fbpx
Lunedì, 06 Dicembre 2021

PRIMO PIANO NEWS

Soakro: «In arrivo due mensilità arretrate per i lavoratori», ma i sindacati non sorridono

Posted On Lunedì, 22 Dicembre 2014 20:21 Scritto da

La società pubblica si è impegnata a versare entro fine dicembre due delle quattro mensilità non corrisposte. Le parti sociali storcono il naso sul piano dell'azienda per far fronte all'intero debito maturato con i dipendenti.

Una mensilità già in via di accreditamento e un'altra che dovrebbe arrivare entro la fine dell'anno. È quanto hanno ottenuto i sindacati a confronto questo pomeriggio con i vertici di Saokro durante la riunione che era stata rinviata nella scorsa settimana. Sebbene abbianno accolto positivamente l'impegno delll'azienda a far fronte a due delle quattro mensilità arretrate e non corrisposte ai circa 130 lavoratori della società (che si occupa sul territorio del sistema idrico integrato), le parti sociali hanno "bocciato" il piano con cui l'azienda intende far fronte al restante da versare. È durato quasi tre ore il confronto nel palazzo della Prefettura cui hanno preso parte, assieme al prefetto Maria Tirone e il presidente della Provincia Peppino Vallone (affiancato dal suo vice Franco Parise), il mangement di Soakro rappresentato dal presidente Domenico Capozza, dal direttore generale Franco Sulla e dai direttoi del personale e dell'area tecnica. Per i sindacati invece hanno curato gli interessi dei lavoratori Francesco Gatto e Salvatore Scicchitano della Cgil e Vincenzo Marino per la Uil. Le due mensilità ottenute mettono un po' di serenità dunque sul Natale dei lavoratori, ma ancora tanti dubbi insitono sul Piano che l'azienda intende presentare per far fronte all'intero debito maturato con le maestranze. «Dopo i giorni difficili scorsi - ha commentato Gatto - abbiamo deciso di intraprendere un approccio basato sull'ascolto nei confronti dell'azienda. Apprezziamo il suo sforzo a corrispondere almeno due delle quattro mensilità arretrate per i lavoratori, ma il Piano da loro presentato per chiudere la "partita stipendi" è davvero vago. Chiediamo dunque un impegno di Soakro - ha concluso il sindacalista - a corrispondere il tutto entro il primo demestre del 2015, versando almeno un'altra mensilità ai dipendenti entro i primi mesi dell'anno».