fbpx
Sabato, 18 Maggio 2024

PRIMO PIANO NEWS

CROTONE Per consentire ai pazienti che si erano sottoposti alla consueta terapia di dialisi di lasciare la struttura sanitaria è stato necessario chiedere l'aiuto dei vigili del fuoco. È quanto accaduto al poliambulatorio di Mesoraca, nel Crotonese, che ricade nel territorio dell'Azienda sanitaria provinciale di Crotone.

 

Pubblicato in In primo piano

«La Sanità in Calabria non è una delle tante questioni da affrontare con sterili chiacchiere ma un dramma da risolvere». È quanto scrive in una nota il Collettivo comunisti Crotone che prosegue: «Continuare a nascondere la testa sotto la sabbia per non vedere la situazione sanitaria con cui deve fare i conti la nostra gente è da irresponsabili se non da criminali».

Pubblicato in Politica

CATANZARO - Un medico e cinque infermieri in servizio nel reparto Nefrologia dell'ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro sono risultati positivi al Covid-19. Lo hanno confermato le autorità sanitarie dell'ospedale del capoluogo calabrese. Il tampone è stato effettuato ieri e nelle scorse ore è arrivato il risultato su tutti i sanitari che sono entrati in contatto con un paziente dializzato che, nei giorni scorsi, si è recato in ospedale per la terapia, in seguito risultato contagiato dal coronavirus. "Al momento - ha dichiarato all'ANSA il direttore sanitario dell'azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio, Nicola Maurizio Salvatore Pelle - i sanitari sono stati tutti allontanati e messi in isolamento domiciliare".

Pubblicato in In primo piano

rizzuto mauro cuzzocrea antonelli arenaIl reparto di Nefrologia del San Giovanni di Dio ha compiuto quarant’anni. Questo pomeriggio, nella biblioteca del nosocomio cittadino, si è tenuta una cerimonia per celebrare quella che si è palesata nel tempo come un’eccellenza non solo in Calabria e nel Meridione, ma in tutta Italia. Ospite d’onore della cerimonia il professor Alessandro Antonelli e la su equipe di allora, i dottori Matteo Mauro e Giovanni Cuzzocrea, assieme al presidente dell’Asl del tempo Saverio De Santis che volle fortemente questo reparto. A salutare la storica equipe il comissario straordinario dell’Asp Sergio Arena, il direttore sanitario Agostino Talerico, il direttore sanitario dell’ospedale Angelo Carcea e l’attuale direttore di Nefrologia e dialisi Giuseppe Rizzuto. «Era il 1976 – ha esordito il primario – e a Crotone nasceva la Nefrologia al 7° piano grazie a due giovani medici neolaureati e un primario di ottima scuola, motivato e di ampie vedute. Il professor Alessandro Antonelli – ha raccontanto Rizzuto – ha insegnato l' approccio clinico alla malattia renale: dalla emodialisi nelle varie articolazioni alla dialisi peritoneale, e nel reparto il laboratorio analisi, emogas-analizzatore, ecografia e doppler, sala operatoria per la chirurgia vascolare».

 

antonelli rizzuto«Fu il primo – ha ricordato ancora Rizzuto – in Calabria a condurre l'emodialisi domiciliare a Paola (CS) a oltre 100 chilometri di distanza e non ultimo l'ambulatorio pre /post trapianto di rene. Il lavoro avviato – ha ripercorso Rizzuto – è stato poi continuato ed implementato dalla equipe dei dottori Matteo Mauro prima e Giovanni Cuzzocrea poi, medici stimati per solidità scientifica, rigore professionale e grande umanità avendo sempre al centro i bisogni di salute del paziente». Quindi è stata la volta del professor Antonelli che ha ripercorso le tappe di questa sua straordinaria storia umana e professionale sin dall’inizio. «Arrivai a Crotone – ha esordito il rpofessore – grazie alla caparbietà del presidente dell’asl di allora Saverio De Santis e mettemmo su il reparto, ricorrendo a professionalità reclutate nel Reggino in quanto non vi era personale specializzato in loco». Il professore ha quindi nominato uno per uno i suoi collaboratori compresi i medici Mauro e Cuzzocrea, ma anche l’attuale caposale del centro dialisi dell’ospedale Graziella Scarfò che ha fortemento contribuito all’organizzazione dell’evento. Il racconto del luminare è stato quindi smorzato dall’emozione evidente quando si è abbandonato a una toccante confessione: «Quelli passati nel reparto di Nefrologia di Crotone – ha detto Antonelli con la voce rotta dall’emozione – sono stati i dieci anni più belli della mia vita».

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

"Apprendiamo con sollievo che alcune delle decisioni del Commissario per il Piano di rientro, fortemente penalizzanti per la struttura sanitaria pubblica di Crotone, in particolare per ciò che concerne i 10 posti letto per la nefrologia, il servizio di microcitemia, l'annullamento del declassamento dell'unità operativa di anatomia patologica, sono state opportunamente riviste. Ma tutto ciò non basta - sostiene la consigliera regionale di Calabria in Rete Flora Sculco - per alzare il livello della qualità della conduzione della sanità pubblica a Crotone, che non può più rinchiudersi nella gestione dei bisogni di pochi o di alcuni ma, al contrario, deve impegnarsi per guardare a tutte le criticità più volte segnalate, lavorando in vista del raggiungimento della qualificazione delle prestazioni sanitarie di cui i cittadini hanno bisogno e per migliorare l'offerta sanitaria complessiva che deve essere corrispondente alla domanda che viene dal territorio".

 

Aggiunge Flora Sculco: "E' purtroppo evidente che si sta procedendo senza la piena consapevolezza delle complesse questioni della sanità pubblica crotonese e del ruolo importante di questa nostra città che induce a errori, omissioni e ad iniziative affrettate e sbagliate. E' evidente - spiega Flora Sculco - che si è di fronte a scelte approssimative e miopi, come giustamente denunciano anche i sindacati, che impongono una riflessione seria e puntuale. Tuttavia non mancheranno la vigilanza e le necessarie sollecitazioni a fare e fare bene, né da parte della sottoscritta né da parte della Conferenza dei sindaci e neppure del Consiglio regionale che chiederà, nella seduta del 24 marzo, un passo indietro della Struttura commissariale rispetto alle prerogative costituzionali della Regione in questo delicato settore. Nella sanità crotonese e calabrese c'è tanto da fare, perché - conclude la consigliera regionale - si avverte una confusione grave e generalizzata, ma ciò che non può più mancare è la visione globale delle questioni senza la quale si rischia di commettere errori e sottovalutazioni che, com'è accaduto, vanificano il diritto alla salute".

Pubblicato in In primo piano

«È necessario che il commissario Scura riveda il decreto con cui ha previsto la chiusura di alcune unita' complesse dell'ospedale San Giovanni di Dio di Crotone». A dirlo e' Dorina Bianchi, sottosegretario ai Beni culturali e deputato del Gruppo Area popolare (Ncd-Udc). «Reparti come quello di Nefrologia e di Microcitemia spiega la sottosegretaria - svolgono dei servizi essenziali per i cittadini perche' si occupano di pazienti con cronicita' e che hanno bisogno di un supporto. Non si puo' rinunciare a queste tipologie di reparti. La riorganizzazione ospedaliera - conclude Bianchi - non puo' essere operata attraverso i tagli. Serve piuttosto un efficientamento e una razionale messa a sistema delle risorse. A farne le spese non devono essere i cittadini che con le chiusure dei reparti e i tagli vedrebbero solo indebolita la struttura sanitaria in un territorio delicato».

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 2