Sabato, 04 Luglio 2020

PRIMO PIANO NEWS

Il prefetto di Crotone, Tiziana Tombesi, con provvedimento del 3 luglio 2020 ha sospeso il Consiglio comunale di Cutro, fino all’emanazione del relativo decreto di scioglimento, nominando, per la provvisoria gestione, il prefetto in quiescenza Domenico Mannino con i poteri del sindaco, della giunta e del consiglio.

Pubblicato in Politica

Gilberto Gentili è uno dei tre nuovi commissari nominati dalla giunta regionale dell’Umbria per l’Usl 1. È quanto riferito da numerosi siti d’informazione come il Corriere dell’Umbria e Umbria 24.

Pubblicato in In primo piano

Vivrà a Crotone nei suoi sei mesi di mandato e ha chiesto alla Prefettura un solo sub-commissario per essere affiancata nel difficile compito di gestione del Comune di Crotone.

Pubblicato in In primo piano

giuseppe vadalà ministro costaSarà il generale Giuseppe Vadalà dell’arma dei carabinieri il nuovo commissario per la bonifica del sito Sin di Crotone. Lo ha annunciato la senatrice del M5s, Margherita Corrado, in un post pubblicato sulla sua pagina ufficiale di Facebook. Si tratta di una notizia davvero confortante per la senatrice pentastellata che si è abbandonato a un liberatorio «Evviva!».
«Il ministro Costa – si legge nel post –, intervenendo a Roma alla conferenza stampa in corso per la presentazione della IV Relazione semestrale (gennaio-giugno 2019) presso il Cufa, ha appena annunciato ufficialmente che il commissario alla bonifica atteso a Crotone da giugno 2018, quando scadde il mandato della dottoressa Elisabetta Belli, sarà il generale Giuseppe Vadalà. Gestirà i 70 milioni accordati dal Tribunale di Milano per il danno pre-bonifica imputato a Syndial. Un'ottima notizia per Crotone e i suoi cittadini, pessima per certi altri soggetti... Una persona seria e competentissima messa al posto giusto. Finalmente!»

Pubblicato in In primo piano

antonello graziano asp crotoneAntonio Graziano è il nuovo commissario straordinario dell’Asp di Crotone. La nomina è arrivata su decreto della giunta regionale della Calabria. Detto “Antonello”, Graziano è un dirigente medico rossanese di 57 anni, attualmente direttore del distretto sanitario di Rossano dove aveva ricoperto lo stesso incarico dal 2006 al 2011. Si era presentato alle elezioni regionali del 2014 concorrendo alla carica di consigliere nella lista “Oliverio presidente”, quando attenne un buon risultato (3.056 preferenze). Graziano è stato candidato alla carica di sindaco di Rossano nel 2011 e ha ricoperto la carica di assessore al Bilancio della Provincia di Cosenza in una delle giunte Oliverio. Sempre con lo stesso provvedimento, la giunta regionale ha nominato l’attuale facente funzioni dell’Asp di Crotone, Pino Fico, commissario dell'Asp di Catanzaro.

Il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio non ci ha ripensato, nonostante l'appello del ministro alla Sanità Giulia Grillo, e la Giunta regionale ha nominato oggi i commissari nelle Aziende sanitarie ed ospedaliere. Nel corso della riunione, presieduta dall'assessore vicario Franco Rossi - Oliverio non era presente essendo sottoposto all'obbligo di dimora nel comune di residenza, San Giovanni in Fiore (Cosenza), nell'ambito di un'inchiesta della Dda catanzarese - ha approvato la delibera di riapertura dei termini per la nomina dei nuovi direttori generali delle Aziende. Quindi ha nominato i commissari delle Aziende sanitarie provinciali (Asp) in scadenza domani o già scaduti. All'Asp di Vibo Valentia è stata nominata Angela Caligiuri; all'Asp di Catanzaro Giuseppe Fico; all'Asp di Crotone Antonello Graziano; all'Asp di Cosenza Raffaele Mauro (confermato); all'azienda ospedaliera Mater Domini di Catanzaro Caterina De Filippo; all'Azienda ospedaliera di Cosenza Achille Gentile, a quella di Reggio Calabria Vittorio Prejanò.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

barbuto corrado sorriso«Nel pomeriggio di lunedì 12 novembre scorso – informa una nota – le onorevoli Elisabetta Barbuto e Margherita Corrado hanno avuto un incontro col caposegreteria tecnica del ministero dell'Ambiente per porre alla sua attenzione le preoccupazioni proprie e della comunità crotonese in merito alla vicenda, tristemente nota, del grave inquinamento da rifiuti industriali interrati in tutta l’area urbana ed anche in località limitrofe. Le parlamentari hanno innanzitutto sollecitato, a seguito della scadenza lo scorso giugno dell'incarico della dottoressa Elisabetta Belli, la nomina di un nuovo Commissario che si faccia carico di avviare finalmente una bonifica "vera" dell’area Sin e di altre zone extra Sin che si stanno via via rivelando altrettanto contaminate. “Questa problematica – hanno sottolineato le portavoce pentastellate – è molto sentita dalla cittadinanza, come mostra sia il successo della raccolta firme promossa dal gruppo consiliare del M5s nel maggio 2017 per richiedere un’assemblea pubblica sul tema (richiesta rimasta totalmente inascoltata dal primo cittadino), sia la petizione online lanciata nel giugno scorso dal comitato cittadino “La collina dei veleni” (giunta a 64.000 firme!) per richiedere al ministro Costa interventi di bonifica seri e risolutivi. Pertanto abbiamo chiesto al funzionario ministeriale che si riesamini con estrema attenzione il Progetto operativo di bonifica (Pob) Fase 2 proposto dai tecnici di Syndial che suscita molte perplessità, soprattutto riguardo all'intenzione di non rimuovere, ma di lasciare sul posto, tombata, una enorme mole di veleni presenti nel terreno dell'ex area industriale”. Crotone non può più essere lasciata sola a fronteggiare una situazione ambientale esplosiva che già troppo ha compromesso la salute dei suoi cittadini».

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 4