fbpx
Lunedì, 04 Luglio 2022

PRIMO PIANO NEWS

Il sindaco Vallone precisa: «Non ho ricevuto ancora nessun avviso di garanzia, ma lo attendo...»

Posted On Mercoledì, 12 Agosto 2015 19:50 Scritto da

vallone marseglia contarino devona sulla«Non ho ricevuto ancora nessun avviso di garanzia», lo ha precisato qualche ora fa il sindaco di Crotone Peppino Vallone, in riferimento alla informativa depositata in Procura dalla Guardia Costiera che lo chiama in causa insieme alla Soakro [LEGGI ARTICOLO]. Le notizie di reato contestate sono riferite agli ultimi fatti successi, con rotture multiple della rete fognante che hanno causato versamenti di liquame a mare sulla spiaggia cittadina (nella zona di viale Gramsci) e conseguente interdizione alla balneazione, in seguito agli esami Arpacal. Vallone oggi pomeriggio in conferenza stampa presso la sala giunta del Municipio pitagorico ha inoltre dichiarato: «Non ho ricevuto avvisi di garanzia, ma naturalmente l'informativa depositata dalla Guardia costiera in Procura era un atto dovuto. Quando si evidenziano fatti di anormalità l'autorità preposta, in questo caso la Guardia Costiera, che ha anche funzioni di polizia giudiziaria (con particolare riferimento alle indagini di carattere ambientale, ndr) ha l'obbligo di comunicare all'Autorità giudiziaria i fatti. Sarebbe stato un atto gravissimo se avessero omesso di farlo. Questo sì, sarebbe stata omissione di atti di ufficio!». Ovviamente, siccome il deposito è avvenuto solo due giorni fa, il giudice istruttore a cui sarà affidato il caso, dovrà esaminare gli atti prima di emettere eventuali avvisi di garanzia. Ma Vallone ha poi risposto con ironia: «Sono sicuro che l'avviso di garanzia lo riceveremo – ha detto -. Io spero di no, ma se dovesse arrivare siamo qui e ci difenderemo!». Ha anche fatto un gesto scaramantico davanti ai cronisti con l'indice ed il mignolo della mano destra levati in alto. Qualcuno tra i cronisti ha quindi sottolineato, mettendo a dura prova la pazienza del primo cittadino, che in Italia non c'è sindaco che non abbia almeno un avviso di garanzia. Vallone ha subito tolto di mezzo ogni dubbio, chiarendo: «Non preoccupatevi di questo. In quanto ad avvisi di garanzia ne abbiamo già abbastanza!». Vallone ha poi voluto rassicurare la cittadinanza sul fatto che la situazione critica è rientrata e gli ultimi dati Arpacal riferiti al 10 Agosto risultano positivi, per cui il divieto di balneazione emesso giorno tre agosto è stato ritirato oggi [LEGGI ARTICOLO]. Ha anche dichiarato di aver ottemperato ai consigli della Capitaneria di Porto, nell'immediato dei fatti, tra cui quella di apporre il divieto di balneazione - anche se con un giorno di ritardo rispetto all'uno agosto in cui sono avvenute le prime rotture alla rete fognaria - perché il due era domenica e i primi risultati Arpacal sono arrivati il lunedì successivo. Il sindaco ha anche detto che la sabbia inquinata è stata asportata dalla spiaggia e che, dopo le analisi, sarà portata in discarica. E che tutte le rotture sono state riparate e che ha organizzato con gli uffici un presidio tecnico per vigilare 24 ore su 24 sulla rete fognaria e intervenire per ogni ulteriore incidente dovesse capitare. «Riteniamo di no, ma non si può escludere che capiti qualche nuovo incidente – ha concluso Vallone – ma noi stiamo vigilando affinché ciò non succeda o, nel caso, per intervenire tempestivamente».