Sabato, 15 Agosto 2020

 

PRIMO PIANO NEWS

«Sta circolando questo documento falso. Nessuna ordinanza è stata ritirata». È quanto pubblicato pochi minuti fa dalla pagina ufficiale Jole Santelli in merito all’ordinanza pubblicata nella tarda serata di mercoledì 29 aprile e che autorizza, con prescrizioni, l’apertura di bar, ristoranti e pizzerie in Calabria a partire dal domani 30 aprile.

Pubblicato in Politica

Dove finisce il diritto di critica e si configura invece il reato di diffamazione? È la “secca” in cui è andata ad arenarsi la senatrice crotonese del M5s, Margherita Corrado, nel tentativo di sostenere tesi contrapposte all’architetto Tommaso Tedesco, all’epoca dei fatti ispettore onorario della Soprintendenza Abap di Catanzaro, Cosenza e Crotone (incarico poi revocato). L'interrogativo, adesso, verrà sciolto nelle aule di un tribunale.

Pubblicato in In primo piano

La vergogna non ha limiti. Ci sono persone che pensano alla campagna elettorale in un momento tragico qual è quello che stiamo vivendo. Li vediamo in televisione e sui social affannarsi a difendere la propria parte politica e demonizzare quella degli altri.

Pubblicato in In primo piano

facebook sentenza«La Polizia locale di Crotone ha denunciato alla Procura della Repubblica un soggetto residente nella città di Crotone, affinché valuti le affermazioni rilasciate dal medesimo su Facebook sull'operato del corpo cittadino. Lo rende noto il comandante Antonio Cogliandro. «Inoltre – prosegue il comunicato –, sono in corso ulteriori indagini al fine di identificare altre due persone, che si sono associate alle dichiarazioni del soggetto ed hanno aggiunto frasi offensive verso il personale della Polizia locale. Uno dei due addirittura sembrerebbe, pur essendo cittadino crotonese, al momento risiedere in altra città».

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

enrico pedace regione«Un clima incandescente si stempera con l'equilibrio». Lo scrive il consigliere comunale dei Demokratici, Enrico Pedace, in merito alla vicenda di un utente che ha postato auguri di morte al sindaco Ugo Pugliese dopo minuti di incolonnamento in macchina a causa del cantiere in corso su via Nazione Unite. «Un altro clima – prosegue la nota –, denso di conflitti, si autoalimenta fino all'esaurimento dei contendenti. E' alla stupidità che non v'è rimedio. E quando alla stupidità si somma l'incultura del dileggio non vi sono più spazi entro i quali la civiltà si esercita ed accomuna le persone. Quello che avviene da tempo nei confronti del sindaco, non è solo biasimevole, è inaccettabile, perché ripugnante. Qualunque cosa avvenga o lui dica, piuttosto che un'espressione facciale sgradita, diventa elemento di giudizio o di commento senza alcun freno inibitorio o peggio, senza replica oggettiva e di merito. I social ormai sono diventati un luogo di contesa e di autocompiacimento. Poi, nella massificazione c'è sempre il cretino che si esalta. Ma la politica, che è il luogo del confronto e della sintesi fattiva, si ritiene immune o al di sopra della canea che si scatena in talune occasioni? A mio giudizio no, perché e fin dall'inizio che Pugliese è stato apostrofato e dileggiato perché reo di aver sconfitto, ovviamente non da solo, un'armata di pressappochisti, da destra a sinistra, in nome di un rinnovamento di classe dirigente che gli altri hanno solamente accennato. È dall'inizio che sul Sindaco si è voluto cucire un abito grossolano, goffo e fuori taglia. Eppure, i precedenti erano scappati bruciando i pozzi, così come gli aspiranti, al secondo turno, hanno finanche unito le forze per perdere due volte. Ecco cosa non si perdona a Ugo Pugliese: aver vinto, al secondo turno, a mani libere, da solo, e contro tutti. Persino contro il pregiudizio e l'ossessione nei confronti di suoi sostenitori. Ugo Pugliese è il Sindaco dei cittadini, al quale la politica non ha dato una mano soprattutto nei suoi primi mesi, quelli decisivi. Oggi, poi, che Crotone dovrebbe avere voce in capitolo avendo due Parlamentari di maggioranza, vede accentuarsi lo scontro per effetto di una campagna elettorale perenne iniziata a giugno del 2016 e che protraendosi da allora, anche se con protagonisti diversi, rischia di accompagnarci fino al 2021. Crotone ha bisogno di sinergia anche nella diversità e soprattutto di rispetto reciproco. Fino a quando non si capirà questo, i cretini saranno sempre in agguato e non distingueranno, perché la stupidità non fa sconti».

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

code incolonnamenti farinaIl comitato Farina interviene sulla querelle che riguarda i disagi al traffico per il cantiere della rotonda di via Nazione Uniti e, in merito, al post di un utente su Facebook che ha augurato quest'oggi la morte al sindaco Ugo Pugliese a causa degli incolonnamenti causati dai lavori cui è seguita una querela. «Il comitato – scrive Flavia Giaquinta, cittadina residente a Farina – ribadisce la sua distanza dal post offensivo nei confronti del sindaco, ma chiede anche che l'attenzione non venga concentrata esclusivamente sul post. Il comitato non accetta però che si dica "la rotatoria può essere oltrepassata con disagio", in quanto, siamo sottoposti a file chilometriche a qualunque ora del giorno e della sera e che di fatto ci isolano dal resto della città, creando ai cittadini della zona di farina gravi disagi sul lavoro e sulla vita privata e, ancora più grave, sulle studentesse e gli studenti che di fatto si vedono leso il diritto allo studio, con ricadute negative sul loro percorso scolastico. Il comitato chiede, pertanto, sia una risoluzione immediata del problema sia una soluzione alternativa con la costruzione di un'altra strada».

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 3