fbpx
Mercoledì, 30 Novembre 2022

POLITICA NEWS

semaforo rossoI carabinieri della Stazione di Cutro sono intervenuti in localita' Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto presso il cantiere della ditta "Costruzioni Generali srl", per il furto, ad opera d'ignoti, della batteria che alimenta il semaforo mobile direzione Catanzaro, che regola il traffico per i lavori in corso. Sono in corso indagini.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

armani anas oliverio"Per la Calabria c'e' un impegno epocale da parte dell'Anas, perche' in questa regione vengono concentrati 4 miliardi e 600 milioni di investimenti". Lo ha detto l'amministratore delegato dell'Anas, Gianni Vittorio Armani, alla Cittadella regionale, per presentare il progetto della variante della strada statale 106 per il nuovo collegamento tra Catanzaro e Crotone. Il presidente della Regione Mario Oliverio e l’amministratore delegato di Anas Gianni Vittorio Armani hanno presentato, oggi pomeriggio nella “Sala oro”, la proposta per la realizzazione in variante al vecchio tracciato della 106 del nuovo collegamento tra Crotone e Simeri Crichi. Ha coordinato i lavori l’assessore regionale alle infrastrutture Roberto Musmanno. Presenti in sala, tra gli altri, il sindaco e presidente della Provincia di Crotone Ugo pugliese, i consiglieri regionali Flora Sculco e Arturo Bova, il presidente della provincia di Catanzaro Enzo Bruno. Armani ha illustrato il Contratto di programma Anas 2016/2010, approvato con delibera Cipe del 15 dicembre 2017, con 23,4 miliardi di euro interamente finanziati, concentrati con 13 miliardi di euro per il 56% sud e isole. L'idea progettuale ha come obiettivo quello di collegare lo svincolo di Simeri Crichi (Catanzaro) a quello del Passovecchio (Crotone) portando la distanza a soli 55 chilometri tra i due capoluoghi, percorribile in 30 minuti, con limite di velocita' consentita a 110 chilometri all'ora. Il tracciato, una volta realizzato, attraversa complessivamente 5 comuni della provincia di Crotone (Crotone, Cutro, San Mauro Marchesato, Roccabernarda e Mesoraca) e altrettanti della provincia di Catanzaro (Catanzaro, Simeri, Cropani, Belcastro e Marcedusa) ricomprendendo un territorio di circa 300.000 abitanti: alla base del progetto, la richiesta della Provincia di Crotone e di circa 40 Comuni, presentata alla Regione, e del Comitato "Nuova 106 adesso".

oliverio armani anas"Dei quattro miliardi e 600 milioni di euro - ha aggiunto Armani - un miliardo e settecento milioni sono previsti per il megalotto 3 di Sibari nella direttrice verso la Puglia, assicurando cosi' un collegamento storico e poi abbiamo quasi tre miliardi per la messa in sicurezza e i completamenti lineari. La parte fondamentale, quasi due miliardi, sono concentrati sulla statale 106 ed e' divisa in vari blocchi, tra cui - ha proseguito l'ad dell'Anas - il completamento del tratto di Palizzi per 250 milioni, il megalotto 3 e il completamento, da 690 milioni, per tutta la direttrice, con un focus particolare nel tratto nord da Catanzaro e Simeri e la definitiva messa in sicurezza. A questi - ha sostenuto Armani - vanno aggiunti i 340 milioni della delibera Cipe del 22 dicembre 2017 che ancora devono essere allocati e questo tavolo di confronto che oggi apriamo per la variante da Catanzaro a Crotone. Il tracciato proposto dagli Enti locali ed attualmente all’esame di Anas è lungo 48 Km circa e si pone come possibile alternativa a quello della SS 106 per il traffico di lunga percorrenza veloce e pesante, lasciando all’attuale infrastruttura costiera i flussi più locali, turistici, leggeri ed agricoli. Lo spostamento più all’interno rispetto alla linea di costa ed un itinerario più diretto, consentirebbe una significativa riduzione della distanza fra Crotone e Catanzaro e grazie al potenziamento della rete agevolerebbe l’interconnessione dei comuni più interni dando impulso allo sviluppo economico e sociale del territorio. La velocità di percorrenza potrebbe aumentare rispetto agli attuali da 70 Km/h, così come la sicurezza stradale grazie all’adozione dei moderni standard di progettazione a tutto vantaggio di una popolazione di circa 500mila abitanti che gravita attorno a tale strada”.

“Oggi – ha affermato il presidente Oliverio - grazie a una costante attività di confronto con il Governo, l'Anas e le amministrazione locali, il corridoio jonico, grande progetto che era stato insabbiato da quasi un decennio nelle secche della burocrazia, può diventare realtà. Esso costituisce una tappa importante nel disegno strategico che abbiamo messo in campo per connettere la Calabria verso l'esterno e al suo interno. Ora bisogna accelerare per garantire il rispetto dei tempi e realizzare le attese ricadute in termini di occupazione e di rilancio del comparto dell’economia. La nostra – ha rimarcato Oliverio – è una scelta chiara e netta per togliere finalmente da un isolamento non più tollerabile una parte fondamentale della Calabria, la fascia jonica e i suoi abitanti: quasi il 40% della popolazione calabrese. La realizzazione di questa nuova infrastruttura stradale nella zona centrale della Calabria, sulla costa jonica, è parte di un progetto sistematico di una rete complessa e completa di comunicazione che l’attuale Giunta regionale si è data come obiettivo per rendere il territorio calabrese più accessibile e con minori tempi di percorrenza. Una scelta prioritaria che abbiamo assunto come programma di governo con l’obiettivo principale di garantire l’accessibilità delle aree non collegate favorendone lo sviluppo. Per questo motivo– ha concluso il presidente Oliverio – si rende necessario da subito l’elaborazione di uno studio di fattibilità con la consulenza tecnica dell’Anas recependo le proposte contenute nelle 38 delibere approvate dai consigli provinciali e comunali e dal Comitato Crotone nuova 106 adesso”.

vincelli musumannoAl termine, la presidente del Comitato Marina Vincelli ha ufficialmente consegnato le firme raccolte attraverso una petizione popolare sulla 106 jonica. Il progetto ha come obiettivo quello di collegare lo svincolo di Simeri Crichi (Catanzaro) a quello del Passovecchio (Crotone) portando la distanza a soli 55 Km tra Crotone e Catanzaro, percorribile in 30 minuti, con limite di velocità consentita a 110 Km/h. Il tracciato attraversa complessivamente cinque comuni della provincia di Crotone (Crotone, Cutro, San Mauro Marchesato, Roccabernarda e Mesoraca) ed altrettanti della provincia di Catanzaro (Catanzaro, Simeri, Cropani, Belcastro e Marcedusa).

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

guardia di finanzaAvevano in auto 106 grammi di cocaina, ma sono stati intercettati da una pattuglia della guardia di finanza in servizio sulla strada statale 106. Si tratta di due persone originarie di San Leonardo di Cutro, bloccate nel territorio a cavallo tra le province di Catanzaro e Crotone. In particolare, i "baschi verdi" del gruppo di Catanzaro hanno proceduto all'arresto in flagranza di reato, dopo che i due sono stati sorpresi in auto con due involucri di cocaina. I due, gia' noti alle forze dell'ordine, si trovavano a bordo di un'utilitaria sulla statale 106 ionica, nel comune di Belcastro. La vendita al dettaglio della droga, che e' stata sequestrata, avrebbe fruttato una somma pari a 30.000 euro. Per i due cutresi si sono aperte le porte del carcere di Catanzaro. Uno di loro, nemmeno una settimana prima di questo episodio, aveva finito di espiare una pena detentiva di anni cinque sempre per vicende giudiziarie legate a traffici di droga.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

cisterna ribaltataTraffico bloccato sulla strada statale 106 ionica all'altezza del comune di Strongoli, nel crotonese, dove un'autocisterna che trasportava gas si e' ribaltata sulla carreggiata. Secondo una prima ricostruzione il mezzo pesante, per evitare una collisione con un'autovettura in fase di sorpasso, ha urtato un muretto laterale ribaltandosi su un fianco. L'autista e' stato trasportato in ospedale. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco del comando provinciale di Crotone che stanno operando con estrema cautela per trasferire il liquido in un’altra cisterna. La Polizia Stradale, oltre a deviare il traffico sulla viabilita' locale, sta svolgendo i rilievi per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente.

Pubblicato in Cronaca

progetto nuova statale 106Il circolo cittadino “Pasquale Senatore” di Fratelli d’Italia-An Crotone – attraverso il segretario provinciale Maria Adele Bottaro e il commissario cittadino Giovanni Iaconis – condivide e plaude all’iniziativa del "Comitato Crotone nuova 106 adesso", nato da una idea dell’architetto Marina Vincelli. L’iniziativa, volta a raccogliere il maggior numero di adesioni a sostegno del progetto “variante a megalotto 6 della Strada statale 106”, «trova – è scritto in un comunicato – in Fratelli d’Italia-An un deciso sostenitore nella convinzione che il momento storico che vive Crotone e tutta la provincia sia il più oscuro nella storia moderna sotto il profilo delle carenze infrastrutturali. Con una Statale 106 inadeguata, l’aeroporto chiuso, la stazione agonizzante ed il porto disastrato l’intero territorio patisce una situazione di isolamento che aggrava e danneggia ancor di più il già delicato e fragile tessuto economico imprenditoriale e turistico. Anni e anni di politica miope, inadeguata ed incompetente hanno fatto si che quella città che godeva di infrastrutture valide e funzionanti, con ricaduta positiva su ogni comparto economico e sociale, si trasformasse in una città isolata dal mondo. Fratelli d’Italia chiama la popolazione ad una presa di coscienza ed ad un impegno concreto al di la dei colori politici nell’interesse e per il bene di Crotone. Solo uniti le battaglie potranno essere vinte a cominciare dalla battaglia per l’ammodernamento della Statale 106 tramite un progetto che ha già avuto il riscontro positivo di alcune città della provincia e che prevede la messa in opera di una Superstrada extraurbana di 1^ categoria a quattro corsie che consentirebbe di arrivare a Catanzaro in poco più di mezz’ora con notevole miglioramento della sicurezza stradale a vantaggio di una popolazione di circa 500.000 abitanti. Il progetto dovrà essere realizzato dalla Regione Calabria e sin d’ora annunciamo il nostro pieno sostegno nella richiesta che sarà inoltrata al presidente Oliverio. Il circolo di Crotone di Fratelli d’Italia, conscio dell’importanza della problematica ha già inoltrato un dossier sull’isolamento di Crotone alla segreteria del partito nella convinzione che a livello nazionale tale questione verrà attenzionata. E non ci fermeremo qui».

 

 

 

Pubblicato in Politica

fuoco rifiutiE' stato sorpreso mentre alimentava la combustione di un cumulo di rifiuti fra cui vecchi mobili, cartoni, materiale plastico, cassette in legno e altri materiali in prossimita' della rotonda stradale che conduce allo svincolo sud della strada statale 106 a Crotone; aveva anche provveduto tramite acqua spruzzata con un tubo di gomma a bagnare una fascia di terreno per impedire che il fuoco accidentalmente si propagasse nella direzione non desiderata. Dopo una serie di verifiche e accertamenti l'uomo, un pensionato residente a Crotone, e' stato segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale della citta'.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 10 di 17