Domenica, 25 Ottobre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Oliverio precisa: «Nessuna ambiguità sulle trivellazioni a mare, la Regione ha impugnato la sentenza del Tar Lazio al Consiglio di Stato»

Posted On Lunedì, 19 Febbraio 2018 19:27 Scritto da

oliverio emiliano no triv«Nessuna ambiguità da parte della Regione sulle trivellazioni a mare». Lo scrive in una nota la giunta regionale rispondendo ai quesiti posti sul finire della scorsa settimana dal comitato nazionale No Triv e Raspa [LEGGI ARTICOLO]. «In merito alle notizie – è scritto nella nota – apparse nei giorni scorsi sulla stampa, da parte di alcune associazioni, attraverso cui si rilevano presunti ritardi ed ambiguità da parte di questa Amministrazione Regionale rispetto alla problematica delle trivellazioni a mare, si ritiene necessario fare alcune precisazioni al fine di evitare confusione e rovesciamento della verità. I temi dell’ambiente, come è noto, sono centrali nel programma del presidente Oliverio e nell'azione di governo di questa Giunta regionale che si è distinta sin dal primo momento nella iniziativa contro le trivellazioni nel nostro mare. E’ utile ricordare che quella contro le trivellazioni è stata una campagna aperta dalla prima ora. Questa battaglia è stata condotta con il coinvolgimento dei comuni, della rete associativa e dei cittadini. Il consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno contro le trivellazioni ed a sostegno della linea seguita, in tal senso, dalla Giunta Regionale. Tra l’altro, per quanto riguarda l’attività di contrasto alle attività estrattive e di ricerca di idrocarburi da parte della Regione, esiste una nutrita rassegna stampa che dimostra esattamente il contrario di quanto affermato da alcune associazioni attraverso la stampa. Nessuna ambiguità dunque anzi, al contrario, la Regione Calabria si è mossa con chiarezza e determinazione. Dal Manifesto di Termoli, attraverso cui la Regione Calabria ha aderito formalmente alla battaglia contro le trivellazioni, la Giunta regionale si è distinta, in tutti i passaggi, per essere stata tra i soggetti protagonisti di questa battaglia per la salvaguardia e la valorizzazione ambientale del nostro mare. La tutela dei nostri mari e delle nostre coste rappresenta una priorità imprescindibile e per questa ragione abbiamo impugnato la sentenza del Tar Lazio al Consiglio di Stato. Nessuna ambiguità, quindi, ma una linea chiara e determinata a difesa del nostro mare, contro ogni ipotesi di trivellazione più o meno camuffata».

 

REPLICA DI RASPA E COORDINAMENTO NAZIONALE NO TRIV

«Nei giorni scorsi – scrivono gli attivisti in una nota – il coordinamento nazionale No Triv e Raspa avevano invitato il presidente della Regione Calabria a compiere passi seri e risoluti contro il Mise e la Global Med. Oggi apprendiamo, indirettamente, che la Regione Calabria avrebbe proposto ricorso al Consiglio di Stato la sentenza del Tar Lazio che aveva respinto il primo ricorso della stessa Regione Calabria. Si spera che, a differenza che nel primo caso, questa seconda volta la strategia prescelta sia stata quella giusta. Commettere errori è umano, ma perseverare nell'errore è diabolico. Il presidente Oliverio non dimentichi però di aver cannato il primo ricorso e di aver lasciato "passare", senza opporre alcuna resistenza, il decreto del ministero dell'Ambiente che ha valutato compatibile con l'ambiente l'istanza di Global Med per un terzo permesso di ricerca, sempre nello Jonio e in area contigua ai due già esistenti».