fbpx
Sabato, 13 Agosto 2022

PRIMO PIANO NEWS

Braccato ''topo d'appartamento'' a Crotone: 40enne del luogo in carcere

Posted On Venerdì, 24 Giugno 2022 18:43 Scritto da Redazione

Chiuso il cerchio sul “topo d’appartamento” che stava tenendo in aprrensione e non poco i cittadini crotonesi che avevano avviato un tam tam attraverso dei post sui social, ma anche sulla messaggistica istantanea.

I poliziotti dell’ufficio Prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura hanno infatti dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di un 40enne crotonese, ritenuto responsabile di reiterati furti consumati e tentati in abitazioni. Gli episodi erano tutti avvenuti in città negli ultimi quindici giorni che avevano destato un preoccupante e crescente allarme sociale nella cittadinanza.
Dall’attività investigativa è emerso che il 40enne si sarebbe reso responsabile, a partire dallo scorso 3 giugno, di almeno 5 tentativi di intrusione in abitazioni private, quattro dei quali non portati a termine in quanto datosi alla fuga dopo essere stato sorpreso dai proprietari.
In un'altra circostanza, invece, il quarantenne crotonese, dopo essere venuto in possesso di alcune carte elettroniche di pagamento di proprietà di una donna, avrebbe effettuato almeno due prelievi di contanti, oltre a varie spese in alcuni esercizi commerciali della città.
Le indagini avviate dai poliziotti a seguito delle denunce sporte dai privati cittadini, hanno permesso di cristallizzare i vari episodi, permettendo di ricondurli ad un unico autore; fondamentali sono state alcune immagini degli impianti di videosorveglianza cittadini, ed i riconoscimenti fotografici effettuati dalle vittime, che il più delle volte si sono trovati di fronte l’intruso, il quale, dopo essere riuscito ad aprire i portoni d’ingresso delle abitazioni, quasi sempre si era dato alla fuga dopo essere stato scoperto.
Singolari anche le modalità con le quali l’uomo riusciva ad aprire, in brevissimo tempo, i portoncini d’ingresso delle abitazioni senza neanche danneggiarli. L’uomo, infatti, avrebbe utilizzato alcune schede plastificate o altri oggetti sottili che, almeno in un’occasione, sono stati rinvenuti indosso all’uomo dagli operatori di polizia intervenuti.
Il completo quadro indiziario è stato condiviso dalla Procura della Repubblica, che ha avanzato richiesta al GIP per l’emissione di un provvedimento restrittivo nei confronti dell’uomo, prontamente rintracciato e condotto in carcere dai poliziotti della Questura.