fbpx
Giovedì, 18 Agosto 2022

POLITICA NEWS

maltempo strongoli statale allagataA causa di un allagamento dovuto alle forti piogge e' stata temporaneamente chiusa al traffico in entrambe le direzioni la strada statale 106 "Jonica", tra il km 262,000 e il km 265,500, nel territorio comunale di Strongoli, in provincia di Crotone. Uomini e mezzi di Anas sono a lavoro sul posto per consentire il ripristino della viabilita' in piena sicurezza. La nuova ondata di maltempo, dalla scorsa notte, continua ad imperversare in Calabria, con una pioggia battente che, soprattutto sulla fascia ionica cosentina e nella provincia di Crotone, continua a causare allagamenti e disagi in particolar modo sulle strade.

 

 

Pubblicato in Cronaca

statale allagataLa situazione meteo peggiorerà nel pomeriggio. Lo scrive il sindaco di Crotone Ugo Pugliese nell’ordinanza di chiusura immediata di uffici e pubblici esercizi. «Premesso che – si legge nell’ordinanza – le preoccupanti condizioni meteo, che stanno colpendo la città ed il resto del territorio, e considerato che i messaggi di allertamento unificato della fase previsionale emanati dalla Siar (Sala Operativa Regionale) che stanno pervenendo alla Protezione Civile, preannunciano ulteriori peggioramenti della situazione, impongono di adottare urgenti misure atte ad allertare la cittadinanza, affinché prestino ogni dovuta attenzione per evitare l'incorrere in situazione di potenziale pericolo». Intanto, lungo la strada statale 106 'Jonica' il traffico è rallentato a causa della presenza di fango sulla sede stradale e allagamenti in tratti saltuari da Cutro a Isola Capo di Rizzuto, dal km 216,000 al km 295,180 in provincia di Crotone. In via precauzionale, a causa della piena del fiume Neto, lungo la 106 'Jonica' è stata disposta la chiusura al traffico dal km 259,757 al km 259,983 a Crotone. La statale 18 'Tirrena Inferiore' al momento risulta interdetta al traffico dal km 383,300 al km 384,300 in località Curinga a Lamezia Terme. Il traffico viene deviato lungo l'A2 Autostrada del Mediterraneo con uscita a Lamezia Terme e rientro a Pizzo. A causa dell'allagamento della sede stradale, traffico interdetto sulla strada statale 18 anche dal km 423,000 al km 425, 800 in loclaità Pizzo. Il traffico viene deviato lungo l'A2 Autostrada del Mediterraneo con uscita a Pizzo e rientro a Sant'Onofrio in provincia di Vibo Valentia. Anas, società del Gruppo Fs Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l'evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all'applicazione Vai di Anas, disponibile gratuitamente in App store e in Play store. Inoltre Anas ricorda che il servizio clienti Pronto Anas è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800.841.148.

 

 

Pubblicato in Cronaca

incidente statale 106 superetteQuattro persone sono rimaste ferite, a Crotone, in un incidente stradale avvenuto alle porte della citta', sulla Ss 106, all'incrocio tra la statale e la consortile. Il sinistro ha coinvolto piu' automezzi, uno dei quali autoarticolato. Una squadra dei Vigili del Fuoco ha estratto i feriti dalle autovetture coinvolte e, consegnatili alle cure dei sanitari del 118 , hanno messo in sicurezza le auto, da dove fuoriusciva liquido. Tre sono stati i feriti portati in ospedale da 2 ambulanze, tutti erano nelle autovetture, mentre per l'autista del mezzo pesante solo un gran spavento. A rendere sicuro e scorrevole il tratto di strada ha provveduto la Polizia Stradale, rimasta sul posto per i rilievi del caso.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

vigilanza protesta cgilNuova protesta delle guardie giurate crotonesi dipendenti dell'Istituto di vigilanza privata notturna e diurna di Catanzaro. Dopo il sit dei giorni scorsi per chiedere il pagamento delle mensilita' arretrate, le guardie giurate questa mattina hanno alzato il livello della protesta rallentando il traffico sulla strada statale 106 all'altezza del cavalcavia nord a causa dell'ennesimo rinvio del pagamento degli stipendi; le mensilita' arretrate a questo punto sono diventate tre. "La situazione e' peggiorata - dice Armando Labonia della Filcams Cgil Crotone - l'azienda ha inviato l'ennesima lettera che annuncia un ritardo di pagamento. Le 15 famiglie di questi lavoratori sono in grande difficolta' e per questo chiediamo al prefetto di convocarci immediatamente per risolvere il problema che non e' solo di Crotone, ma dell'intera Calabria. Anche le guardie giurate alla Cittadella regionale non sono pagate da mesi". Il sindacalista chiede al Questore di Crotone "di verificare se l'azienda ha ancora i requisiti per poter svolgere queste attivita'".

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

semaforo rossoI carabinieri della Stazione di Cutro sono intervenuti in localita' Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto presso il cantiere della ditta "Costruzioni Generali srl", per il furto, ad opera d'ignoti, della batteria che alimenta il semaforo mobile direzione Catanzaro, che regola il traffico per i lavori in corso. Sono in corso indagini.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

armani anas oliverio"Per la Calabria c'e' un impegno epocale da parte dell'Anas, perche' in questa regione vengono concentrati 4 miliardi e 600 milioni di investimenti". Lo ha detto l'amministratore delegato dell'Anas, Gianni Vittorio Armani, alla Cittadella regionale, per presentare il progetto della variante della strada statale 106 per il nuovo collegamento tra Catanzaro e Crotone. Il presidente della Regione Mario Oliverio e l’amministratore delegato di Anas Gianni Vittorio Armani hanno presentato, oggi pomeriggio nella “Sala oro”, la proposta per la realizzazione in variante al vecchio tracciato della 106 del nuovo collegamento tra Crotone e Simeri Crichi. Ha coordinato i lavori l’assessore regionale alle infrastrutture Roberto Musmanno. Presenti in sala, tra gli altri, il sindaco e presidente della Provincia di Crotone Ugo pugliese, i consiglieri regionali Flora Sculco e Arturo Bova, il presidente della provincia di Catanzaro Enzo Bruno. Armani ha illustrato il Contratto di programma Anas 2016/2010, approvato con delibera Cipe del 15 dicembre 2017, con 23,4 miliardi di euro interamente finanziati, concentrati con 13 miliardi di euro per il 56% sud e isole. L'idea progettuale ha come obiettivo quello di collegare lo svincolo di Simeri Crichi (Catanzaro) a quello del Passovecchio (Crotone) portando la distanza a soli 55 chilometri tra i due capoluoghi, percorribile in 30 minuti, con limite di velocita' consentita a 110 chilometri all'ora. Il tracciato, una volta realizzato, attraversa complessivamente 5 comuni della provincia di Crotone (Crotone, Cutro, San Mauro Marchesato, Roccabernarda e Mesoraca) e altrettanti della provincia di Catanzaro (Catanzaro, Simeri, Cropani, Belcastro e Marcedusa) ricomprendendo un territorio di circa 300.000 abitanti: alla base del progetto, la richiesta della Provincia di Crotone e di circa 40 Comuni, presentata alla Regione, e del Comitato "Nuova 106 adesso".

oliverio armani anas"Dei quattro miliardi e 600 milioni di euro - ha aggiunto Armani - un miliardo e settecento milioni sono previsti per il megalotto 3 di Sibari nella direttrice verso la Puglia, assicurando cosi' un collegamento storico e poi abbiamo quasi tre miliardi per la messa in sicurezza e i completamenti lineari. La parte fondamentale, quasi due miliardi, sono concentrati sulla statale 106 ed e' divisa in vari blocchi, tra cui - ha proseguito l'ad dell'Anas - il completamento del tratto di Palizzi per 250 milioni, il megalotto 3 e il completamento, da 690 milioni, per tutta la direttrice, con un focus particolare nel tratto nord da Catanzaro e Simeri e la definitiva messa in sicurezza. A questi - ha sostenuto Armani - vanno aggiunti i 340 milioni della delibera Cipe del 22 dicembre 2017 che ancora devono essere allocati e questo tavolo di confronto che oggi apriamo per la variante da Catanzaro a Crotone. Il tracciato proposto dagli Enti locali ed attualmente all’esame di Anas è lungo 48 Km circa e si pone come possibile alternativa a quello della SS 106 per il traffico di lunga percorrenza veloce e pesante, lasciando all’attuale infrastruttura costiera i flussi più locali, turistici, leggeri ed agricoli. Lo spostamento più all’interno rispetto alla linea di costa ed un itinerario più diretto, consentirebbe una significativa riduzione della distanza fra Crotone e Catanzaro e grazie al potenziamento della rete agevolerebbe l’interconnessione dei comuni più interni dando impulso allo sviluppo economico e sociale del territorio. La velocità di percorrenza potrebbe aumentare rispetto agli attuali da 70 Km/h, così come la sicurezza stradale grazie all’adozione dei moderni standard di progettazione a tutto vantaggio di una popolazione di circa 500mila abitanti che gravita attorno a tale strada”.

“Oggi – ha affermato il presidente Oliverio - grazie a una costante attività di confronto con il Governo, l'Anas e le amministrazione locali, il corridoio jonico, grande progetto che era stato insabbiato da quasi un decennio nelle secche della burocrazia, può diventare realtà. Esso costituisce una tappa importante nel disegno strategico che abbiamo messo in campo per connettere la Calabria verso l'esterno e al suo interno. Ora bisogna accelerare per garantire il rispetto dei tempi e realizzare le attese ricadute in termini di occupazione e di rilancio del comparto dell’economia. La nostra – ha rimarcato Oliverio – è una scelta chiara e netta per togliere finalmente da un isolamento non più tollerabile una parte fondamentale della Calabria, la fascia jonica e i suoi abitanti: quasi il 40% della popolazione calabrese. La realizzazione di questa nuova infrastruttura stradale nella zona centrale della Calabria, sulla costa jonica, è parte di un progetto sistematico di una rete complessa e completa di comunicazione che l’attuale Giunta regionale si è data come obiettivo per rendere il territorio calabrese più accessibile e con minori tempi di percorrenza. Una scelta prioritaria che abbiamo assunto come programma di governo con l’obiettivo principale di garantire l’accessibilità delle aree non collegate favorendone lo sviluppo. Per questo motivo– ha concluso il presidente Oliverio – si rende necessario da subito l’elaborazione di uno studio di fattibilità con la consulenza tecnica dell’Anas recependo le proposte contenute nelle 38 delibere approvate dai consigli provinciali e comunali e dal Comitato Crotone nuova 106 adesso”.

vincelli musumannoAl termine, la presidente del Comitato Marina Vincelli ha ufficialmente consegnato le firme raccolte attraverso una petizione popolare sulla 106 jonica. Il progetto ha come obiettivo quello di collegare lo svincolo di Simeri Crichi (Catanzaro) a quello del Passovecchio (Crotone) portando la distanza a soli 55 Km tra Crotone e Catanzaro, percorribile in 30 minuti, con limite di velocità consentita a 110 Km/h. Il tracciato attraversa complessivamente cinque comuni della provincia di Crotone (Crotone, Cutro, San Mauro Marchesato, Roccabernarda e Mesoraca) ed altrettanti della provincia di Catanzaro (Catanzaro, Simeri, Cropani, Belcastro e Marcedusa).

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 9 di 17