Martedì, 01 Dicembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Presenza di metasilicati contenenti Norm in spiaggia: ordinanza del sindaco per interdire tratto di arenile antistante viale Magna Grecia

Posted On Lunedì, 08 Aprile 2019 17:43 Scritto da

spiaggia cimiteroIl sindaco di Crotone ha emesso quest'oggi un’ordinanza che interdisce il tratto di arenile pubblico antistante il viale Magna Grecia nella zona subito limitrofa al cimitero cittadino. Sarebbe qui emerso del materiale immediatamente riconoscibile come metasilicati contenenti Norm, cioè scarti della lavorazione industriale che hanno fatto registrare valori anomali di radioattività e che hanno quindi richiesto l'intervento del sindaco.
«Vista la relazione ispettiva - si legge nell'ordinanza - del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Crotone datata 4 aprile scorso (...) con la quale si segnala che personale del nucleo Nbcr dello stesso Comando è intervenuto in viale Magna Grecia per una verifica sulla segnalazione della presenza di materiale riconducile a metasilicati lungo il tratto di arenile compreso tra “El Gaviota beach club” e “F.lli Di Maio Sas”. Dal sopralluogo è emerso che: “Il personale ha potuto verificare a vista la presenza abbondante di materiale immediatamente riconoscibile come metasilicati contenente Norm, che si presenta in ciotoli di varie dimensioni, generalmente erosi dal mare, ma anche inglobati in blocchi di calce struzzo. Il materiale si trova distribuito sia sull’arenile, anche in acqua, che sui terrapieni sovrastanti, in notevole quantità, particolarmente concentrato in corrispondenza di un vecchio tratto di condotta di scarico della rete fognaria dismessa, che si prolunga verso il mare per qualche decina di metri».

«Dalle misure radiometriche campali - spiega l'ordinanza del sindaco - effettuate sull’intera area in oggetto utilizzando la strumentazione in dotazione (FH 40, UDR 13), sono stati registrati valori anomali di radioattività ambientale, si presume derivanti dalla presenza dei suddetti metasilicati, in linea con quanto rilevato in altre zone del Comune. Come noto, l’impiego di meta silicati contenente Norm come materiale di riempimento e per la realizzazione di manufatti in cemento, è stata una tecnica molto diffusa in passato, che ha trovato nelle città di Crotone ampia applicazione e con molta probabilità tale materiale è stato utilizzato anche nella costruzione del tratto di condotta predetto, dalla cui parziale disgregazione a seguito delle mareggiate, forse ne deriva». 

 Si legge ancora nelle motivazioni dell'ordinanza: «Considerato che dalla stessa relazione si segnala la necessità “…al fine di evitare il contatto diretto del materiale con la popolazione, oltre che il pericolo di inalazione di eventuali polveri, occorre provvisoriamente ed urgentemente inibire il tratto di arenile predetto all’accesso delle persone e dei mezzi meccanici, apponendo apposita recinzione e segnaletica, nelle more della realizzazione dei necessari lavori di allontanamento e messa in sicurezza”». Il sindaco Pugliese ha quindi ritenuto «in via cautelativa, al fine di scongiurare qualsiasi possibile rischio per la salute e l’incolumità pubblica, di dover aderire a quanto sopra segnalato, disponendo l’interdizione al pubblico il tratto di arenile antistante il viale Magna Grecia, nella zona compresa tra “El Gaviota Beach Club” e “F.lli Di Maio sas e l’attività di pesca nello specchio d’acqua prospiciente, in attesa dei successivi, necessari approfondimenti e interventi di bonifica e/o messa in sicurezza dell’area».


Viene quindi fatto ordine attraverso il provvedimento di: «interdire l’accesso al pubblico il tratto di arenile antistante il viale Magna Grecia, nella zona compresa tra “El Gaviota Beach Club” e “F.lli Di Maio sas e l’attività di pesca nello specchio d’acqua prospiciente, in attesa dei successivi accertamenti e fino a quando non siano stati effettuati tutti gli interventi di bonifica e /o messa in sicurezza da porre in essere per il ripristino dei livelli di radioattività naturali nell’intera area; di demandare all’ Ufficio Tecnico comunale la predisposizione di segnaletica relativa al presente divieto e gli interventi atti ad impedire l’accesso al litorale interessato dalla presente ordinanza; di trasmettere il presente provvedimento ai seguenti Enti ed Organi, per quanto di rispettiva competenza: - Prefettura di Crotone- Ufficio Territoriale del Governo; - Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare – Direzione generale per la Salvaguardia del Territorio e delle Acque; - Regione Calabria - Dipartimento Ambiente e Territorio; - Arpacal- Dipartimento Provinciale di Crotone; - Asp Crotone- Dipartimento Igiene Ambientale; - Agenzia del Demanio Direzione Regionale della Calabria; - Capitaneria di Porto di Crotone e altre Forze dell’Ordine; - Comando Polizia Locale».