fbpx
Lunedì, 06 Dicembre 2021

PRIMO PIANO NEWS

La Prefettura informa che, dopo una riunione avuta oggi presso l'Utg, è stata dichiarata la cessazione dello stato di agitazione dei lavoratori. «Si è tenuta, nel pomeriggio odierno - scrive la Prefettura di Crotone - una riunione per l'esperimento della procedura conciliativa prevista dall'articolo 2 della legge 146 del 1990 in materia di sciopero nei servizi pubblici essenziali, attivata dalla Rsu della Akrea (società operante nella materia dei rifiuti solidi urbani a Crotone) con specifico riferimento alla vertenza promossa dal personale in servizio presso la medesima azienda. Presente anche il rappresentante sindacale Fiadel, oltre al presidente di Akrea e, in rappresentanza del Comune di Crotone, l'sssessore all'Ambiente, Michele Marseglia. All'esito della discussione generale, le parti sono addivenute a conciliazione ed è stata dichiarata la cessazione dello stato di agitazione dei lavoratori».

 

 

 

è stata dichiarata la cessazione dello stato di agitazione dei lavoratori.
Pubblicato in Cronaca

akrea mezzi4In riferimento alla nota di risposta in merito alla richiesta di chiarimenti su mezzi Akrea in sosta al parcheggio di Parco Pignera, il consigliere Enrico Pedace specifica che «quanto riportato nella lettera, non era indirizzato alla segreteria provinciale della Flaica, bensì al sindaco, all’assessore all’Ambiente e al presidente Akrea. Purtroppo parliamo di un problema che ahimè sussiste, documentato quotidianamente dai cittadini che non tardano a inviare fotografie della situazione in cui versa il piazzale segnalato. La stessa documentazione fotografica è quella inviata agli uffici preposti ai quali si è chiesto di addivenire alla risoluzione di quanto riportato. Quindi, mio malgrado risulta ben chiaro che non si tratta di una problematica frutto della fantasia, o di una mera strumentalizzazione definita addirittura “politica affaristica”, bensì di una questione ambientale seria che merita l’attenzione di tutti i soggetti “competenti”. Come detto in premessa, la lettera è stata indirizzata alle autorità sopra citate, ragion per cui, a che titolo risponde questa sigla denominata Flaica? Perché invece la Flaica non si pone domande di questo tipo: la stazione di stoccaggio, ossia Parco Pignera, è provvista di apposita autorizzazione? È regolamentata per la sua gestione? E poi, che cosa vuol dire che “l’azienda Akrea provvede subito alla pulizia dei luoghi interessati?”. Il fenomeno della “fuoriuscita di liquame”, così come viene definito da chi scrive, non dovrebbe proprio sussistere, in quanto nocivo all’ambiente e alla salute pubblica».

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

L'Rsu dell'Akrea hanno scritto una lettera al prefetto, al questore di Crotone, ai Carabinieri, al sindaco di Crotone per annunciare lo stato d'agitazione dei dipendenti. «Le Rappresentanze sindacali unitarie - è scritto nella missiva -, visto lo stato d'inerzia, della politica nel non affrontare le problematiche note oramai a tutti, per i continui dinieghi da parte del comune di incontrare le Rappresentahza sindacali aziendali dichiarano dall'8 febbraio lo stato d'agitazione di tutto il personale dell'azienda Akrea non escludendo la possibilità d'astensione dal servizio, nei modi e termini previsti dall'attuale normativa vigente».

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

akrea mezziLa segreteria provinciale della Flaica smentisce in una nota la segnalazione fatta dal consigliere comunale Enrico Pedace [LEGGI ARTICOLO] circa l'utilizzo del piazzale antistante Parco Pignera e il PalaMilone come sosta di parcheggio dei camion di Akrea per lo scarico dei rifiuti. Dobbiamo smentire la notizia - scrive la Flaica - perché l’unico mezzo usato per lo scarico dei rifiuti raccolti nella cittadina è quello di Parco Pignera che, dopo il conferimento dei rifiuti raccolti, lava le strade. L’akrea pulisce tutto con disinfestazione e pulitura del piazzale. La Flaica - precisa la nota - smentisce che si usino altri luoghi per scaricare i rifiuti, tanto meno al Palamilone. Può capitare - aggiunge la Flaica - che nei periodi di emergenza, quando l’impianto di Ponticelli va in tilt, potrebbe uscire liquame dovuto al non conferimento dei rifiuti nel sito di Ponticelli, ma l’azienda Akrea provvede subito alla pulizia dei lochi interessati. Cerchiamo di lavorare con amore per il nostro territorio e non attaccare chi crede in questa città. Dalle foto che sono state pubblicate, possiamo dire e precisare, a chi vuole il male dell’unica azienda pubblica che lavora in modo privato, di far conferire i rifiuti nella nostra stazione intermedia da parte dei privati e in modo da non scaricare in modo selvaggio per strada tutti i tipi di rifiuti, invece di fare polemiche cerchiamo di aiutare a crescere la città, cerchiamo di far nominare le guardie ecologiche per educare il cittadino».

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

akrea mezziIl consigliere comunale dei Demokratici Enrico Pedace ha inviato una lettera al sindaco del Comune di Crotone, all'assessore all'Ambiente e al presidente dell'Akrea  comunicando che «da segnalazione ricevute da alcuni cittadini, il piazzale antistante Parco Pignera e il PalaMilone viene usato come sosta di parcheggio dei camion di Akrea per lo scarico dei rifiuti. Pertanto, si chiede di voler intervenire considerato, che il piazzale viene impregnato dal percolato che scola dai camion emanando cattivi odori».

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

Riunione in Prefettura: individuato percorso virtuoso per soluzione problematiche Akros-Akrea. «Nel pomeriggio di ieri - informa una nota della Prefettura - si è tenuta una riunione finalizzata all'esame di problematiche interessanti le società Akros-Akrea, aziende specializzate nel settore dei rifiuti, attive nel territorio provinciale di Crotone. L'incontro - spiega il comunicato - è stato indetto su richiesta dell'Organizzazione sindacale Uil e il prefetto, attesa la rilevanza del tema, ha inteso estendere l'invito a partecipare anche alle Organizzazioni sindacali Cgil e Cisl, nonché a Cub che ha richiesto formalmente di poter partecipare alla riunione. Oltre ai rappresentati delle due società interessate era presente il sindaco di Crotone, Peppino Vallone. Nel corso dell'incontro, è stata riassunta, per capi essenziali, tutta la problematica afferente alla vertenza delle maestranze e, dopo ampia e articolata discussione, le parti hanno acceduto alla proposta del prefetto di continuare, da subito, in serata stessa, la discussione presso la sede comunale, mutando la connotazione dell'incontro in "tecnico". Il Prefetto ha comunque richiamato l'attenzione sul continuo rispetto delle regole, sull'etica che deve contraddistinguere i rapporti tra le parti ed ha auspicato che, all'esito del prossimo incontro tecnico, si pervenga all'individuazione del miglior percorso virtuoso che conduca a soluzione».

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 29 di 30