Domenica, 09 Agosto 2020

 

PRIMO PIANO NEWS

«Siamo certi che il generale Giuseppe Vadalà, in quanto nuovo commissario straordinario per il Sin di Crotone, nominato recentemente dal ministro dell'Ambiente Costa, saprà svolgere quel lavoro tanto atteso dalla popolazione crotonese di risanamento, sicurezza ecologica e rilancio territoriale, assolutamente indispensabili per una città che tanto ha dato in termini di alto sacrificio umano, sanitario e ambientale alla passata quanto discutibile storia industriale italiana, meridionale e calabrese».

Pubblicato in Politica

«Qualche tempo fa, quasi ad inizio mandato, era stato annunciato da un assessore della giunta Pugliese che l'Eni avrebbe finanziato un piano di monitoraggio per analizzare il fenomeno della subsidenza e per valutare l'incidenza delle estrazioni all'intero territorio». È quanto scrive Giovanni Procopio, consigliere comunale di “Crotone bene Comune”.

Pubblicato in Politica

prefettura«La Camera di commercio di Crotone – informa una sua nota – esprime un plauso alla Prefettura per il risultato conseguito oggi con la sottoscrizione dell’addendum al Protocollo di intesa per la legalità Sin (Sito d’interesse nazionale, ndr) firmato nel mese di marzo 2018».
«Grazie alla sinergia tra istituzioni, associazioni di categoria e sindacati – sono le parole del presidente della Camera di commercio di Crotone Alfio Pugliese – si è giunti al completamento del Protocollo per la legalità. L’ente camerale si sta spendendo a 360° affinché la bonifica venga conclusa in tempi certi e nel rispetto della legalità. In tal occasione la Camera di commercio ha assunto il ruolo di facilitatrice tra la Prefettura e le associazioni di categoria, consentendo di sedere attorno ad un tavolo e raggiungere l’intesa. Auspichiamo che i frutti di tale sinergia possano replicarsi in futuro, al fine di creare le precondizioni per lo sviluppo del territorio e delle imprese».
Alla sottoscrizione per conto della Camera di commercio di Crotone è stato incaricato il consigliere camerale Francesco Lagani, delegato alle infrastrutture: «Oggi, si è raggiunto un importante risultato che consente il coinvolgimento delle imprese locali nelle attività di bonifica, nell’alveo di un’azione incessante a favore della legalità – ha dichiarato Lagani al momento della firma –. Auspichiamo che dai danni dell’inquinamento possano almeno germogliare i semi di un sano sviluppo futuro del nostro territorio».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

corrado costa morra«Il ministro Sergio Costa sarà presto a Crotone». Lo rende noto la senatrice del M5s Margherita Corrado. «Nell’incontro di questa mattina – spiega – al ministero dell’Ambiente, propiziato dal collega e presidente della Commissione “Antimafia”, Nicola Morra, oltre ad esprimere la soddisfazione dei crotonesi per la designazione del nuovo commissario alla bonifica del Sin e affrontare alcune problematiche riguardanti la gestione dei rifiuti nel territorio crotonese, ho avuto il piacere di raccogliere in anteprima l’intenzione dal ministro di venire a crotone appena la nomina del generale Vadalà sarà stata ratificata dal Consiglio dei ministri. Sarà l’occasione, tra l’altro, per sottoporgli direttamente i dossier sulle discariche di Columbra (Crotone) e Santa Marina (Scandale), nonché sull’impianto di trattamento rifiuti Tmb di Ponticelli (Crotone), per i quali, data la gravità e l’urgenza della situazione, qualche giorno fa con la collega Barbuto avevamo chiesto di incontrare al più presto il titolare del dicastero. L’emergenza ambientale e sanitaria del Crotonese, legate a decenni di attività delle industrie chimiche oggi dismesse ma anche alla scelta della Regione di concentrare, nella più piccola delle province calabresi, il maggior numero di impianti di trattamento rifiuti e discariche, che peraltro contendono spazi ad una quantità abnorme di impianti per la produzione di energie alternative, deve acquistare anche nel dibattito pubblico il ruolo centrale imposto dalla loro notevolissima incidenza sulla qualità della vita degli abitanti».

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

Syndial, società ambientale di Eni, ha avviato oggi A Crotone il cantiere delle “opere a mare” per la bonifica del sito Sin alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali, delle organizzazioni industriali e sindacali. È stato l'amministratore delegato di Syndial Paolo Grossi, in prima persona a tagliare il nastro del cantiere insieme al sindaco Ugo Pugliese, e al neocommissario straordinario per la bonifica del Sin di Crotone, Giuseppe Vadalà (generale dei carabinieri).

barriera bonificaHa invece illustrato nel dettaglio gli interventi della Fase 1 il direttore operations attività ambientali di Syndial, Francesco Misuraca. Presenti anche l'assessore regionale all'Ambiente, Antonella Rizzo, il parlamentare Nico Stumpo (Leu) e il vicario del prefetto di Crotone Sergio Mazzia a rappresentare le rispettive istituzioni. Ha moderato gli interventi la responsabile Eni rapporti istituzionali e territorio Enrica Barbaresi.

cantiere bonifica foce esaroLe opere autorizzate con decreto del ministero dell’Ambiente nel maggio scorso, prevedono la realizzazione di barriere foranee a protezione della linea di costa antistante le due ex discariche Pertusola e Fosfotec utilizzate dalle società che gestivano gli impianti per abbancare gli scarti delle lavorazioni.

pugliese misuraca grossi rizzo stumpo vadalàLa storia del sito industriale di Crotone è infatti iniziata negli anni ’30, con le produzioni di zinco di Pertusola Sud e di fertilizzanti e detergenti di Montecatini. Gli stabilimenti, che nel periodo di massimo sviluppo degli anni ’70 hanno impiegato oltre 2.000 dipendenti, sono progressivamente entrati in crisi nella decade successiva. Negli anni ’90, le attività produttive sono passate a Eni, allora Ente di Stato, che ne ha gestito la chiusura tra il ’91 e il ’99. Nel contempo sono stati avviati gli interventi di messa in sicurezza e bonifica nelle aree di proprietà Syndial, 70 ettari dei 540 complessivi del Sito di Interesse Nazionale di Crotone.

misuraca grossi barbaresi rizzo stumpo vadalà lucente mazziaLa realizzazione delle scogliere ha l’obiettivo di garantire, oltre alle ordinarie misure di sicurezza, un’ulteriore protezione all’area del cantiere delle ex discariche qualora dovessero verificarsi eventi meteo-marini eccezionali, in particolare durante la successiva movimentazione dei materiali prevista dal Progetto Fase 2. Una volta concluso il risanamento del sito le barriere foranee verranno riprofilate a livello del mare per contribuire alla salvaguardia e alla protezione del litorale crotonese.

bonifica taglio nastroL’iter della Fase 2 sta proseguendo: la Regione Calabria ha rilasciato, nell’agosto scorso, il ‘Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale’ e il Ministero dell’Ambiente ha convocato la Conferenza di Servizi decisoria per il 24 ottobre prossimo ai fini dell’emissione del decreto ministeriale.

cantiere bonifica foce esaro giornalistiL’odierno avvio del cantiere rappresenta un significativo passo avanti del percorso di risanamento ambientale che, negli anni, ha visto Syndial e gli Enti nazionali e del territorio impegnati in un’interazione costante al fine di definire gli interventi e i relativi iter di approvazione.
Nel 2008 Syndial, in assenza di significativi interventi delle gestioni commissariali che dal 2001 al 2007 hanno interessato ex Pertusola ed ex Fosfotec, è rientrata in possesso delle aree e ha riavviato l’iter di bonifica, depositando un progetto complessivo per tutto il sito.

aree bonificaLa società, ottenuti i decreti falda nel 2015 e suoli nel 2011 e 2017, per le due ex discariche fronte mare ha presentato otto differenti proposte progettuali di bonifica, che tuttavia non hanno ottenuto i necessari pareri favorevoli da parte degli Enti. Solo nel 2017 Syndial, il ministero dell’Ambiente, il Commissario straordinario di Governo e gli Enti hanno trovato una piena convergenza su una soluzione progettuale suddivisa in due fasi per accelerare gli interventi e il rilascio in tempi certi delle autorizzazioni: il Progetto Operativo di Bonifica Fase 1 - Opere di protezione a mare anticipabili”, di cui oggi è stato avviato il cantiere, e Progetto Operativo di Bonifica Fase 2 - Discariche fronte mare e aree industriali”.

giornalisti bonificaFino a oggi, Syndial ha realizzato gli interventi di bonifica dei suoli e della falda decretati e le demolizioni, per un valore complessivo di spesa pari a circa 150 milioni di euro, oltre l’importo versato (sentenza del 2012) per danno ambientale pari a 70 milioni di euro a titolo risarcitorio e compensativo. Per completare le opere di bonifica la società ambientale di Eni stima di spendere circa 250 milioni di euro, inclusi il trattamento delle acque di falda.

cantiere bonificaLa giornata si è conclusa nello stabilimento Syndial di Crotone con la firma del “Patto per la Sicurezza”, un’iniziativa che Eni promuove nei diversi siti operativi al fine di coinvolgere le imprese fornitrici qualificate e impegnate nelle attività operative per prevenire gli incidenti sul lavoro e diffondere le best practice e la cultura della sicurezza.

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

giuseppe vadalà ministro costaSarà il generale Giuseppe Vadalà dell’arma dei carabinieri il nuovo commissario per la bonifica del sito Sin di Crotone. Lo ha annunciato la senatrice del M5s, Margherita Corrado, in un post pubblicato sulla sua pagina ufficiale di Facebook. Si tratta di una notizia davvero confortante per la senatrice pentastellata che si è abbandonato a un liberatorio «Evviva!».
«Il ministro Costa – si legge nel post –, intervenendo a Roma alla conferenza stampa in corso per la presentazione della IV Relazione semestrale (gennaio-giugno 2019) presso il Cufa, ha appena annunciato ufficialmente che il commissario alla bonifica atteso a Crotone da giugno 2018, quando scadde il mandato della dottoressa Elisabetta Belli, sarà il generale Giuseppe Vadalà. Gestirà i 70 milioni accordati dal Tribunale di Milano per il danno pre-bonifica imputato a Syndial. Un'ottima notizia per Crotone e i suoi cittadini, pessima per certi altri soggetti... Una persona seria e competentissima messa al posto giusto. Finalmente!»

Pubblicato in In primo piano
Pagina 2 di 23