fbpx
Giovedì, 18 Luglio 2024

PRIMO PIANO NEWS

CATANZARO «Per la Calabria sono disponibili 9 miliardi e 900 milioni: 1,8 mld nella provincia di Cosenza; 701,2 mln nella provincia di Crotone; 1,6 mld nella provincia di Catanzaro; 823,7 mln nella provincia di Vibo Valentia; 1,7 mld nella provincia di Reggio Calabria, per coprire e portare a compimento 10.919 progetti di cui, però, solo 4.454 risultano validati».

 

Pubblicato in Calabria

CROTONE «Ci dissociamo pienamente dal comunicato della Uil Trasporti di Crotone ed esprimiamo la nostra piena solidarietà al presidente Padula ed al Consiglio di Amministrazione di Akrea Spa manifestando il nostro apprezzamento per gli sforzi compiuti nel salvare l'azienda e i suoi lavoratori». È quanto sottolineano in una nota stampa le segreterie provinciali e aziendali della Fse-Cobas, Fp-Cgil, Fit-Cisl, Flaica-Cub e Fiadel-Cisal.

 

Pubblicato in In primo piano

CROTONE «La città è sporca, la differenziata diminuisce, la Tari aumenta e il Cda di Akrea sta guardare». È quanto scrivono in una nota Giovanni Mungari e Fabio Tomaino, rispettivamente responsabile Uil Trasporti e segretario generale Uil di Crotone.

 

Pubblicato in In primo piano

CROTONE Gli incidenti sul lavoro sono diventati una vera e propria strage, che solo nel 2023 ha provocato in Italia più di 1.000 morti e oltre 500.000 infortuni e secondo l’ultimo report dell’Inail, riferito ai primi quattro mesi del 2024, la Calabria risulta tra le regioni con maggiore incidenza di infortuni sui luoghi di lavoro.

 

Pubblicato in In primo piano

ROMA «La convocazione del tavolo di crisi al Mimit non è più rinviabile, oltre mille lavoratrici e lavoratori tra Calabria e Sicilia vivono momenti di grande preoccupazione per le proprie prospettive occupazionali». Lo affermano il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, e il neoletto segretario generale della Slc Cgil, Riccardo Saccone, sulla vertenza della società del settore call center in amministrazione straordinaria.

 

Pubblicato in Calabria

CROTONE «Lo sviluppo e il riscatto sociale del nostro territorio continuano a scontrarsi con un grande ostacolo pari a circa 1 milione di metricubi di rifiuti e ogni ambiziosa iniziativa di crescita e di rilancio dell’economia locale resterà illusoria finché quei veleni non verranno definitivamente rimossi». È quanto scrive in una nota stampa Fabio Tomaino, segretario generale della Uil di Crotone.

 

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 6