Giovedì, 22 Ottobre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Fumata nera tra sindacati e cooperativa affidataria del servizio ''Roma Capitale''

Posted On Giovedì, 17 Settembre 2020 09:54 Scritto da Redazione

Fumata nera nella riunione intercorsa nel pomeriggio di ieri tra le Organizzazioni sindacali, il Consorzio Leonardo e Acapo (in qualità di cooperativa affidataria) presso la sede di quest’ultima a Roma per le sorti dei 107 lavoratori del servizio Roma Capitale.

Fabio Tomaino della Uil Crotone rende noto che: «Le posizioni assunte da quest'ultima (Acapo, ndr) risultano inaccettabili in quanto la stessa intende applicare il Ccnl delle cooperative sociali, eludendo quindi il principio su cui si basa la clausola sociale e violando il decreto direttoriale numero 77 del primo ottobre 2018, attraverso il quale, il ministero del Lavoro e delle politiche sociali, stabilisce il costo del lavoro medio. Tale atteggiamento risulta dannoso per tutti i lavoratori interessati, ma la cosa più grave e intollerabile è il fatto che a non tener conto di quanto stabilito dal ministero del Lavoro siano committenze pubbliche attraverso una convenzione stabilita da un ente controllato dal ministero dell'Economia e delle finanze. Mi permetto di lanciare un appello ai nostri rappresentanti politici, soprattutto a coloro che ricoprono un ruolo nazionale: è questo il momento di supportare le azioni delle Organizzazioni sindacali e dei lavoratori, se si vuole davvero difendere questo importante pezzo di economia. Bisogna intervenire presso le sedi del ministero del Lavoro e del ministero delle Finanze affinché venga revocato un bando di gara che non rispetta norme e diritti faticosamente conquistati. Fatevi avanti donne e uomini di buona volontà, può essere questa l'occasione per distinguersi in una campagna elettorale frenetica e confusa. Difendiamo tutti assieme i nostri 107 lavoratori». Sulla base di ciò, i sindacati confermano lo sciopero in programma domani con l'astensione dal lavoro e un presidio organizzato dalle sigle sindacali a partire dalle ore 10 davanti la Prefettura.