Mercoledì, 25 Novembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Pale eoliche anche a Capocolonna: il Comune di Crotone chiama in causa la Soprintendenza

Posted On Giovedì, 21 Aprile 2016 20:56 Scritto da

capocolonna14Pale eoliche anche a Capocolonna? Manca solo il parere del vincolo paesaggistico e, poi, la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) presentata al Comune di Crotone per la collocazione di tre pale, di 60 chilowatt di potenza, diventerà un dato di fatto. È un privato ad aver presentato al Comune la Scia per le tre pale nella zona Telegrafo, di località Prestica, la collina di fronte al parco archeologico che ospita la colonna. Se la Soprintendenza ai beni paesaggistici dovesse esprimere un parere favorevole i turisti che si recederanno a Capocolonna potranno godere dello spettacolo spettrale delle pale eoliche, che così faranno coppia con le piattaforme per l'estrazione del metano a mare.


La pratica, presentata qualche settimana fa, è stata in parte istruita e trattandosi di un territorio interessato dalla presenza di resti archeologici, anche la zona Telegrafo custodisce resti, l'Ufficio Urbanistico del Comune ha deciso di chiedere il parere alla Soprintendenza. Non siamo ancora di fronte alla richiesta di un parco eolico, ma nemmeno si può escludere che i proprietari dei terreni confinanti con quelli del progetto delle tre pale possano presentare altre Scia. È un classico che si parte con tre pale di potenza inferiore a quelle che si vedono dalla piazza di Crotone e, poi, una Scia dietro l'altra il progetto si arricchisce sino a dare vita ad un parco eolico di grandi dimensioni.

 

Si tratta di un escamotage utilizzato in molte realtà italiane. Se si presenta subito un progetto per la realizzazione di un parco eolico la procedura è complessa e richiede l'autorizzazione della Regione, ma se la proposta riguarda solo tre pale basta una semplice Scia presentata al Comune e l'autorizzazione si ottiene senza colpo ferire. È come chiedere di allargare una finestra di qualche centimetro. Le leggi vengono concepite anche per favorire chi è navigato e sa come trasformare un piccolo progetto in un grande business. Solo che questa volta l'idea non è quella di costruire pale eoliche sulle belle colline che circondano Crotone (la città è prigioniera di pale di ogni dimensione e potenza), ma nientemeno che a Capocolonna.