Lunedì, 25 Gennaio 2021

PRIMO PIANO NEWS

Covid, ministro Speranza rinnova ''zone rosse'' per 6 regioni: compresa la Calabria

Posted On Venerdì, 20 Novembre 2020 13:36 Scritto da

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un'ordinanza, in vigore da oggi, con cui si rinnovano le misure relative alle Regioni Calabria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Valle d'Aosta. La nuova ordinanza è valida fino al 3 dicembre 2020, ferma restando la possibilità di nuova classificazione prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 3 novembre 2020.  

Le misure restrittive "sono l'unico vero strumento che ora abbiamo per abbassare il contagio e metterlo sotto controllo. E' evidente che provocano sacrifici sul piano economico e culturale, ma come mostrano i numeri preliminari degli ultimi giorni nel nostro Paese, dimostrano di funzionare. Abbiamo, nell'ultima settimana, un livello di Rt, o indice di diffusione del contagio, sceso rispetto a settimana precedente e oggi verranno presentati nuovi dati". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza durante il webinar 'L'Unione europea alla sfida del Covid-19'.

"I dati che iniziamo a ricevere lasciano intravedere la luce in fondo al tunnel ma bisogna avere un approccio prudente. Abbiamo agenzie istituzionali, sia su piano europeo che nazionale, che dovranno seguire con la massima cautela le procedure di validazione di vaccini e cure, ma i dati che vediamo ci lasciano ben sperare". Così il ministro della Salute. "Potremmo essere nelle condizioni - ha aggiunto - nei primi mesi del 2021 di avere le prime dosi. La distribuzione vedrà come primi beneficiari il personale sanitario e poi le persone in ospedale e Rsa".

Questione di ore, più che di giorni, per trovare l'uomo giusto per la Calabria. Sul nuovo commissario che dovrà gestire la sanità locale, l'ennesimo in 11 anni e il quarto nome da inizio mese, il governo è al lavoro per il rush finale.

"Ci vorrà il tempo necessario", è la premessa diplomatica del premier che sta vagliando i curricula di più papabili. Ma incontrando a Roma una delegazione di amministratori calabresi, Giuseppe Conte rivela che un'indicazione arriverà "nelle prossime ore". Forse già nel Consiglio dei Ministri convocato per domani. Obiettivo più urgente è rassicurare la comunità di una regione che si sente abbandonata e quasi sotto attacco. Dopo la morte della governatrice Jole Santelli il 15 ottobre scorso, con la regione orfana di una guida, l'exploit di contagi Covid e il vulnus del commissario per la sanità dopo i tre flop del governo, la Calabria si sveglia con l'arresto del presidente del Consiglio regionale, Domenico Tallini, per concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale politico-mafioso. A questo punto, serve un'azione concreta da Roma.

Da qui il messaggio che Conte affida a sindaci e consiglieri che incontra a margine di un loro sit-in organizzato davanti a Montecitorio: "Potete confermare alle vostra comunità che da parte del governo c'è massima attenzione verso tutti i calabresi". Il timone della salute regionale va insomma affidato al più presto, ma con un paletto chiaro sulla durata dell'incarico: "Non ci sfugge che una gestione commissariale, che deve essere straordinaria, si trascina da dieci anni rischiando di essere ordinaria - spiega il presidente del Consiglio - Dobbiamo lavorare per dare alla gestione commissariale una prospettiva temporale ben delimitata". Del resto a chiedere lo stop al commissariamento sono da tempo gli amministratori locali. E perciò a fine incontro gli animi sembrano più sereni. "Sono state accolte tutte le nostre richieste, in particolare l'esigenza che il commissariamento abbia una durata più breve possibile", rivela il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà.