fbpx
Mercoledì, 30 Novembre 2022

POLITICA NEWS

«Sulla Statale 106 e' rimasto tutto come quando ha perso la vita mio fratello. Le luci? mai viste!». Parla la sorella di Vincenzo Perna all'indomani della condanna dell'investitore del fratello a 2 anni e 4 mesi. Ma a fare più male è l'immobilismo sulla “Strada della morte”.

Pubblicato in In primo piano

«Il Comitato per la Provincia della Magna Graecia – informa una nota – esprime tutta la sua indignazione per l’ennesimo atto di vero e proprio sciacallaggio perpetrato ai danni dell’arco jonico magnogreco».

Pubblicato in In primo piano

Un’auto che percorreva la statale 106 nei pressi di località “Fratelli Bandiera” si è ribaltata sulla carreggiata dopo il che conducente della stessa ha perso il controllo.

Pubblicato in Cronaca

Su impulso della missiva inviata lo scorso 2 dicembre dai consiglieri di “ConSenso” (Vincenzo De Franco, Salvatore Gaetano, Fabiola Marrelli ed Enrico Pedace), il direttore generale del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, Antonio Parente, ha intimato ad Anas di ripristinare le condizioni di sicurezza in merito all’impianto di illuminazione della Statale 106 e sulla E90 (zona Margherita, Gabella, San Giorgio, Poggio Pudano).

Pubblicato in In primo piano

Questa volta si sono rivolti direttamente al ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, i quattro consiglieri di “ConSenso” (Vincenzo De Franco, Salvatore Gaetano, Fabiola Marrelli ed Enrico Pedace) per l’impianto di illuminazione Strada statale 106 E 90 zona Margherita, Gabella, San Giorgio e Poggio Pudano. La missiva è rivolta anche al sindaco e presidente della provincia Crotone.

Pubblicato in Politica

rifiuti statale 106 fabbriche«Tra mille difficoltà, tutte ormai note, Akrea – informa una nota –continua a profondere il massimo impegno per limitare i disagi causati dall’accumulo di rifiuti per strada. Le zone critiche sono sempre le stesse: Statale 106, Farina, Sant’Antonio (in particolare via Macello). L’indiscriminato abbandono di spazzatura è costantemente all’attenzione degli operatori, i quali intervengono come possono per raccogliere rifiuti di ogni tipo, spesso anche quelli non urbani. Alcuni tratti della statale 106, famigerata non solo per l’alto tasso di mortalità stradale, sono ormai diventati una abnorme discarica, nonostante la ridotta presenza di abitazioni private. Anche la tipologia dei rifiuti quasi sempre non corrisponde a quella prodotta dagli insediamenti industriali e commerciali che insistono nell’area. Nella gallery fotografica sono visibili gli interventi delle squadre di Akrea lungo tutta l’arteria stradale (via Enrico Mattei a nord e via S. Luca a sud) che ricade nel perimetro urbano, anche se a volte l’impressione è quella di svuotare il mare con un secchiello. Per i prossimi giorni è previsto un piano d’azione coordinato al fine di razionalizzare e rendere più efficaci gli interventi, sia nei quartieri del centro sia in quelli periferici. Ma è ormai evidente a tutti che in alcune zone urbane il lavoro di Akrea deve essere supportato da provvedimenti più articolati e sinergici».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 7 di 17