fbpx
Martedì, 16 Agosto 2022

PRIMO PIANO NEWS

Ambito sociale Crotone: ok al Piano di zona per il sistema integrato degli interventi

Posted On Giovedì, 09 Giugno 2022 19:15 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

«È stato sottoscritto questo pomeriggio, nella Casa comunale – informa una nota –, dai sindaci di Crotone, Vincenzo Voce, di Belvedere Spinello, Rosario Macrì, di Rocca di Neto, Alfonso Dattolo, di San Mauro Marchesato, Carmine Barbuto, di Isola Capo Rizzuto, Maria Grazia Vittimberga, dal commissario prefettizio di Cutro, Girolamo Bonfissuto, e dal commissario dell'Azienda sanitaria provinciale di Crotone, Domenico Sperlì, l'accordo di programma per l'adozione e l'attuazione del piano di Zona per il sistema integrato di interventi e servizi sociali dell'Ambito sociale di Crotone».

Hanno partecipato ai lavori l'assessore alle Politiche Sociali Filly Pollinzi, il dirigente del settore Francesco Marano e la funzionaria dei servizi sociali Alessandra Mesoraca. Si tratta di un documento storico dal punto di vista delle politiche sociali: è il primo piano di zona dell'Ambito sociale di Crotone.
«Un piano preceduto da un lavoro coordinato dall'Unical – riferisce la nota –, con la quale era stato sottoscritto un protocollo di intesa per curare la parte scientifica e da una serie di tavoli tematici che hanno visto la partecipazione del terzo settore, dei sindacati, dell'Azienda sanitaria provinciale. Il Piano di zona costituisce lo strumento per la programmazione sociale del territorio dell'Ambito sociale pur rilevando e tenendo conto delle peculiarità e delle differenze presenti e si pone l'obiettivo di costruire un sistema locale degli interventi e dei servizi coerente con la normativa vigente e con gli indirizzi espressi dalle amministrazioni comunali».
«Il Piano – spiega la nota – prevede la sperimentazione di strategie per migliorare l'organizzazione delle risorse disponibili nella comunità locale e rispondere ai bisogni dei cittadini, tenendo conto delle relazioni, dello spazio e dei tempi di vita delle persone e delle famiglie. Lo stesso, in linea con quanto previsto dalla normativa nazionale e regionale, rappresenta anche lo strumento per coordinare la programmazione sociale con gli strumenti di programmazione esistenti e con le altre iniziative di promozione degli interventi della rete sociale, per ottimizzare le politiche sociali del territorio».
«Il Piano di zona, infine – conclude la nota –, rappresenta anche una efficace azione di governance, intesa come sistema di governo e coordinamento allargato per intraprendere azioni e politiche appropriate in contesti dinamici e soggettivamente complessi».