fbpx
Lunedì, 24 Giugno 2024

POLITICA NEWS

CROTONE Tanti, troppi i buchi neri, ancora, a un anno di distanza dalla strage di migranti, sui soccorsi dopo il naufragio dell'imbarcazione "Summer Love" avvenuto davanti alla spiaggia di Steccato di Cutro e provocando la morte di almeno 94 persone, tra cui 35 bambini.

 

Pubblicato in In primo piano

«La veglia di questa notte sulla spiaggia di Steccato di Cutro chiude gli eventi commemorativi ad un anno dalla strage, ma non i nostri ricordi che ci riportano, sempre, con la mente e con il cuore, a quanto accaduto proprio nel giorno in cui il Partito democratico festeggiava un'importante pagina di democrazia, con le primarie». È quanto scrive in una nota il circolo del Partio democratico di Crotone.

 

Pubblicato in Politica

CUTRO Un pezzo del caicco Summer love e poi oggetti raccolti sulla spiaggia: zaini, pigiamini, scarpe, biberon, una mela. Oggetti quotidiani di famiglie normali, di colpo scomparse, inghiottite dal mare adesso contenuti nella "Glass house" inaugurata stamani a Cutro dal presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto e dal sindaco del paese calabrese Antonio Ceraso nell'ambito delle iniziative promosse dalla Regione per commemorare, a un anno esatto dalla tragedia, le vittime del naufragio.

 

Pubblicato in Calabria

Le famiglie di vittime del naufragio di Steccato di Cutro ed alcuni superstiti faranno una causa civile risarcitoria nei confronti del governo per omissione di soccorso e per i danni subiti in conseguenza della tragedia. Lo ha annunciato uno dei familiari nel corso di una conferenza stampa a Crotone.

Pubblicato in In primo piano

Per ricordare le vittime del naufragio di Steccato di Cutro, a un anno dalla tragedia, la street artist Laika ha realizzato la sua nuova opera nelle stesse acque in cui sono affiorati i corpi di 94 persone, 35 dei quali minori, senza contare un numero imprecisato di dispersi. Si tratta di un'installazione galleggiante di 4 metri per 2, che ritrae un giovane migrante che lotta in mare per la sua vita: al centro dell'opera appare la scritta «Never again».

Pubblicato in Cultura e spettacoli

«Oggi sulla spiaggia di Cutro giace un altro relitto: sono le promesse naufragate dell'Europa dopo la tragedia di un anno fa. Sono i principi stessi di libertà, dignità e giustizia, divelti e abbandonati alla deriva, o condannati a incagliarsi nelle secche delle nostre coscienze assuefatte». Lo dichiara in una nota don Luigi Ciotti, presidente di Libera e del Gruppo Abele.

Pubblicato in In primo piano
Pagina 3 di 37