Martedì, 20 Ottobre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Sicurezza ponte fiume Neto, vertice in Prefettura: per i tecnici Anas non c'e' pericolo di transito, ma saranno adottate misure

Posted On Martedì, 27 Novembre 2018 17:20 Scritto da

fiume neto esondazione"Si è tenuta in data odierna, presso la Prefettura di Crotone, un incontro relativo allo stato di manutenzione del ponte sul fiume Neto". Lo comunica una nota della Prefettura di Crotone. "Il prefetto – è detto nel comunicato - ha ritenuto convocare i rappresentanti di Anas, dipartimento dei Lavori pubblici regionale, comando provinciale Vigili del fuoco, Polizia stradale, Provveditorato alle opere pubbliche regionale, nonché funzionari dei Comuni di Crotone e Strongoli, in considerazione dei recenti e persistenti eventi meteo avversi, ed al fine di riscontrare le numerose premure pervenute da parte degli automobilisti che quotidianamente percorrono la struttura, paventando carenze strutturali e conseguenti pericoli per l'incolumità". "Nel corso della riunione l'Anas – aggiunge la nota - confermando quanto già emerso nel corso di precedente incontro tenutosi lo scorso 29 agosto, ha ribadito la sicurezza della viabilità sul ponte, oggetto di interventi strutturali straordinari a febbraio del corrente anno, e di costante monitoraggio con idonea strumentazione, prove di carico e verifiche a cadenza almeno mensile. Inoltre è stato programmato altro intervento che risolverà un avvallamento causato dalla erosione di una pila di sostegno. Il fenomeno, pur non comportando, secondo i tecnici Anas, alcun pericolo per la staticità del ponte e per la circolazione, sta ingenerando istintivo timore degli automobilisti durante il transito". "È emersa altresì la opportunità – è detto ancora nel comunicato - concorde il rappresentante della Polizia stradale, di apprestare dei controlli per gli eccessi della velocità, atteso che i veicoli frequentemente non rispettano il limite dei 30 km/h imposto dalla segnaletica". "A conclusione dei lavori tutti i presenti hanno manifestato piena condivisione di intenti, con impegno ad effettuare periodiche ed approfondite verifiche sulle strutture, per quanto di competenza, per prevenire eventuali condizioni di rischio che abbiano a presentarsi".