fbpx
Lunedì, 04 Luglio 2022

PRIMO PIANO NEWS

«In vista del nuovo incontro del prossimo 6 luglio, Amministrazione Comunale e Unical approfondiscono i temi che saranno oggetto dell'accordo». È quanto rende noto il Comune di Crotone in una nota stampa.

Pubblicato in In primo piano

«Si definisce il percorso – informa una nota del Comune – per avere una concreta presenza universitaria nella città di Crotone».

Pubblicato in In primo piano

museo capocolonnaIl Polo museale della Calabria e l'Universita' della Calabria hanno siglato un accordo di collaborazione che si inserisce nel quadro del Progetto BlueMed finanziato dalla Comunita' Europea. L'accordo prevede la realizzazione di uno spazio espositivo innovativo presso il Museo archeologico nazionale di Capo Colonna (Crotone). Il Progetto BlueMed, di cui l'Universita' della Calabria e' soggetto attuatore, ha infatti fra i siti pilota anche l'Area Marina Protetta "Capo Rizzuto", per la quale si punta alla valorizzazione dei suoi numerosi relitti. L'obiettivo principale e' supportare lo sviluppo di un turismo sostenibile e responsabile nelle aree costiere ed insulari del Mediterraneo, puntando alla valorizzazione del patrimonio culturale subacqueo, ma e' prevista anche la realizzazione di un "Knowledge Awareness Center" (Kac) che si configura come uno spazio nel quale, attraverso l'utilizzo di tecnologie multimediali, si offrono ai visitatori informazioni e contenuti relativi ai beni culturali e naturalistici presenti sui fondali del Mar Mediterraneo. Il progetto sara' ufficialmente presentato venerdi' 21 settembre 2018, alle ore 11.30, a Cosenza, a Palazzo Arnone. Sara' possibile verificare in anteprima un sistema di realta' virtuale, che verra' installato presso il Museo di Capo Colonna e che consente di effettuare un'immersione virtuale su due relitti di epoca romana presenti sui fondali.

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

cantiere calabria pubblico«Siamo qui perche' totalmente ignorati. Il territorio crotonese e' completamente abbandonato, e' desolante e desolato. Oggi si e' aperto Cantiere Calabria, ma dov'e' la provincia di Crotone in questo cantiere?». Lo ha detto Francesco Turano, presidente del Comitato cittadino aeroporto Crotone, che con alcuni componenti dell'organismo ha esposto uno striscione all'universita' della Calabria, dove si sta tenendo la tre giorni di confronto sulle politiche di sviluppo, organizzata dalla Regione. Sullo striscione campeggia la scritta 'Crotone vuole volare'. «Avremmo voluto chiedere al ministro Delrio - ha aggiunto Turano - di fare il percorso per arrivare a Crotone con noi in modo da cogliere concretamente le nostre difficolta'. Siamo fuori dal mondo, qui si parla di futuro, ma per noi non c'e' alcun futuro, vediamo solo desolazione. Il 30 ottobre sara' un anno esatto che l'aeroporto e' chiuso, da allora solo parole. Noi non siamo al terzo mondo, ma al quarto».

Pubblicato in Cronaca

sacco unicalRENDE - «Quando sono partito nel viaggio della vita non avevo una valigia di cartone ma quella che possedevo per me era come se fosse di Louis Vitton». Con queste parole Gerardo Sacco, l'orafo delle dive, ha concluso la sua lezione stamattina all'Università della Calabria, invitando gli studenti a credere nelle proprie potenzialità e nei propri sogni. Il suo intervento si è tenuto nell'ambito del corso di Pedagogia della comunicazione tenuto da Mario Caligiuri, che lo ha introdotto mettendo in rilievo il profondo significato educativo della sua attività e della sua vita. Sacco ha esordito esprimendo la sua emozione per il grande onore di tenere, con la quinta elementare, una lezione in un'aula universitaria. Nel corso della sua esposizione, interrotta da numerosi applausi, Sacco ha fatto emergere, attraverso le vicende della sua vita, come valorizzare i talenti, trasformare i limiti in opportunità, partire dalle proprie radici per dare un senso all'esistenza, trasmettere agli allievi un'arte antica e sapiente, trasformare la creatività artigiana in un'impresa economica, rimanere con il cuore nella propria città e la testa nel mondo, diventare un esempio che ci rende orgogliosi di essere calabresi, rappresentare dovunque come un ambasciatore la propria terra, continuare a esprimere valori nonostante il successo planetario, investire sui collaboratori per creare il futuro. Questo potrebbe essere considerato il decalogo di Gerardo Sacco per i giovani calabresi, ha commentato Mario Caligiuri. La lezione si è sviluppata anche con la proiezione di brevi video che hanno sottolineato alcuni momenti salienti della sua attività, dalla premiazione al Festival del Cinema di Taormina alla mostra all'Istituto Italiano di Cultura a Madrid. In conclusione Gerardo Sacco ha risposto alle domande degli studenti.

 

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli

mattarella sacco oliverioAl presidente Mattarella una creazione di Gerardo Sacco: un'opera artigianale che racchiude tutto ciò che fa bella la Calabria per ringraziare il Capo dello Stato, giunto all'Unical per inaugurare il 45° anno accademico. Nell’aula magna del centro congressi “Beniamino Andreatta” dell’ateneo calabrese, erano presenti anche il ministro dell’Interno, Marco Minniti, e quello della Pubblica istruzione, Valeria Fedeli, il sottosegretario all'Economia Antonio Gentile e la presidente della commissione parlamentare Antimafia Rosy Bindi. «L’unicità delle creazioni di Gerardo Sacco – informa una nota – è sempre protagonista di eventi prestigiosi e questa volta viene scelta, per rappresentare la Calabria e ringraziare la massima autorità dello Stato per aver presenziato alla cerimonia di inaugurazione dell'Anno accademico dell'Università della Calabria. Una creazione di elevato pregio che racchiude tutto il senso della grande artigianalità Made in Italy e in cui attraverso l'arte orafa, prendono vita le ricchezze materiali e immateriali di questa terra. Nel quadro-cornice in argento 925/000 sbalzato a mano è infatti raffigurato un paesaggio archeologico della Magna Grecia con l’unica colonna superstite del tempio di Hera sul promontorio Lacinio e al centro una lastra in argento smaltata a mano con la raffigurazione della Calabria ed alcuni simboli della stessa. Sulla Calabria è incisa la famosa poesia "Quando fu il giorno della Calabria" di Leonida Repaci, scrittore, saggista, poeta e drammaturgo calabrese.

targa sacco mattarella«È stato un onore - dice il Maestro Orafo Gerardo Sacco - realizzare quest’opera per la più alta carica istituzionale. Condivido pienamente il discorso fatto dal Presidente Mattarella che ha evidenziato nel suo discorso l’importanza della cultura affermando che dal tessuto culturale, e quindi dai giovani, dipende la possibilità per l’Italia di un futuro migliore e che in questo il Mezzogiorno ha un ruolo essenziale e decisivo. La presenza di un polo accademico come quella dell’Università della Calabria, con la quale ho avuto il piacere di collaborare in diverse occasioni per promuovere la formazione e valorizzare le competenze, è un infatti un importante catalizzatore di energie, come ha sottolineato il capo dello Stato, e riveste un ruolo fondamentale per lo sviluppo del nostro territorio e di tutto il Paese. Dovremmo ricordare sempre che il nome Calabria deriva dal greco "Kalon-brion" che vuol dire ovvero "Faccio sorgere il bene" o "abbondante di ogni bene" e credere fermamente che questo bene siano i nostri giovani».

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'
Pagina 1 di 2