Giovedì, 25 Febbraio 2021

 

 

PRIMO PIANO NEWS

I carabinieri del Comando provinciale di Crotone, nella settimana di Ferragosto, hanno eseguito una serie di servizi straordinari di controllo del territorio, finalizzati a garantire la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, così da reprimere eventuali condotte delittuose che, tradizionalmente, in questi giorni fa registrare un incremento.

Pubblicato in Cronaca

«Con l’approssimarsi delle ricorrenze della “Notte di San Lorenzo” e del “Ferragosto” – informa la Questura di Crotone –, caratterizzate, come di consueto, da un notevole movimento di persone verso località turistiche, si è reso necessario, alla luce delle  vigenti misure di contenimento dell’emergenza epidemiologia “Covid-19”, incrementare e sensibilizzare  i servizi di vigilanza, sia degli obiettivi sensibili ritenuti a rischio, nonché lungo le direttive principali Strade statali 106 e 107 e sulle arterie affluenti e defluenti dai centri abitati in previsione del prevedibile aumento del traffico veicolare verso le località costiere e silane».

Pubblicato in In primo piano

elisabetta dominijanni3Gli auguri di ferragosto. Semmai l’amministrazione comunale se ne fosse dimenticata, l’architetto Elisabetta Dominijanni ha ribadito di non volere mettersi da parte. Lo ha fatto scrivendo una dura lettera inviata al sindaco della città, Ugo Pugliese, al segretario generale del Comune, Bruno Rosaspina, e ad alcuni dirigenti dell’ente. La vicenda è sempre quella del concorso vinto dall’architetto per ricoprire la carica di dirigente tecnico di ruolo, che era stato bandito dalla precedente Giunta guidata da Peppino Vallone (delibera n. 336 del 2014) e ritirato in autotutela dall’attuale giunta comunale (delibera 237 del 28 settembre 2016). L’architetto Dominijanni ha presentato ricorso avverso alla delibera n. 237 al Tribunale amministrativo regionale della Calabria. Il Tar con la sentenza n 09/2017, depositata il 02.05.2017, ha accolto il ricorso proposto ed ha così riconosciuto la correttezza della procedura concorsuale. Nella lettera di Ferragosto Dominijanni scrive: “A seguito della sentenza la scrivente ha cercato di interloquire più volte a mezzo di note e diffide a firma sia propria che del suo legale, non riuscendo mai ad avere risposta dai rappresentanti dell’amministrazione cui ci si rivolge, anzi, al contrario, riscontrando che all’indomani della pubblicazione della citata sentenza, con straordinaria arroganza, la succitata amministrazione ha pubblicato “avviso di procedura comparativa pubblica, per l'assunzione a tempo pieno e determinato di 1 dirigente con incarico di capo settore tecnico - urbanistica- ai sensi dell'art. 110 comma 2 del D. Lgs. 267/2000 e dell'art. 24 del Regolamento generale organizzazione dei settori servizi e uffici del Comune”, approvato con determina dirigenziale del 11-05-2017 n. 975, come se la sentenza del Tar non interessasse proprio la procedura di copertura del posto di dirigente tecnico o come se gli esiti della sentenza fossero favorevoli all’ente piuttosto che alla sottoscritta che rivendica esclusivamente il rispetto dei propri diritti”. Continuando l’architetto ricorda che “la citata determina 975 viene in seguito rettificata con determina del 15-05-2017 n. 998 nella quale, per quanto attiene la dirigenza tecnica, sparisce il “Capo Settore Tecnico – Urbanistica” e si trasforma in “avviso di procedura comparativa pubblica, per l'assunzione a tempo pieno e determinato di 1 dirigente tecnico ai sensi dell'art. 110 comma 2 del D. Lgs. 267/2000 e dell'art. 24 del Regolamento Generale Organizzazione dei settori servizi e uffici del Comune”. Anche avverso a questi nuovi deliberati la Dominijanni ha presentato un ricorso al Tar Calabria, che non ha accolto la richiesta di sospensiva del procedimento “ritenuto che, nonostante la qualificazione del gravame quale ricorso ex art.114 c.p.a., invero l’azione attiene a profili attinenti a presunti vizi dei provvedimenti indicati – di cui si chiede la nullità o l’inefficacia - e pertanto l’azione, visto l’art.32 del cod. proc. amm., deve essere riqualificata come azione di cognizione sottoposta al rito ordinario” ed ha, quindi, disposto “la conversione del procedimento ex art.114 cod. proc. amm. in rito ordinario e fissa la trattazione di merito alla pubblica udienza del 27 giugno 2018”. In seguito all’intervento del segretario generale il Comune ha dovuto annullare le determini dirigenziali 975 e 998. Una storia infinita che viene riproposta con la determina dirigenziale 1536 che prevede la “rettifica determinazione n.975 dell'11.05.2017 che prevede l’approvazione avvisi pubblici di procedure comparative per l'assunzione a tempo pieno e determinato di 1 dirigente con incarico di capo settore I amministrativo e personale ai sensi dell'art. 110 comma 1 del D. Lgs. 267/2000 e dell'art. 24 del Regolamento Generale Organizzazione dei settori servizi e uffici del Comune e di 1 dirigente con incarico di capo settore tecnico - urbanistica- ai sensi dell'art. 110 comma 2 del D. Lgs. 267/2000 e dell'art. 24 del Regolamento Generale Organizzazione dei settori servizi e uffici del Comune” e sua riproposizione”. Che c’è sotto tutte queste proposizioni di determine dirigenziali? Secondo quello che scrive la Dominijanni, che ha rinunciato volutamente di partecipare al bando per l’assunzione a tempo determinato (art. 110), c’è la volontà di procedere all’assunzione di tecnici amici e già individuati dalla stampa. Potrebbe anche finire la battaglia in solitudine della Dominijanni in quanto, secondo quanto riferito, anche i due tecnici che si sono classificati al 2 e 3 posto del concorso bandito da Vallone sono pronti a scendere sul piede di guerra.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

riunione rifiutiSelezionatore aperto un'ora prima (le sei del mattino), possibilità di conferire 30 tonnellate in più di Rsu e apertura anche nel giorno di Ferragosto. È quanto accordato questa mattina in sala giunta durante un incontro voluto dal sindaco Ugo Pugliese relativo alla servizio di conferimento rifiuti nella discarica di Ponticelli. «Invito - riferisce una nota - raccolto con grande disponibilità dall'assessore all'Ambiente della Regione Calabria Antonella Rizzo. Nei giorni scorsi - prosegue la nota - a causa delle difficoltà di conferimento nella discarica di Ponticelli, la cui gestione non è di competenza comunale, si erano verificati disagi in città con l'accumulo di rifiuti nelle strade cittadine. Il sindaco Pugliese - spiega il comunicato - ha chiesto dunque l'istituzione di un tavolo tecnico che si è riunito questa mattina ed al quale con il vice sindaco Antonella Cosentino, l'assessore ai Lavori Pubblici Tommaso Sinopoli, il presidente del consiglio Serafino Mauro hanno partecipato i rappresentanti della Regione Salvatore Frontera e Amedeo Codispoti, Alessandro Giardiello di Ecologia Oggi che gestisce l'impianto, il presidente di Akrea Rocco Gaetani. Presenti anche i consiglieri Comunali Enrico Pedace e Maria Rita Megna. La riunione - informa ancora la nota - si è svolta in un clima di grande collaborazione nel quale si è tenuto conto soprattutto dell'esigenza di garantire in questo periodo festivo a cavallo di ferragosto, durante il quale c'è anche una maggiore presenza di turisti in città, gli standard ottimali per garantire un regolare conferimento dei rifiuti solidi urbani nella discarica di Ponticelli. Importanti decisioni sono state assunte grazie anche alla disponibilità dell'assessore all'Ambiente Rizzo. La discarica - rendo noto il comunicato - anticiperà l'apertura di un'ora rispetto all'orario attualmente in vigore ed i mezzi Akrea avranno la priorità del conferimento presso la stessa. E' stato inoltre disposto dal Dipartimento Ambiente del Territorio Regionale l'aumento del conferimento per il Comune di Crotone di Rsu da 100 a 130 tonnellate al giorno fino al 16 agosto. Un altro importante elemento - conclude la nota - scaturito dalla riunione, è il fatto che su disposizione del Dipartimento Ambiente della Regione, la discarica resterà aperta anche il giorno di Ferragosto».

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

equitaliaCATANZARO - Sono 2.586 le cartelle esattoriali che non saranno recapitate nel terriotorio di Crotone nel periodo di Ferragosto a causa dello stop deciso a livello nazionale dalla società di riscossione dei tributi per consentire agli utenti vacanze più leggere. In calabria sono circa 10mila le cartelle esattoriali "congelate" da equitalia. Non sarà uno stop totale "perché alcuni atti inderogabili, che in Calabria sono circa mille - spiega Equitalia - saranno comunque inviati". Per quanto riguarda il dettaglio delle altre singole province, al primo posto c'è Cosenza con 5.153 cartelle di cui sarà sospesa la notifica, seguita da Reggio Calabria (4.370), Catanzaro (2.660) e infine Vibo Valentia (1.848).

 

 

 

Pubblicato in In primo piano