Sabato, 08 Agosto 2020

 

PRIMO PIANO NEWS

Marilina Intrieri, già parlamentare della Repubblica, invita Oliverio «a fare un passo indietro». «Glielo ha già chiesto - scrive in una nota - Zingaretti e il persistere in una spasmodica ed estenuante resistenza dai toni personalistici e leaderistici non è affatto conforme ai principi del Partito democratico. La mia soggettività istituzionale e politica mi consente di partecipare con piena responsabilità e autentica libertà al dibattito apertosi nel partito a poco più di 60 giorni dal voto per le elezioni regionali, ormai fuori quasi un tempo massimo per le decisioni che un grande partito deve assumere avendo come orizzonte politico sempre e solo l’interesse della collettività. Il Pd in Calabria ha spesso avuto bisogno di un supplemento di impegno che non si può ridurre ad una semplice contrapposizione di forze da una parte e dall’altra: prima di tutto ci sono il partito, gli elettori, gli iscritti. Per questo apprezzo sempre e comunque l’esercizio della critica politica a patto che questa non trascenda assumendo forme e toni di intimidazione o quasi minaccia nei confronti di quanti intendiamo partecipare ad una riflessione pacata, seria e approfondita. Questo è per me il senso di appartenenza al Partito democratico».

«Essere d’accordo - commenta Intrieri -, in questo momento difficile, con il partito nazionale che ha detto, da molti mesi, che Oliverio non può essere il candidato alla Regione, invitandolo a collaborare in tal senso, non significa nutrire rancori o essere eteroguidati, Oliverio, tra l’altro, è un dirigente di partito di lungo corso con il quale non ho mai avuto però occasione di condividere impegni elettivi o politici. Ho, certo, un preciso giudizio politico negativo sul suo governo della Regione che sta giungendo al termine per i metodi non condivisibili accertati con elementi documentali in taluni delicatissimi settori di spesa in cui ha ecceduto dai suoi poteri e prerogative. Penso che sia doveroso per Oliverio fare una profonda autocritica ed il conseguente passo di lato che Zingaretti gli ha chiesto da molto tempo. Arroccarsi su una ostinata quanto inutile difesa degna di miglior causa, che ha assunto esasperati toni personalistici e leaderistici, non è consono, insisto e lo sottolineo, al modello politico del partito democratico. In tal modo, vengono fuorviati e demotivati tanti giovani e bravi dirigenti che potrebbero essere una grande risorsa e vengono allontanati dirigenti che neanche più partecipano agli organismi, come l’altra sera a Crotone».

«Quando in un partito - chiosa l'ex parlamentare -, ai livelli territoriali, non si vuole fare esercitare il dissenso democratico confondendolo ad arte con la diffamazione se non ci si allinea a documenti a candidature inadeguate allora la situazione è davvero molto grave. Non si possono raccontare fatti che riguardano la politica in modo non coerente con la verità a cittadini, elettori, giovani dirigenti di partito. Far passare una decisione della Cassazione sulla sola esigenza di misura cautelare ad Oliverio come un “parere” (sic!) sulla sua innocenza è un modo palesemente surrettizio di raccontare i fatti. Oliverio, allo stato, è accusato dalla Procura della Repubblica di Catanzaro che ne ha chiesto già il rinvio a giudizio per gravi delitti contro la pubblica amministrazione. Sono questi fatti processuali incontestabili non invenzioni o diffamazione. Desidero rivolgere, ancora una volta, ai compagni del Pd di Crotone l’invito ad evitare sterili tifoserie e riflettere sui fatti, documentandosi veramente, perché dobbiamo lavorare insieme per un grande Pd.

«Ritengo - incalza Intrieri - che i toni usati contro di me, solo perché faccio quello che ritengo il mio dovere come donna politica, sono altamente lesivi non già della mia persona, ma dell’immagine del partito democratico e disorientano i cittadini che non si attendono guerre tribali, ma una nuova pagina politica fatta di dialogo, sincerità, onesta e fiducia. Comunque non è la prima volta che sono oggetto di avversione ed ostilità negli organismi di partito perché non rinuncio ad adempiere al mio mandato di dirigente. Ricordo che alcuni episodi furono filmati dalla trasmissione televisiva “Perfidia” presente ai lavori e andarono in onda in Calabria per diversi giorni. Avendo come stella polare l’interesse pubblico, ritengo che tutto. il resto cozza con le finalità di un grande partito come il Pd. L’attacco alla mia persona è altamente diseducativo verso quanti guardano al partito, non perché mi chiamo Marilina Intrieri, ma per quel pezzo di storia politica che rappresento ed ho rappresentato in periodi ben precisi, in Calabria, anche recenti, che mi hanno visto difendere sulle posizioni di sempre, quelle della legalità, un sistema democratico in alcune fasi sotto attacco del malaffare, della ‘ndrangheta e di altri poteri organizzati», conclude l'onorevole Intrieri.

 

 

Pubblicato in Politica

REGGIO CALABRIA - Le elezioni regionali in Calabria si svolgeranno il 26 gennaio del 2020. Lo ha annunciato il presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, all'inizio dell'odierna seduta del Consiglio. Oliverio ha riferito di avere fissato la data delle elezioni d'intesa col presidente della Corte d'appello di Catanzaro, Domenico Introcaso, previo parere del presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto. "La data – ha detto il presidente Oliverio – coincide con le elezioni che si svolgeranno in un’altra regione. Una scelta che consentirà di utilizzare per le operazioni elettorali la piattaforma del ministero dell'Interno, con una razionalizzazione delle spese. Prima del sessantesimo giorno antecedente alle elezioni, provvederò ad emanare il decreto d'indizione della consultazione". "In relazione a queste scelte – ha detto ancora il governatore – ho proposto in Giunta l'approvazione dell'Esercizio provvisorio, lasciando libero solo il capitolo relativo alle spese elettorali".

Pubblicato in In primo piano

oliverio videoconferenza«Si è compiuto un altro passo importante per garantire il sacrosanto diritto alla mobilità a circa 300mila calabresi residenti nel territorio crotonese, catanzarese e cosentino». Saluta così la conclusione anticipata la Conferenza dei Servizi per l’aeroporto di Crotone il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio.
«Ieri mattina – scrive il governatore – ho presieduto la seduta conclusiva della Conferenza dei servizi sugli oneri di servizio pubblico per i collegamenti aerei dell’aeroporto di Crotone che si è chiusa in venti giorni rispetto ai 45 previsti. La riunione – prosegue la nota – si è conclusa con la completa definizione del contenuto degli oneri ed ha registrato la convergenza all’unanimità e senza condizioni di Regione, ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, Ente nazionale aviazione civile, Provincia di Crotone, Comune di Crotone e Sacal. I collegamenti prescelti sono stati Roma Fiumicino, Torino e Venezia. Il collegamento per Roma è coperto con frequenza giornaliera per un periodo di tre anni, prorogabili a 4. Il collegamento per Torino è coperto con frequenza trisettimanale e quello per Venezia con frequenza bisettimanale, entrambi per un periodo di due anni, anche questi prorogabili a 4. Ci sarà un regime tariffario differenziato con costi più contenuti per i residenti nella Regione Calabria. Adesso – conclude il presidente Oliverio – il percorso riprenderà presso il ministero per l’assunzione dell’atto formale di imposizione degli oneri, per le comunicazioni alla Commissione europea e per la selezione delle compagnie che effettueranno i servizi. Si è compiuto un altro importante passo nella direzione di garantire il sacrosanto diritto alla mobilità, a lungo violato, per circa 300.000 calabresi residenti nel territorio crotonese, catanzarese e Cosentino».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

presidente oliverioIl Partito democratico prende ufficialmente le distanze dal presidente della giunta regionale calabrese, Mario Oliverio, e decide di provare a fare l’accordo con il Movimento 5 stelle. E’ questa in breve sintesi la conclusione a cui si è arrivati alla fine di una riunione tenutasi ieri a Roma nella sede nazionale del Pd. All’incontro del Nazareno convocato dal responsabile nazionale del partito, Nicola Oddati, e dal commissario regionale Stefano Graziano hanno partecipato i consiglieri regionali Carlo Guccione, Mimmo Bevacqua, Nicola Irto (presidente del Consiglio), Mimmo Battaglia (capogruppo), l’ex deputato Bruno Censore e il presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci. Nei prossimi giorni, quindi, si tenterà di fare l’accordo civico con M5S anche in Calabria, con le stesse caratteristiche di quanto è stato deciso in Umbria. Ufficialmente, quindi, il Pd ha preso le distanze da Oliverio e da ogni ipotesi di primarie. E’ evidente che lo scontro con gli oliveriani è destinato ad acuirsi e coloro che decidono di seguire il presidente saranno fuori dal partito. In questa direzione non dovrebbero esserci deroghe e nei prossimi giorni si farà la conta anche nelle sedi periferiche di chi sta da una parte o dall’altra. Sotto controllo sono il segretario delle federazioni di Cosenza e Crotone, Luigi Guglielmelli e Gino Murgi. Ieri a Feroleto Antico (Lamezia Terme) si è riunito la rappresentanza del centrosinistra (partiti e movimenti) che sostengono Oliverio. Di Crotone era presente il “reuccio” Enzo Sculco, leader del movimento dei DemoKratici e della “Prossima Crotone”, la coalizione che governa la città pitagorica. La presenza del “reuccio” alla riunione ha un solo significato: i DemoKratici sosterranno Oliverio alle prossime elezioni. All’incontro di Feroleto Antico non c’erano il Pd e Leu, che stanno appunto lavorando per una candidatura civica con i pentastellati. Venerdì prossimo ci sarà per Oliverio la prova del nove, nella kermesse degli oliveriani che chiedono a gran voce la ricandidatura dell’attuale governatore.

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

presidente oliverioIl presidente della Giunta Regionale della Calabria Mario Oliverio, ha firmato oggi il decreto per la convocazione delle elezioni primarie per la data del 20 ottobre 2019. "Si tratta - è scritto in una nota dell'ufficio stampa della Giunta regionale - di un atto dovuto secondo le prescrizioni dell'art.5 della Legge Regionale n. 25 del 17 agosto 2009. Il mancato adempimento avrebbe potuto configurare una evidente omissione attuativa". "Dalla data di pubblicazione del presente provvedimento sul Burc - conclude la nota - decorre il termine di 15 giorni previsti per la presentazione delle liste di candidati corredate dalla necessaria documentazione". Le primarie istituzionali, in Calabria, sono finanziate dalla Regione e vi possono accedere partiti e movimenti di qualsiasi schieramento. Anche cinque anni fa furono indette ma nessun partito ne fece uso.

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

aeroporto report«Il presidente della Regione Mario Oliverio – informa una nota –, dopo aver chiesto ed ottenuto la delega dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha indetto con apposito decreto la Conferenza di servizi finalizzata a definire il contenuto degli Oneri di servizio pubblico da imporre sui vari collegamenti aerei che insistono sull’aeroporto di Crotone. La Conferenza di servizi avrà l’obiettivo di individuare i collegamenti più efficaci ed efficienti per l’aeroporto di Crotone, tipologie e livelli tariffari, nonché i soggetti che potranno usufruire di sconti particolari, il numero e lo scheduling dei voli, i tipi di aeromobili che verranno utilizzati e la capacità dell’offerta. Continua pertanto il processo di rilancio dell’aeroporto di Crotone, tra i protagonisti della politica di miglioramento dell’accessibilità della Calabria voluta e attuata dalla Giunta regionale. “Un ulteriore tassello verso il definitivo auspicato rilancio dell’aeroporto di Crotone, asset importante su cui la Calabria intera deve puntare per la propria valorizzazione”, ha dichiarato al riguardo il presidente Oliverio che ha anche assicurato come il Dipartimento Infrastrutture, lavori pubblici e mobilità procederà immediatamente con gli adempimenti tecnico-amministrativi correlati alla Conferenza di servizi indetta, perché essa possa svolgersi in maniera quanto più rapida ed efficace possibile».

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 4