fbpx
Giovedì, 26 Maggio 2022

PRIMO PIANO NEWS

incendio sovereto panoramicaSono stati complessivamente 34 gli interventi effettuati dal pomeriggio dai Vigili del fuoco del Comando provinciale di Crotone in seguito ai numerosi incendi divampati in alcune zone della provincia ed alimentati da insistente vento di tramontana. Tra le situazioni più impegnative quella che si è verificata a ridosso della statale jonica 106, nel territorio di Crotone, nell'ex zona industriale. Qui a causa dei banchi di fumo che hanno invaso l'adiacente carreggiata, l'Anas ha disposto la chiusura provvisoria di una tratto dell'arteria, poi riaperto nel corso della nottata, con viabilità alternativa su arterie secondarie. Incendi di sterpaglie hanno interessato anche la zona a sud di Crotone. Un altro incendio di vaste proporzioni, sviluppatosi nel bosco costiero di Sovereto, nel territorio del Comune di Isola Capo Rizzuto, lungo l'Area marina, ha interessato alcune decine di ettari di vegetazione.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

carabinieri incendioIncendi intorno la città di Crotone: i Carabinieri arrestano un piromane in flagranza. Sono giorni di fuoco quelli trascorsi nel corso di questa settimana a Crotone. Da diversi giorni alcuni roghi stanno infatti devastando zone contigue alla città pitagorica, precisamente in località San Giorgio, Poggio Pudano e Tufolo, immediatamente a ridosso di quartieri popolari densamente abitati. Per prevenire tali eventi, la Compagnia Carabinieri di Crotone ha disposto da alcuni giorni dei servizi di perlustrazione dedicati all’individuazione di piromani, vandali o agricoltori poco attenti nel bruciare sterpaglie da cui poi possano venire a scaturirsi incendi di ben maggiori proporzioni. Alcune ore fa in località Tufolo, nel quartiere popolare denominato “Trecento alloggi” una pattuglia della locale Stazione ha colto in flagranza di reato due ragazzi, un 29enne gravato da piccoli precedenti per reati contro il patrimonio ed un minorenne di anni 16, mentre proprio a ridosso di alcuni caseggiati, lungo una vasta zona di macchia mediterranea che si prolungo sino a delle campagne, appiccavano il fuoco a delle sterpaglie. I due giovani, con un accendino ed alcuni giornali stavano infatti cercando di dar fuoco a numerosi arbusti secchi, proprio mentre venivano sorpresi e bloccati dai militari della Stazione di Crotone, i quali una volta fermati i due piromani, hanno provveduto a spegnere il primo focolaio di fiamme che si era venuto a creare. Tutto ciò è accaduto nelle ore del crepuscolo, allorché il colore del cielo già risentiva del fumo e della fuliggine derivanti da altri incendi in zona che avevano visto impegnati per ore i Vigili del Fuoco unitamente ai Carabinieri del Comando provinciale. Una volta avuta contezze della messa in sicurezza del campo di sterpaglie, i militari hanno così condotto in caserma i due soggetti, e dopo aver informato il pubblico ministero di turno, hanno dichiarato in arresto il maggiorenne per il reato di incendio, mentre per il minorenne è scattata la denuncia in stato di libertà alla competente Procura dei minori di Catanzaro.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

incendio auto via risorgimentoGiornata di fuoco per il Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Crotone che, dalla notte di oggi, hanno effettuato già 19 interventi, mentre altri 4 quattro sono in corso e altrettanti sono in attesa di essere espletati. Oltre alle quattro squadre di servizio ordinario, il comando provinciale ha dovuto fare ricorso a un'ulteriore unità straordinaria. Gli interventi si registrano in città, così come a Torre Melissa, Torretta di Crucoli e sulle statali. In particolare, sulla statale 107 silana crotonese, nel primo pomeriggio, il traffico è rimasto bloccato per circa un’ora a causa di un rogo giunto a bordo strada che, oltre a impedire la visibilità degli automolisti per la coltre di fumo sprigionata, stava mettendo a rischio l’incolumità di coloro che transitavano in quel tratto di strada in quei frangenti. Sempre nel pomeriggio, i vigili del fuoco sono intervenuti a sedare le fiamme generate dal motore di un climatizzatore situato al primo piano di un appartamento di un palazzo di via Tommaso Campanella a Crotone. Nella notte, invece, alle ore 2 circa, è stato registrato un intervento di una squadra di vigili del fuoco su via Risorgimento, nei pressi di piazza Castello, dove un’utilitaria di colore bianco è andata in fiamme (foto). Vigili del fuoco impegnati a sedare le fiamme anche sulla statale 106. E quando è ormai sera, il centralino della caserma di via Gioacchino da Fiore continua a squillare ininterrottamente per richieste d’intervento per roghi in atto.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

incendio belvedere spinelloNegli ultimi giorni, i vigili del fuoco del comando di Crotone, hanno dovuto far fronte a numerosi incendi, che si sono sviluppati nell'intera provincia e in alcuni paesi della provincia di Cosenza di competenza del distaccamento di Ciro' Marina (KR). Incendi, che sono iniziati investendo semplice sterpaglia, e che poi, si sono sviluppati per colpa dell'alta vegetazione non curata, del forte vento o in alcune zone a causa delle condizione morfologiche del territorio, che rendono ancora piu' difficoltose le opere di spegnimento se non con il supporto di mezzi aerei. Come, nella giornata di domenica 9, dove due squadre dei vigili del fuoco di Crotone sono intervenute nel territorio di Belvedere Spinello, per un incendio, che si e' sviluppato sul costone dove insiste il centro abitato, con le fiamme che hanno lambito numerose abitazioni, e soltanto con il lavoro incessante per circa sei ore delle squadre a terra con il supporto di un elicottero per lo spegnimento dall'alto si e' evitato che alcune abitazioni venissero distrutte. Altro intervento di rilievo, e' stato effettuato ieri, da due squadre nella frazione Papanice di Crotone, dove un incendio di sterpaglie, a causa del vento, in poco tempo si e' avvicinato ad una abitazione rischiando di essere coinvolta dalle fiamme, ma grazie al tempestivo intervento dei vigili e' stato evitato il peggio, procurando soltanto uno grosso spavento per le due inquiline.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

pugliese stanzaIl sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, in considerazione che l'innalzarsi delle temperature gia' registrato sin dalle settimane scorse potrebbe produrre disagi sui consumi idrici dei cittadini, prevedibilmente in aumento anche in considerazione di un altrettanto previsto ampliamento della popolazione in occasione della stagione estiva, considerato che l'acqua e' una risorsa pubblica di primaria e assoluta importanza e che maggiori criticita' potrebbero ravvisarsi nelle zone rurali e periferiche cittadine ha emesso una ordinanza con la quale si vieta di far uso, con decorrenza immediata e fino al 30 settembre 2017, su tutto il territorio comunale dell'utilizzo di acqua potabile proveniente dal pubblico acquedotto per tutti gli usi diversi da quello potabile. In particolare, il divieto di utilizzo di acqua potabile per l'annaffiatura di orti e giardini privati, l'irrigazione dei campi, il lavaggio autovetture e simili, il lavaggio di spazi di aree private e per ogni altro utilizzo improprio diverso dalle normali necessita' domestiche e produttive. Un provvedimento adottato nell'ottica di un corretto e razionale utilizzo dell'acqua potabile distribuita dal pubblico acquedotto che si e' reso indispensabile anche alla luce di quanto emerso in occasione dell'incontro tenutosi il 26 giugno scorso presso il Consorzio di Bonifica Ionio Crotonese. Il sindaco Pugliese, inoltre, invita la cittadinanza tutta ad un uso corretto e razionale dell'acqua potabile al fine di evitarne ogni inutile spreco. Sempre il sindaco Ugo Pugliese, in considerazione del fatto che è necessario prevedere una tempestiva e accurata opera di pulizia delle aree private coperte da vegetazione spontanea, di quelle circostanti i fabbricati, di quelle confinanti con altre proprietà e strade principali ed interpoderali e richiamata al riguardo l'attenzione dei proprietari delle abitazioni periferiche e rurali ove maggiormente si manifestano incendi con concreto pericolo per le persone oltre ai danni a beni pubblici e privati che potrebbero derivare, con proprio provvedimento ordina a tutti i proprietari delle abitazioni periferiche e rurali di effettuare la sarchiatura dei terreni circostanti i propri fabbricati e sui lati di confine per una profondità di almeno cinque metri nonché nell'ambito urbano la pulitura dei terreni incolti ed incustoditi. Fa divieto, inoltre, di bruciare le stoppie e/o altri residui vegetali soprattutto durante i periodi di emergenza incendi senza il controllo e l'assistenza alle operazioni da parte degli esecutori, con l'obbligo di realizzare prima dell'inizio delle attività delle fasce perimetrali adeguate di contenzione del fuoco

Pubblicato in In primo piano

incendi quarantaQuaranta interventi circa tra incendi a sterpi, ad abitazioni, fughe di gas e un albero pericolante. Diverse squadre dei vigili del fuoco sono dovute intervenire oggi pomeriggio nel giro di un'ora per due principi d'incendio divampatisi sui balconi di due appartamenti situati in zone distinte della città. Il primo intervento ha interessato il balcone di una'abitazione situta su via Pasquale Zito dove il cortocircuito generato dai motori di un condizionatore aveva interessato un tavolo in plastica posizionato al di sotto di esso. Tanta paura e anche uno scivolone è costato a una delle due anziane donne presenti in casa in quel momento. Il pronto intervento dei vigili del fuoco ha però scongiurato che il principio d'incendio provocasse altri danni all'abitazioni.

 

incendio sterpiNeanche il tempo di tirare una boccata d'ossigeno e asciugare il sudore che le stesse squadre dei vigili del fuoco sono dovuti intervenire sui via Mastracchi nel quartiere popolare dei 300 alloggi dove, al quarto piano di un palazzo, era stato segnalato un altro incendio, da cui si era levata una densa colonna di fumo nero liberatasi dal balcone dell'appartamento e all'interno dello stabile. I vigili sono intervenuti con l'ausilio di un'autoscala e delle autobotti. Anche in questo caso i danni all'appartemento sono stati contenuti, anche se il fumo ha invaso le scale e gli appartamenti limitrofi nel palazzo. Sconosciute le cause che hanno generato l'incendio. In precedenza, sempre nel pomeriggio, i vigili del fuoco sono intervenuti in un terzo appartamento per una fuga di gas. Giornata senza sosta, dunque, quella dei vigili del fuoco che, in pratica stanno compiendo interventi dalla mattinata. Si è trattato di incendi sviluppatisi sulle colline limitrofe alla stessa palazzina di via Mastracchi e di altri sprigionatisi nella zona di Capocolonna e in alcune zone del Marchesato.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 2 di 3