fbpx
Giovedì, 02 Febbraio 2023

PRIMO PIANO NEWS

Slot-machine accese giorno e notte in Calabria: il ddl in consiglio. No di Mettiamoci in gioco

Posted On Lunedì, 28 Novembre 2022 13:05 Scritto da

«Domani, in Consiglio regionale, si vota la proposta di legge 107 che ha l’obiettivo di tenere accese le slot-machine giorno e notte, ridurre le distanze minime tra sale giochi e scuole, esentare da qualsiasi regola le vecchie concessioni». È l'allarme lanciato da “Mettiamoci in gioco”, il coordinamento nazionale di associazioni contro i rischi del gioco d’azzardo.

Il coordinamento calabrese è composto da (Ada, Anteas, Centro Agape, Arci Lamezia-Vibo, Crea, Coldiretti, Comunità Progetto Sud-Cnca, Federserd, Federconsumatori, Fict, Forum Delle Associazioni Familiari, Lega Consumatori, Libera, Vivere In).
«Si tratta di norme - scrive il coordinamento - che non condividiamo e che non tengono conto dei gravi rischi economici e sanitari derivanti dalla diffusione indiscriminata dei giochi con vincite in denaro. Abbiamo espresso il nostro parere negativo - ricorda il coordinamento - sulla proposta di legge 107 nel corso dell’audizione svolta dalla Prima Commissione consiliare nella seduta dell’8 novembre scorso. E nel corso della medesima seduta - sottolinea Mettiamoci in gioco - è stato espresso un parere negativo anche da “Avviso pubblico”, la rete nazionale di enti locali impegnata per promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile, a cui anche la Regione Calabria è associata», rende noto il coordinamento.
«Nonostante ciò, il centrodestra - incalza la nota - non ha inteso ritirare, o emendare la proposta di legge. Anzi, l’iter della proposta di legge è stato accelerato fino al punto da bypassare la discussione nella Commissione Sanità del Consiglio regionale a cui risulta assegnata. Per scongiurare l’approvazione della proposta di legge, in queste ore abbiamo indirizzato una comunicazione a ciascun consigliere regionale», fa sapere Mettiamoci in gioco.
«L’auspicio è che possa esserci un ripensamento - conclude la nota - da parte del Consiglio regionale il quale è chiamato ad approvare leggi per il perseguimento degli interessi generali e non per assecondare la lobby delle sale giochi».