fbpx
Sabato, 13 Agosto 2022

PRIMO PIANO NEWS

Pd Cotronei, Albi segretario di circolo. Gruppo consiliare: «Scelta folle di Barberio»

Posted On Lunedì, 11 Aprile 2022 12:00 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

«Nonostante i molteplici inviti e i numerosi tentativi volti al rinvio, alla ricerca dell'inclusione, il congresso di circolo del Pd a Cotronei si è svolto ugualmente mettendo in evidenza il fallimento del nuovo segretario di federazione». È quanto scrive il gruppo Pd di Cotronei che sostiene il sindaco Ammirati a seguito dell’indicazione a segretario di circolo di Giuseppe albi avvenuto nel weekend.

«Barberio, che con atteggiamento presuntuoso – comment ail gruppo –, ha pensato di poter fare a meno di una componente rappresentativa e importante del Partito democratico a Cotronei, quella componente che alle recenti votazioni ha portato alla elezione del sindaco e di ben 7 consiglieri iscritti al Pd, di cui tre provenienti dalla segreteria. Facevamo bene ad avere dei dubbi sulla sua elezione, ma per spirito di appartenenza ci siamo adeguati al progetto di unità del Pd auspicato da Irto».

«È chiaro ed evidente – incalza il gruppo di Cotronei – che nella federazione di Crotone e, soprattutto, a Cotronei l'attività del Pd passa con la mortificazione delle regole e dei ruoli e la coerenza e l’appartenza politica sono argomenti personalizzabili a uso del nuovo segretario di federazione. A Cotronei dove, dopo un percorso maturato all’interno del circolo del Pd, chi ha vinto le elezioni è stato, volutamente, messo da parte a vantaggio di chi, invece, non solo le elezioni le ha perse, ma le ha perse candidandosi contro un progetto del Pd e sotto il simbolo di un partito di destra».

«Quella di Barberio – stigmatizza il gruppo – è una scelta chiara, tentare di mettere l’amministrazione a guida Pd nelle mani di un partito rappresentato dagli avversari. Cosa che non riuscirà nè a Barberio nè a nessun'altro, perché Cotronei 20 30 è più forte ed unita che mai. Una scelta folle quella del segretario di Federazione ed irrispettosa del partito, della politica e degli elettori. Evidentemente Barberio, che vista la giovane età rappresenta già una delusione per come ha preso il peggio delle vecchia politica, ha un'idea diversa di partito, di appartenenza, di rispetto delle regole e dei ruoli, soprattutto ha un'idea diversa su come e con chi ricostruire il Partito democratico in una provincia dove il Pd è sempre più perdente».

«Si includono gli avversari perdenti – sostiene ancora il gruppo – ma funzionali, e si escludono coloro che il Pd non solo lo rappresentano da sempre, ma che, con una politica sana e coerente, hanno saputo rappresentare nella comunità una proposta politica credibile e valida. Lo scenario è sotto gli occhi di tutti e siamo fiduciosi che sia Irto, segretario regionale del Partito, che i principali dirigenti regionali, saranno garanti di tutte quelle realtà che, come a Cotronei, sono state mortificate da un atteggiamento arrogante che non sta facendo bene all’immagine di un partito che sulla democrazia, sul confronto e sulle regole ha costruito la propria essenza», conclude la nota.