fbpx
Lunedì, 04 Luglio 2022

PRIMO PIANO NEWS

Il Comune annuncia: «Trenta giorni per completare l'area mercatale di piazzale Nettuno»

Posted On Martedì, 05 Maggio 2015 17:40 Scritto da

piazzale nettuno2Trenta giorni per completare l'area mercatale in piazzale Nettuno. L'annuncio della ripresa dei lavori e del relativo iter è stato dato questa mattina, direttamente sul cantiere, dall'assessore all'Urbanistica Sergio Contarino. Presenti anche l'assessore alle Attività produttive Francesco Barretta e l'assessore ai quartieri Claudio Molè. «Si chiude, dunque - commenta una nota -, il percorso che porterà alla realizzazione della nuova area mercatale ubicata tra via Crea (già via Pignataro) e piazzale Nettuno e che sopratutto consente di completare la riqualificazione di un'altra importante area che è l'itinerario pedonale storico di via Tellini. Con il passaggio degli operatori nella nuova area mercatale, infatti, l'amministrazione potrà procedere al completamento dei lavori di riqualificazione che hanno già interessato parte di quella zona della città. Non ha nascosto l'assessore Contarino - spiega la nota - le difficoltà che hanno accompagnato la definizione dei lavori della nuova area mercatale utilizzando una metafora: "È stata una gestazione travagliata dal punto di vita burocratico, non per cause addebitabili all'amministrazione, ma che comunque riusciamo a portare a termine con esito positivo. Completiamo questi lavori, sblocchiamo il cantiere di Via Tellini e poniamo le basi affinché questo luogo possa rivelarsi, per la posizione strategica all'ingresso della città, per la presenza di parcheggi ed anche per le strutture stesse che lo compongono un'area dove poter avere un mercato di qualità che produca reddito per coloro che lo animeranno". Alcuni box dell'area - informa ancora la nota - saranno assegnati agli attuali esercenti di via Tellini, gli altri saranno oggetto di assegnazione attraverso bando sul quale sta già lavorando l'assessore alle Attività produttive Francesco Barretta. I lavori affidati ad una nuova ditta - conclude il comunicato -, dopo la risoluzione del contratto per gravi inadempienze, alla precedente ditta aggiudicataria, prevedono il completamento dei lavori edili sospesi ed il ripristino delle opere danneggiate durante il periodo di fermo del cantiere stesso».