Domenica, 27 Settembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Mario Spanò è stato eletto nuovo presidente di Confindustria Crotone nel corso dell’Assemblea dei soci riunitasi lo scorso martedì presso il Lido degli scogli di Crotone. Presidente del Cda di Cai Service Spa, azienda del Gruppo Spanò da oltre trent'anni attivo nel settore delle forniture industriali ed ospedaliere, Mario Spanò succede a Michele Lucente che in apertura dei lavori ha ricordato il lavoro svolto durante il suo mandato, concluso stamattina con la firma dell'Addendum al Protocollo di legalità per la bonifica del Sin di Crotone.

Pubblicato in In primo piano

mario spanò confindustria«Il consiglio direttivo territoriale – informa una nota – ha designato all’unanimità l’imprenditore Mario Spanò quale candidato alla presidenza di Confindustria Crotone per il periodo 2019/2023. L’indicazione del presidente del cda di “Cai Service Spa”, azienda del Gruppo Spanò da oltre trent’anni attivo nel settore delle forniture industriali e ospedaliere, è emersa dalle audizioni dei soci che si sono svolte nel mese di luglio. La Commissione di designazione, composta dai past president Vincenzo Saggese, Antonella Stasi ed Emilio Bernardo Romano, ha incontrato e ascoltato i soci di Confindustria per raccogliere indicazioni sul futuro presidente, sugli obiettivi e le priorità per la crescita e lo sviluppo del territorio, sul ruolo di rappresentanza e lobby dell’associazione.
Mario Spanò, che succede a Michele Lucente, ha ricoperto l’incarico di Presidente della Piccola industria di Confindustria Crotone ed è stato componente del comitato direttivo regionale della Piccola industria. Il consiglio direttivo ha espresso un sentito ringraziamento al presidente uscente, Michele Lucente, per l’impegno e la dedizione con i quali ha guidato l’associazione durante il suo mandato. “Ringrazio la Commissione di designazione che ha svolto un lavoro di ascolto sensibile ed attento della base associativa ed ha dato indicazioni importanti per il lavoro futuro che dovrà svolgere il nuovo gruppo dirigente”, ha commentato Michele Lucente.
“Ringrazio i colleghi per avermi indicato come candidato alla guida di Confindustria Crotone. E’ una responsabilità molto forte che mi auguro di portare avanti con spirito di servizio, attraverso un attento lavoro di squadra, nell’interesse dei tanti colleghi che amano questo territorio e che qui continuano ad investire”, ha dichiarato Mario Spanò.
L’Assemblea dei soci di Confindustria Crotone sarà chiamata a votare il nuovo presidente nel mese di settembre. Il percorso di rinnovo degli organismi di Confindustria Crotone rientra nella procedura più generale di insediamento delle nuove cariche sociali di Unindustria Calabria che si completerà in autunno con la elezione del prossimo presidente regionale».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

confindustria lucente«La stipula dell'accordo sul progetto Antica Kroton è un risultato molto importante a cui l'amministrazione del Comune di Crotone, la Regione Calabria, il sottosegretario al turismo e beni culturali ed il Segretariato regionale per il Mibact hanno lavorato congiuntamente, mantenendo fermo l'obiettivo di portare a compimento questa prima fase. Ora è tempo di affrontare il secondo step, dedicando impegno, tempo e competenze alla progettazione degli interventi, alle gare ed alla apertura dei cantieri». Così il presidente di Confindustria Crotone, Michele Lucente, ha commentato la notizia del primo via libera al progetto Antica Kroton. «Le imprese del nostro territorio – avverte Lucente – sono pronte a fare la loro parte, mettendo in campo risorse e competenze. L'obiettivo comune deve essere la realizzazione di un progetto, complesso e articolato, che può cambiare la prospettiva economica di questa città. La scelta dell'amministrazione Pugliese di dialogare e di coinvolgere il partenariato sociale nelle questioni più urgenti per lo sviluppo del territorio si sta rivelando vincente, costruttiva ed efficace. Per Confindustria Crotone – sottolinea Lucente – nella vicenda dell'Antica Kroton, così come sulla bonifica del Sin e la questione aeroporto, l'apertura di un confronto costruttivo e continuo tra l'Amministrazione comunale e le Associazioni di categoria e le Organizzazioni sindacali conferma che è indispensabile fare squadra, nel rispetto dei ruoli, aprendosi al contributo che ciascuno, per le competenze di cui è portatore, può dare. Nessuno sciocco e inutile protagonismo, ma solo la ferma determinazione a conseguire risultati per un territorio, per la sua comunità e per le imprese che qui continuano ad investire. Sul tema della bonifica – prosegue Lucente –, l'incontro del 6 aprile prossimo convocato dal prefetto segna un altro passaggio importante, dopo la firma del Protocollo di legalità, da cui, con il contributo di tutti gli interlocutori, potrà scaturire la definizione di un accordo che consenta il coinvolgimento delle imprese locali nei lavori di bonifica. Sul progetto dell'Antica Kroton, con la delibera del 20 marzo 2015 il presidente Oliverio ha dato seguito all'impegno a mantenere le risorse assegnate, accogliendo le sollecitazioni che Confindustria Crotone, Cgil, Cisl, Uil e l'onorevole Sculco avevano indirizzato all'Amministrazione regionale. Così come è stata efficace la interlocuzione nel tempo con il Mibact, nella persona del sottosegretario Bianchi, con l'assessore regionale all'Ambiente Antonella Rizzo, con il vicesindaco Antonella Cosentino ed il consigliere Flora Sculco, a cui Confindustria Crotone ha indirizzato le proprie sollecitazioni, evidenziando sempre la necessità di progettare e procedere alla fase esecutiva. Crediamo che, nonostante il permanere di diverse criticità, il territorio in questo momento debba giocare con intelligenza le carte dello sviluppo che ha a disposizione. Le risorse finanziarie ci sono: servono progettualità, impegno, competenze, una programmazione efficace ed è necessario abbandonare la sindrome "degli ultimi della classe" e dialogare serenamente, senza polemiche ed inutili ostilità, con tutti gli interlocutori istituzionali e privati. Le imprese di Confindustria Crotone in questo processo sapranno fare la loro parte», così conclude Lucente.

 

 

 

 

Pubblicato in Politica