fbpx
Lunedì, 04 Luglio 2022

PRIMO PIANO NEWS

Accordo tra Sorical e Soakro per dare tregua al braccio di ferro in atto sulla fornitura idrica

Posted On Giovedì, 16 Aprile 2015 18:23 Scritto da

Sorical si è detta pronta a "cristallizzare" il debito di circa 29 milioni di euro maturati nei confronti di Soakro; mentre quest'ultima, dal suo, si è impegnata a corrispondere entro la fine del mese di aprile gli emolumenti arretrati ai lavoratori. Nella prima decade di maggio, inoltre, sarà convocata una riunione dell'Assemblea dei sindaci per assumere la migliore decisione in ordine ad un percorso virtuoso da individuare per la gestione del servizio idrico. Questi gli esiti  della riunione tenutasi in mattinata presso la Prefettura di Crotone presieduta dal prefetto Vincenzo De Vivo. Il vertice è stato dedicato alla trattazione di problematiche inerenti al sistema idrico integrato provinciale. All'incontro, richiesto dal sindaco di Crotone, Vallone, hanno partecipato i soggetti istituzionali coinvolti a vario titolo nella tematica e, in particolare, come detto, il sindaco e presidente della provincia di Crotone; i sindaci di Cotronei, Strongoli e Verzino; il direttore generale del dipartimento regionale Lavori Pubblici, Pallaria, in rappresentanza del presidente della regione Calabria, Oliverio; i commissari liquidatori ed i rappresentanti di Sorical; il presidente e il direttore generale di Soakro; i segretari provinciali delle organizzazioni sindacali Filctem -Cgil e Fp-Cgil, oltre al aappresentante aziendale Uil-Tec. Il Sindaco di Crotone - si legge in una nota diramata dalla Prefettura - attesa la gravissima situazione in cui versa Soakro, ha dato atto della incondizionata assunzione di responsabilita' da parte dell'assemblea dei Sindaci sulla problematica del servizio idrico integrato e, segnatamente, in ordine all'assoluta consapevolezza che occorre che tutti i sindaci della provincia si riuniscano nell'ambito di Soakro. Sara' indetta, entro fine mese, per essere espletata entro la prima decade di maggio, una riunione della stessa Assemblea dei sindaci, affinche', intanto, si assuma la migliore decisione in ordine ad un percorso virtuoso da individuare per la gestione del servizio idrico; inoltre, tra l'altro, al fine di operare ogni opportuna valutazione per la sorte di Soakro, se cioe', vi siano estremi affinche' la societa' possa continuare ad operare, dettagliando un piano di gestione realizzabile. A tale riunione partecipera' anche Pallaria, nonche' una rappresentanza di Sorical. Peraltro, lo stesso Pallaria ha rammentato che, ai sensi dell'art. 7 della Legge cosiddetta "Sblocca Italia", i sindaci sono normativamente obbligati ad entrare tutti in un ambito territoriale-unico, pena la possibilita', da parte del presidente della Regione Calabria, di nominare un commissario ad acta per l'esecuzione. La regione medesima, in caso di mancata attuazione di quanto sopra, sarebbe assoggettata a procedura d'infrazione comunitaria da parte della Commissione Europea. Nell'ambito di questa prossima riunione, dovra' essere trattato il tema dell'individuazione delle risorse per corrispondere a Sorical il pagamento del "corrente", in quanto la medesima societa' ha comunque confermato la disponibilita' a "cristallizzare" il pregresso debito, che ammonta a circa 29 milioni di euro. Soakro si e' altresi' impegnata, entro la fine del mese di aprile, a corrispondere gli emolumenti stipendiali ai lavoratori.