esclusivamente al candidato Cerrelli e non ad altri, propiziata dal Movimento 5 stelle. Azioni inutili, sterili, che non giovano certo al confronto politico, ma sono frutto dell’arroganza e del mero giustizialismo che il Movimento 5 stelle ha nel suo Dna».

 

 

 

Pubblicato in Politica

lettera cerrelli docentiLa campagna elettorale entra nella scuola. Mai avremmo immaginato che un dirigente scolastico di uno degli istituti comprensivi di Crotone potesse, sotto forma di circolare, fare pervenire ai docenti un invito a partecipare ad un incontro elettorale. E’ successo oggi in una scuola elementare. Prima che l’ultima campanella suonasse, uno dei bidelli è passato per le classi con un invito del candidato al collegio uninominale di Crotone per il centrodestra, Giancarlo Cerrelli. Nell’intestazione l’invito, a partecipare ad una iniziativa elettorale, è rivolto ai dirigenti scolastici e ai docenti. Nulla di irregolare o illegittimo è successo sino a quando il bidello non è passato per le classi a notificare l’invito del candidato ai docenti. I docenti, dal canto loro, pensando di trovarsi di fronte ad una circolare della scuola hanno posto la firma per presa visione. La politica entra anche a pieno titolo nella scuola e per una leggerezza o per la superficialità del dirigente. Per il momento limitiamoci a definirla una leggerezza e superficialità. Nella lettera ai dirigenti e docenti Cerrelli definisce “il sistema scolastico una componente essenziale per la crescita e lo sviluppo”. Si mette a disposizione di quanti vogliono avanzare proposte per migliorare la qualità della scuola italiana e invita tutti a partecipare ad un incontro da tenersi, lunedì 26 febbraio, presso una parrocchia di Crotone. Parrocchie e scuole unite nell’unico obiettivo di realizzare il progetto e mandare in parlamento il candidato. Mettiamo a disposizione di tutti gli interessati il documento, più che legittimo, mandato dal candidato al dirigente scolastico poco attento e quello delle firme, apposte dai docenti per presa visione, che invece qualche problema di legittimità e legalità lo pone.

 

 

 

Pubblicato in Politica

roberto speranzaRoberto Speranza sarà domani mattina a Crotone nel tour che affronterà in giornata per la Calabria. Il coordinatore nazionale di Liberi e uguali sarà alle ore 12, a Crotone, presso il ristorante “Le Stanze” sito sul Porto Vecchio, per tenere una conferenza stampa aperta al pubblico. Parteciperanno Nico Stumpo e gli altri candidati Leu alle politiche. Speranza proseguirà il suo tour alle ore 17 a Catanzaro, presso la Sala delle Culture in Piazza della Prefettura; alle ore 19 transiterà da Gioiosa Ionica, presso l’auditorium comunale; e quindi chiuderà alle ore 20.30 a Bovalino, presso il ristorante “Dolce e Salato” in via Cervalo 11.

 

 

 

Pubblicato in Politica

angela familiari«A che gioco giochiamo sull’aeroporto?». A rivolgere la domanda è la consigliera comunale dei “Popolari per Crotone”, nonché candidata alla Camera, nella circoscrizione nord, per la lista “Noi con l’Italia”, che interviene sugli ultimi avvenimenti riguardanti lo scalo pitagorico. «Condivido pienamente – dichiara la Familiari – la reazione del sindaco Pugliese, così come ne condivido la delusione per tutto ciò che è successo. Non è più accettabile che la Sacal continui a giocare con il futuro di Crotone. Ha fatto bene il sindaco di Crotone a sottolineare la propria disponibilità a sostenere l’aeroporto di Crotone soltanto quando ci saranno gli aerei sulla pista pitagorica». La candidata di “Noi per l’Italia” fa evidentemente riferimento alla frase espressa dal sindaco Pugliese “Pagare moneta, vedere cammello” [LEGGI ARTICOLO]. «Così come condivido – continua la Familiari – le parole della consigliera regionale Flora Sculco che, senza ipocrisie, ha definito drammatico l’incontro con De Felice e sconcertante l’atteggiamento del presidente della Regione Oliverio. Si ha quasi la sensazione che sia Sacal a gestire la politica regionale sui trasporti e non viceversa». La consigliera comunale dei Popolari di Crotone ha parole di fuoco per il Pd e i suoi massimi esponenti. «Ma l’atteggiamento del presidente della Regione non è l’unica cosa sconcertante di questa vicenda – aggiunge la Familiari – ancora più sconcertante è il silenzio del Partito democratico. Alla riunione di martedì ha partecipato anche l’onorevole Nicodemo Oliverio, da sempre silente su tutte le situazioni che riguardano Crotone. Atteggiamento che, constato, non è cambiato neanche in questa occasione. Cosa è andato a fare l’onorevole Oliverio ad una riunione senza esprimere neanche una parola, né prima, né durante e soprattutto né dopo, a difesa del nostro aeroporto? Per non parlare poi del segretario provinciale del Pd, il sindaco di Melissa Gino Murgi. Uno dei sindaci, giusto per chiarezza, che non ha versato i fondi per finanziare l’esercizio provvisorio, decretando, in questo modo la chiusura dello scalo. Anche Murgi si è chiuso in un clamoroso e vergognoso silenzio. Ma a che gioco stiamo giocando sull’aeroporto? Ho apprezzato – conclude Angela Familiari – l’iniziativa del comitato Sos Aeroporto che ha lanciato una class action contro Enac e Sacal. Una iniziativa che va condivisa da tutti, al di là degli schieramenti politici e che io sosterrò personalmente».

 

 

 

Pubblicato in Politica
Pagina 6 di 13