fbpx
Sabato, 02 Luglio 2022

PRIMO PIANO NEWS

Canile Crotone: sottoscritto protocollo per utilizzo da Comune, Asp ed Enpa

Posted On Mercoledì, 30 Marzo 2022 18:49 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

«Sottoscritto il protocollo di intesa per l'utilizzo del canile sanitario». Lo rende noto l’amministrazione comunale di Crotone.

«Si mette a disposizione del migliore amico dell’uomo – si legge in un comunicato – una struttura specializzata per la sua cura ed allo stesso tempo si opera per fronteggiare il fenomeno del randagismo. È stato sottoscritto questa pomeriggio il protocollo di intesa tra Comune, Azienda sanitaria provinciale ed Ente nazionale protezione animali per l’utilizzo del canile sanitario in località Martorana. Il protocollo è stato sottoscritto dal sindaco Voce, dal commissario straordinario dell’Asp Domenico Sperlì e dal presidente dell’Enpa Giuseppe Trocino. Erano presenti alla sottoscrizione la dottoressa Paola Morace e il dottor Francesco Pugliano del dipartimento Veterinario dell’azienda sanitaria».

«Alla sottoscrizione si è arrivati – spiega la nota – dopo che su proposta dell’assessore Gianni Pitingolo la Giunta ne ha approvato lo schema e le finalità. Il protocollo nasce nello spirito del Piano straordinario di prevenzione sul randagismo che prevede la cooperazione con le associazioni di volontariato che si adoperano quotidianamente per cercare di soccorrere gli animali abbandonati, e favorire la promozione e la gestione degli affidamenti e delle adozioni. Nel protocollo è previsto che i cani randagi nel territorio comunale saranno prelevati dall’Unità specifica dell’Asp e portati al canile sanitario sito in località Martorana del comune di Crotone».

«I veterinari dell’Asp di Crotone – precisa la nota –, opportunamente selezionati dalla direzione sanitaria in base alle specifiche competenze tecniche, eseguiranno presso il canile sanitario la profilassi veterinaria e la microchippatura degli stessi provvedendo a intestare il cane al Comune, ai volontari delle Associazioni riconosciute registrandoli nell’anagrafe nazionale. La degenza post-operatoria verrà garantita attraverso le gabbie di degenza dedicate e 3 box insistenti presso il reparto sanitario del canile rifugio. Al termine del periodo di degenza post-operatoria, il cane verrà dimesso ed affidato al proprietario o al detentore, il quale si assume l’obbligo di custodire e controllare il cane adottando ogni cautela per evitare e prevenire ogni possibile danno o aggressione a terzi anche all’interno dell’abitazione presso cui l’animale è detenuto. Il protocollo potrà essere esteso a tutti i comuni della provincia di Crotone che vorranno usufruire dei servizi presso il Canile sanitario».

«Con la sottoscrizione del protocollo di intesa – dichiara l’assessore Pitingolo – si mette a disposizione del migliore amico dell’uomo una struttura specializzata per la sua cura e allo stesso tempo si opera per fronteggiare il fenomeno del randagismo. Sia l’Azienda sanitaria che l’Enpa hanno dimostrato grande sensibilità nel sottoscrivere con noi l’intesa. Voglio anche ringraziare la dottoressa Cortese che ha seguito, nel periodo in cui è stata amministratrice della città, questo percorso che oggi trova la sua finalizzazione», conclude l’assessore Pitingolo.