fbpx
Giovedì, 20 Giugno 2024

PRIMO PIANO NEWS

''Serravalle energy'', lavoratori protestano a 50 metri d'altezza sulla ciminiera (VIDEO)

Posted On Martedì, 23 Aprile 2024 16:23 Scritto da Giuliano Carella

CUTRO Momenti di apprensione presso la “Serravalle Energy” di Cutro dove, dal primo pomeriggio di quest'oggi, un gruppo di lavoratori è salito sulla ciminiera dello stabilimento a biomasse di località Termine Grosso, protestando così a oltre 50 metri d'altezza.

 

 

Era in programma, sempre per questo pomeriggio, un'assemblea sindacale, ma non appena è circolata la notizia che, per il secondo mese consecutivo, non sarebbe stato erogato loro lo stipendio, lo sconforto e la rabbia hanno assalito i lavoratori che hanno deciso di alzare il tiro con la protesta.

Da qualche giorno, infatti, dopo essere stato al centro di una recente inchiesta della Dda, l'impianto è stato dissequestro e restituito alla proprietà. Proprio questo passaggio ha fatto addensare nubi sempre più minacciose sul futuro della centrale e quindi dei lavoratori che, adesso, non si sentono più tutelati dal percorso di ripresa disegnato dagli amministratori giudiziari.

 

Sono un gruppo di 15 dipendenti della Serravalle Energy quelli che si trovano sulla ciminiera alta 52 metri dell'impianto in localita' Termine Grosso. Si tratta di una protesta che arriva al culmine di una intricata vicenda iniziata il 4 ottobre 2022 con il sequestro dell'impianto nell'ambito di una operazione della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro.
A seguito del sequestro l'azienda e' stata gestita da amministratori giudiziari, ma ha perso il contributo previsto per le centrali a biomasse dal Gse, gestore del servizio elettrico nazionale, che permette il mantenimento in vita dell'impianto.
La centrale a biomasse di Cutro proprio per questa ragione e' ferma dal mese di novembre. Solo di recente, dopo una serie di attivita' sindacali e legali, il Gse ha sbloccato i contributi e per questo era previsto il riavvio dell'impianto a giugno anche grazie a fondi ministeriali previsti per le aziende poste sotto sequestro.
In questa attesa per i 37 dipendenti della centrale e' stata fatta richiesta di cassa integrazione. L'amministrazione giudiziaria non avendo liquidita' non ha potuto anticipare la cassa integrazione che nel frattempo e' stata rifiutata dall'Inps in quanto non ci sarebbero i criteri per il riconoscimento mancando lo stato di crisi. Infine, l'11 aprile scorso, e' arrivato il dissequestro dell'impresa e la restituzione ai proprietari che, pero', non e' stata ancora ratificata dal Tribunale.
Nel pomeriggio di venerdi', quindi, 15 dipendenti sono saliti sul camino fumi della centrale annunciando che scenderanno solo quando avranno la certezza del pagamento degli stipendi arretrati. All'impianto di produzione elettrica sono arrivati anche gli amministratori giudiziari che hanno incontrato i sindacalisti Francesco Gatto della Cgil, Francesco Timpano della Cisl e Vincenzo Celi della Uil.
Sul posto e' giunto anche il giudice del Tribunale di Catanzaro che sta discutendo della vicenda con gli amministratori e i sindacalisti, mentre dalla ciminiera i lavoratori gridano: e' finito il tempo delle chiacchiere. Presenti anche i vigili del fuoco del comando provinciale di Crotone ed i carabinieri.