Martedì, 22 Settembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Soppressione elisoccorso, Pantisano (Pd): «Facciamo squadra anche in questa occasione»

Posted On Domenica, 10 Aprile 2016 18:17 Scritto da

pantisano«Riordino e riorganizzazione sanitaria assumono i connotati di un'attività improntata al progressivo impoverimento in termini di servizi essenziali in un territorio come quello crotonese che avrebbe, invece la stringente necessità di essere destinatario di interventi atti ampliare la gamma dei servizi, il potenziamento di queli esistenti». È del segretario provinciale del Pd di Crotone, Arturo Crugliano Pantisano, sulla paventata soppressione della base elisoccorso per il capoluogo ionico.

 

«Il decreto 30 del 2016 - spiega Pantisano - con la prevista chiusura della base crotonese per l'elisoccorso, pone una nuova emergenza, colpisce nuovamente il territorio crotonese. Non è accettabile e neanche comprensibile la prevista soppressione del servizio di elisoccorso. Il decreto prevede la riduzione da quattro a tre le postazioni di elisoccorso in Calabria, a farne le spese quello che serve la provincia crotonese».

 

«Attualmente - prosegue il segretario del Pd - gli elisoccorsi sono quattro, con base a Locri, Lamezia, Crotone, Cosenza e la loro istituzione, come ha avuto modo di ricordare Michelangelo Mirabello presidente commissione consiliare sanità, è avvenuta sulla base di un attento studio, quando presidente della Regione era Agazio Loiero, orientato a coprire l'intero territorio regionale».

 

Per Pantisano è ora «inaccettabile la soppressione del servizio, una chiusura che andrebbe a penalizzare un territorio già condizionato negativamente da una rete infrastrutturale inadeguata, che emargina i pazienti della provincia di Crotone, e che rende l'acceso ai servizi sanitari extra provincia in molti casi e per molti se non impossibile, sicuramente difficile».


«Il servizio di elisoccorso - ricorda - garantisce la possibilità di ricevere assistenza sanitaria in condizioni di emergenza, in situazioni nelle quali il tempo può fare la differenza per salvare una vita. Non siamo disposti a subire questo nuovo scippo e per questo provvederemo a mettere in campo risorse istituzionali e politiche per difendere il nostro territorio, per garantire a noi tutti il diritto alla salute».

 

«Il recente passato - conclude la nota - ha dimostrato che se si fa squadra, se attori istituzionali locali, politica, associazioni e cittadini si uniscono i risultati arrivano, intendiamo fare la nostra parte anche in questa occasione e anche in questa occasione il nostro unico obiettivo dichiarato è la tutela della salute».

 

Il riferimento di Pantisano è con ogni probabilità rivolto alla mobilitazione civile e istituzionale che siè mossa per la concessione dell'autorizzazione sanitaria del Marrelli hospital su cui lui stesso si è impegnato per daro uno sblocco definitivo alla vicenda. Il segreatio provinciale, dunque, richiama tutti coloro che si sono spesi fino a pochi mesi fa a condurre una nuova battaglia perché Crotone non perda la base dell'elisoccorso.