fbpx
Lunedì, 26 Settembre 2022

PRIMO PIANO NEWS

Danni erariali per 15,5 milioni di euro accertati a Crotone dalla magistratura contabile nel 2014

Posted On Venerdì, 27 Febbraio 2015 18:06 Scritto da

corte dei conti2L'attività investigativa svolta dalla polizia giudiziaria nell'anno passato (2014) ha portato ad accertare che, nel territorio di Crotone, sono stati oltre 15 milioni di euro quelli quantificati in danno erarariale. Il dato è stato fornito, durante l'ianugurazione dell'anno giudiziario, dal procuratore facente funzioni presso la sezione giurisdizionale per la Calabria della Corte dei Conti, Salvatore Librandi. «Nel corso del 2014 - ha reso noto Librandi - sono stati introdotti 112 giudizi di responsabilità nei confronti di 286 soggetti. Gli importi di danno richiesti con gli atti di citazione sono ammontati a oltre 70 milioni 420 mila euro». «I giudizi esitati sono stati 541 - ha aggiunto Librandi - di cui 170 con sentenza, 224 con ordinanza e 147 con decreto. Le ordinanze e i decreti, in massima parte, hanno riguardato i giudizi di conto e i giudizi per resa di conto. Le ordinanze istruttorie sono state 22. Lo scorso anno sono state aperte 3.490 vertenze, dato che evidenzia ancora una volta la fiducia che la comunità calabrese ripone nella magistratura contabile. Le archiviazioni sono state in totale 3.706. Il numero degli inviti a dedurre nel 2014 è stato pari a 129 e gli invitati 315. Le audizioni personali effettuate sono state 107». Il procuratore ha poi illustrato l'attività investigativa svolta dalla polizia giudiziaria. «Il nucleo di polizia tributaria di Catanzaro, a seguito di indagine, sia delegata, che di iniziativa - ha precisato Librandi -, ha accertato danni erariali per un importo pari a oltre 45 milioni di euro, segnalando 80 presunti responsabili. L'analoga struttura investigativa della Finanza di Reggio ha segnalato danni erariali per oltre sei milioni di euro cui si aggiunge la situazione che ha riguardato la cardiochirurgia del Centro cuore realizzata per un importo di 18 milioni di euro e inutilizzata. Danni per quasi nove milioni di euro sono stati accertati a Vibo dove si deve aggiungere l'ammanco di 1,2 milioni di euro a danno della Provincia a seguito dell'emissione di 18 mandati di pagamento falsi da parte di una dipendente infedele a favore di suoi parenti. L'attività investigativa del Nucleo di Polizia tributaria di Cosenza ha portato alla segnalazione di 25,5 milioni di euro, mentre a Crotone il danno erariale complessivo è stato pari a 15,5 milioni di euro». «Anche le società in house della Regione - ha evidenziato il procuratore Librandi nella sua relazione - presentano criticità. Fondazione Calabria Etica è stata commissariata dopo le note assunzioni a tempo determinato effettuate nel mese di novembre scorso, mentre Fincalabra, società finanziaria dell'ente, le cui quote azionarie sono interamente detenute dalla Regione, si è distinta per una gestione caratterizzata da assunzioni e consulenze illegittime».