fbpx
Domenica, 05 Dicembre 2021

POLITICA NEWS

«L'associazione "libere donne" ritiene doveroso mettere in evidenza la conduzione faziosa e non garante della rappresentanza delle pari opportunità, messa in atto dal presidente della Commissione, Carmen Giancotti». È quanto si legge in una nota diramata dalla presidente dell’associazione Caterina Villirillo.

Pubblicato in Politica

«Nell'ambito dell'emergenza Covid-19 a Crotone – informa una nota – istituzioni ed enti del Terzo settore hanno attivato da subito un'importante collaborazione dando vita ad un Tavolo di Coordinamento istituito con l'obiettivo di sostenere e supportare le fasce deboli della popolazione e chi si trova in particolare difficoltà, azione estremamente rilevante in un momento particolarmente complicato quale quello attuale».

«Per soddisfare i bisogni primari – prosegue il comunicato – dei cittadini più "fragili", il Governo ha previsto particolari misure ed in questo contesto è stato adottato anche un provvedimento che destina 400 milioni di euro ai Comuni italiani da impiegare per far fronte alle necessità alimentari e di beni di prima necessità».

Il Centro servizi per il volontariato "Aurora" della provincia di Crotone, l'Arci Comitato Territoriale di Crotone, il Consorzio Jobel e Libere donne, oltre alle attività già programmate per supportare la comunità durante l'emergenza, hanno attivato un servizio di segretariato sociale finalizzato a fornire le informazioni di base relative alla presentazione della domanda per ottenere la concessione del buono spesa come da Avviso pubblico del Comune di Crotone».

Il servizio è fruibile ai seguenti riferimenti nelle date e orari indicati:

- CSV Crotone (da lunedì a venerdì, nelle fasce orarie 09.00 – 12.00 e 15.00 – 17.00)

Tel 096226443

Numero verde verde 800129757

Whatsapp (solo messaggi): 3500049609 

e-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- Arci Comitato Territoriale di Crotone (da lunedì a venerdì, dalle ore 9.30 alle ore  13.30)

Tel 0962 420447 / 348 0519394

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- Consorzio Jobel (da lunedì a venerdì, nelle fasce orarie 10.00 – 12.00 e 15.00 – 18.00)

Tel: 096227697

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Libere Donne (da lunedì a venerdì, nelle fasce orarie 10.00 – 12.00 e 15.00 – 18.00) 

Tel: Tel 327 491 7277

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Attualita'

giuseppe parretta ricordo pertiniE' stata una serata di grande commozione, ma anche di gioia, di cultura, di musica e parole quella organizzata da Katia Villirillo per ricordare il suo Giuseppe, vittima della violenza insensata. La donna ha così voluto ringraziare la città per la solidarietà e la vicinanza dimostratagli. Nell'auditorium dell'Istituto Pertini si è tenuto, ieri sera, promosso dalla associazione Libere Donne con il patrocinio del Comune di Crotone e della Provincia di Crotone l'evento "Gloria in cielo e pace in terra". Katia Villirillo ha voluto accanto a sé artisti, poeti ma anche gli amici di Giuseppe per una serata che si è svolta all'insegna di un messaggio chiaro, che questa donna forte e determinata ha voluto lanciare: con la pace si vince, non con la violenza. Condotta dalle bravissime Rosanna Bartolillo e Maria Lucia Cosentino la serata ha visto alternarsi sul palco artisti di grande spessore: la soprano Teresa Cardace, il tenore Luigi Mesoraca, le pianiste Maria Grazia Borda e Angela Liviera, il violinista Gianfranco Federico, la cantautrice Dorotea Li Causi, i cantanti Francesco e Saverio Sorrentino. La poetessa Raffaella Trusciglio ha recitato una sua composizione. Grande suggestione ha suscitato l'esibizione con l'arpa di Jukub Rizman Harp. Spazio anche alla creatività dei ragazzi di "Crotonesi che fanno cose" che hanno fatto dell'ironia sui social una chiave di lettura della società odierna che hanno dedicato una loro vignetta a Giuseppe. E poi tanti ragazze e ragazzi dell'Istituto Pertini Santoni, la scuola di Giuseppe, gli amici di sempre, Benedetta la sorella che ha letto, non potendo trattenere la commozione, una lettera dedicata al fratello. Tutti insieme con un’unica finalità: ricordare Giuseppe la cui vita è stata spezzata troppo presto ma che ha lasciato un grande messaggio di speranza, raccolto dalla mamma Katia. La vicesindaco Antonella Cosentino nel suo saluto introduttivo ha evidenziato la capacità di Katia di aver trasformato il suo dolore in una forza propulsiva per unire la comunità nei valori fondamentali della pacifica convivenza. "E' con la cultura che si combatte la violenza e l'intolleranza" ha detto Antonella Cosentino. Don Serafino Parisi ha ricordato Giuseppe come un ragazzo buono, legato alla famiglia ed anche il suo forte senso di gratitudine alla vita espresso nelle sue parole che sono state lette alla fine della serata che ha visto la partecipazione di un numeroso pubblico, commosso, che ha stretto in un ideale abbraccio Katia Villirillo: "dobbiamo imparare a stringersi più forte negli abbracci, a baciare con più calma, a dire più spesso quello che proviamo alla persone che amiamo perché non si sa mai quando è l'ultima volta". E' questo il messaggio che ci ha lasciato Giuseppe, le cui immagini di ragazzo pieno di voglia di vivere, scorrevano sulle note della sua canzone preferita "l'emozione non ha voce".

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

blugioventuconferenzaBlu Gioventù Crotone, Libere Donne e Accademia Karate Crotone sono le tre associazioni che si sono incontrate al Liceo Scientifico Benedetto XVI per parlare agli studenti del problema della violenza sulle donne. Matteo Tommasini, Gabriele Belfiore, Isabella Facciolo e Katia Villirillo hanno parlato ai ragazzi crotonesi utilizzando il loro linguaggio. Ad esempio la musica e il karate hanno accompagnato questo incontro del 26 novembre: «Noi di Blu Gioventù – ha detto il presidente Matteo Tommasini - abbiamo deciso di realizzare questo importante progetto contro la violenza sulle donne, realizzandolo all'interno di una scuola perché crediamo che il problema va eliminato alla radice. Noi giovani grazie all'informazione possiamo crescere, e fare violenza sulle donne è sinonimo di ignoranza». L'aula magna del liceo scientifico ha accolto diversi giovani perché «sensibilizzarli – ha aggiunto l'altro presidente Gabriele Belfiore - significa entrare in contatto con loro in prima persona. Per questo noi stiamo organizzando giornate simile a queste per parlare con i giovani, per riflettere insieme su un argomento importante come quello della violenza». Un particolare problema odierno che la scuola ha rappresentato tramite una simulazione di karate da parte di Elisabetta Facciolo, rappresentante dell'Accademia Karate Crotone, poiché «questa disciplina non è uno sport violento, ma è uno sport di difesa. Infatti – ha detto la rappresentante – faremo un'esibizione dove simuleremo un'aggressione in strada dimostrando vari attacchi che possano sferrare qualsiasi aggressione nei confronti di una ragazza». Parlarsi, difendersi, ascoltare musica: i giovani di Crotone si sono confrontati tra loro, terminando le tre giornate dedicate al tema della violenza sulle donne.

 

Danilo Ruberto

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

fiocco bianco studentiSono stati gli studenti delle scuole cittadine gli assoluti protagonisti della cerimonia di premiazione del concorso "Campagna per il Fiocco Bianco", promosso dall'associazione Libere Donne con il patrocinio del Comune di Crotone, svoltosi questa mattina nella sala consiliare. Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli eventi promossi dall'associazione Libere Donne in occasione della Giornata Internazionale per eliminazione violenza contro donne che ricorrerà il prossimo 25 novembre e che, proprio in tale data, vedrà l'organizzazione di una fiaccolata con partenza da piazza della Resistenza. Questa mattina, a sottolineare la necessità di dire un "No" deciso alla violenza sulle donne, sono stati alunni di scuole medie e superiori della città che, su sollecitazione dell'associazione Libere Donne, a esprimere con diverse le forme creative il proprio messaggio di solidarietà e di sensibilizzazione. In un'aula consiliare affollatissima, fianco a fianco, si sono ritrovati alunni di diverse età, ma tutti determinati a dare il loro piccolo, grande, contributo ad una battaglia che è di tutti e che purtroppo, non è ancora vinta. Lo hanno fatto con la leggerezza che è propria dei giovani, ma con la concretezza di appartenere a una società che rifiuta la violenza e che crede che la vera forza risiede nel rispetto. Al concorso hanno partecipato gli alunni dell'Istituto Don Milani, del Liceo Scientifico Filolao, dell'Istituto Rosmini, della scuola "Anna Frank", dell'Istituto Nautico, del Liceo Artistico, della Ragioneria e dell'Ipsia. Gli alunni sono stati accolti dalla presidente dell'associazione "Libere Donne" Caterina Villirillo e dal suo staff, dall'avvocato dell'associazione Giuseppe Barbuto e dall'assessore alle Politiche sociali del Comune Filippo Esposito. I ragazzi erano accompagnati dai docenti e dalle docenti che, con grande attenzione, hanno nelle settimane scorse illustrato in classe il tema della giornata proponendo spunti di riflessione che gli alunni hanno saputo cogliere e mettere su carta attraverso componimenti scritti, oppure rappresentarli in forma grafica con disegni e cartelloni ed addirittura realizzando piccole sculture o creazioni di moda che richiamassero il tema. Sono stati anche realizzati degli spot contro la violenza sulle donne, proiettati nel corso della giornata, di grande intensità emotiva ma che arrivano al bersaglio con efficacia. Un concorso che ha visto come vincitori tutti, perché da sconfiggere c'è solo la cieca violenza che si abbatte sulle donne. Tuttavia, come è giusto che avvenga in un concorso di idee, l'associazione Libere Donne ha stilato una classifica premiando le prime tre composizioni ma allargando anche ad altri partecipanti il giusto riconoscimento per la sensibilità espressa. Al primo posto si è classificata una creazione di moda presentata dagli alunni dell'Ipsia, al secondo posto il video della scuola "Anna Frank" ed al terzo un disegno degli alunni del Liceo Artistico.

Pubblicato in Cronaca