fbpx
Lunedì, 15 Luglio 2024

PRIMO PIANO NEWS

Quando era stato partorito dal Governo Conte bis nel 2020, il “Super Bonus 110%”, apparì davanti agli occhi dei contribuenti come lo strumento perfetto per mettere a posto la casa “senza spendere un solo euro”.

Pubblicato in Attualita'

cutro statale2«Tra i molteplici problemi - scrivono le federazioni dei Giovani democratici di Crotone e Catanzaro - che affliggono la nostra regione, la carenza infrastrutturale e' sicuramente quello al quale la politica deve saper dare una risposta concreta e tempestiva. A tal proposito le federazioni dei Giovani democratici della provincia di Crotone e di Catanzaro, nell'ambito di una più ampia collaborazione politica in materia di ambiente ed infrastrutture, in seguito alla segnalazione fatta da Francesco Liperoti, giovane democratico originario di Cutro, vogliono rappresentare congiuntamente agli enti di competenza, la situazione sempre più compromessa in cui versa la strada provinciale 63, importante arteria di collegamento tra le due province calabresi. Difatti - spiegano i Giovani democratici - da diverso tempo, a causa del grave dissesto idrogeologico a cui e' sottoposto il territorio, la strada provinciale 63 presenta un franamento della carreggiata che, oltre a rende la circolazione praticabile solo su una singola corsia, costituisce una seria minaccia per l'incolumità dei cittadini, essendo la frana posta in prossimità di una curva e percorsa ogni giorno da numerosi studenti e lavoratori per raggiungere scuole, università e aziende del territorio, per raggiungere la città di Catanzaro, ma anche dagli automobilisti dei paesi limitrofi che la utilizzano per recarsi a Cutro per poi proseguire verso la città di Crotone. Il tratto in questione - ricordano i Gd - coinvolto dalla frana oggi presente, ha già visto in passato diversi interventi tampone non risolutivi. Si pone pertanto necessario un intervento tempestivo di sbancamento a monte per il ripristino della carreggiata, intervento che richiederebbe risorse minime, come già suggerito in passato da diversi rilievi tecnici, permettendo di mettere in sicurezza il tracciato, per poi puntare a ottenere una soluzione definitiva al problema, che impegni la quantità di risorse economiche adeguata che punti a finanziare attività di studio e ricerca che, garantendo una soluzione definitiva al problema, consentirebbe di migliorare la situazione su tutta la strada provinciale 63, che non di meno necessita d' interventi per scongiurare il ripresentarsi di altre situazioni d'emergenza. Auspichiamo, pertanto - proseguono i giovani "democrat" - , un rapido interessamento istituzionale, poiche' il dissesto idrogeologico è un problema molto grave che affligge il nostro fragile territorio, e solo facendo rispettare le leggi esistenti, assicurandosi la migliore realizzazione delle opere pubbliche già in cantiere e future, avremo la lungimiranza di operare interventi laddove ci sarà bisogno; solo così - concludono - la politica può dare il suo contributo per migliorare la situazione del nostro territorio e della nostra regione».

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano