fbpx
Sabato, 13 Agosto 2022

PRIMO PIANO NEWS

Calabria, sistema antincendi a «tolleranza zero» assicura il presidente Occhiuto

Posted On Giovedì, 30 Giugno 2022 12:49 Scritto da Redazione

CATANZARO Un nuovo sistema di prevenzione, intervento e repressione sul fronte degli incendi con il coinvolgimento diretto dell'associazionismo di protezione civile e dei lavoratori idraulici forestali di Calabria Verde, ma anche dell'Arma territoriale e dei Carabinieri Forestali, Vigili del fuoco, Prociv Calabria.

E' all'insegna della tolleranza zero quello messo a punto in Calabria dalla Regione per contrastare uno dei fenomeni più drammatici e devastanti per l'ambiente che lo scorso anno ha fatto segnare nella regione un bilancio drammatico oltre che in termini di distruzione di boschi anche di perdita di vite umane.
Il Piano antincendi regionale è stato illustrato dal presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto e dall'assessore regionale alla Forestazione Gianluca Gallo, presenti il direttore regionale dei Vigili del Fuoco Maurizio Lucia, il colonnello Francesco Iacono dei Carabinieri e il colonnello Salvatore Spanò dei Carabinieri forestali, i vertici regionali di Prociv, Dipartimento e Calabria Verde.
«C'è una fortissima determinazione - ha detto Occhiuto - da parte della Regione ma anche da parte di tutte le istituzioni coinvolte nella prevenzione e repressione. Ce ne siamo occupati da mesi e abbiamo stipulato convenzioni anche con i carabinieri dell'Arma territoriale che opereranno con i carabinieri forestali. Siglata anche l'intesa con i vigili del fuoco».
«Ma la vera novità - ha sostenuto il presidente - è quella che riguarda il capovolgimento del paradigma degli incentivi utilizzando un percorso già sperimentato da un uomo, non è del centrodestra, Tonino Perna il quale da presidente del Parco dell'Aspromonte affidò compiti di tutela dagli incendi ad associazioni di volontariato e decise di retribuirle in ragione del diminuito numero di roghi. Noi abbiamo mutuato questo modello. E questo percorso con il consenso dei sindacati lo stiamo realizzando anche per gli operai forestali che svolgono un lavoro straordinario».
«Purtroppo - ha sottolineato - la stupidità o la disonestà non si possono abolire per decreto. Per questo sollecitiamo il coinvolgimento attivo delle popolazioni per individuare chi va ad appiccare i roghi».