Giovedì, 24 Settembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Tavolo aeroporto: nuova richiesta d'incontro a Sacal e Regione. Il comitato: «Perche' non disponibili i biglietti Ryanair?»

Posted On Lunedì, 05 Marzo 2018 18:58 Scritto da

aeroporto crotone ripulito chiusoSarà chiesto un nuovo incontro a Sacal. Si e' tenuta questa mattina, nella sala Giunta, una riunione convocata dal sindaco, Ugo Pugliese, e alla quale hanno partecipato tutte le componenti del tavolo per l'aeroporto di Crotone: sindacati, associazioni e comitati cittadini. "Il sindaco - spiega una nota - ha voluto convocare il tavolo all'indomani delle elezioni politiche proprio per confermare l'apoliticita' della battaglia per l'aeroporto che era e rimane una priorita' da parte di tutto il territorio senza colorazione politica. Il sindaco al riguardo ha anche evidenziato che i neoparlamentari eletti dovranno essere interlocutori del tavolo. La parola d'ordine e' quella di continuare a non mollare la presa e tenere alta l'attenzione su una infrastruttura fondamentale non solo per il crotonese, ma per tutta la fascia ionica. Il sindaco ha illustrato, tra l'altro, le risultanze della riunione che ha tenuto con i sindaci della provincia nei giorni scorsi che hanno confermato la propria volonta' di sostenere economicamente la start up dell'aeroporto ma solo con la certezza dell'effettiva attivita' volativa e della continuita' dei voli. Il sindaco - si legge ancora - ha preannunciato la richiesta di incontro con il presidente della Regione Oliverio e il presidente di Sacal De Felice".


"Apprendiamo che in tutta fretta il sindaco di Crotone ha convocato alcuni sindaci per stilare un protocollo di impegno da proporre alla Sacal con relativo esborso economico per contribuire al rilancio dello scalo crotonese. Una tempestivita' inversamente proporzionale alla voglia di Sacal di riattivare concretamente l'aeroporto S. Anna poiche' la societa' lametina, vincitrice di un bando nazionale, dopo aver sottoscritto la convenzione con Enac a settembre 2017 per la gestione di tutto il sistema aeroportuale calabrese concretamente non ha fatto molto per la ripresa dell'attivita' volativa". Lo scrive il comitato cittadino aeroporto Crotone. "In tanti mesi - continua la nota - la Sacal ha parlato sempre e soltanto di difficolta' nel gestire lo scalo pitagorico ma mai di un piano industriale di rilancio e con l'appello rivolto ai sindaci del crotonese di un contributo economico per far ripartire i voli da semplici cittadini ci chiediamo sulla base di quali motivazioni la stessa abbia partecipato al bando Enac! Inoltre, sono trascorsi alcuni giorni dall'annuncio della Ryanair ed ancora non e' possibile acquistare alcun biglietto dal sito della compagnia irlandese ed e' quindi ancora piu' ingiustificata l'urgenza con la quale il sindaco vuole dare un contributo alla Sacal per un progetto di rilancio dell'aeroporto che non ha alcun fondamento concreto se non dei voli annunciati per due o tre mesi! Ci chiediamo, allora, perche' la Sacal bisognosa di capitali per proseguire nella sua attivita' non metta in essere un altro aumento di capitale in modo da poter supportare adeguatamente le attivita' di cui i crotonesi hanno bisogno". Il comitato cosi' prosegue: "Forse l'aeroporto di Crotone non e' considerato un mezzo per far muovere i cittadini ma, piuttosto, un mezzo per far cassa per la Sacal e la Regione che hanno trovato una ghiotta occasione per dirottare su Lamezia Terme i proventi delle Royalties! Ci chiediamo come l'Enac abbia ignorato le difficolta' economiche della Sacal che limitano fortemente i suoi investimenti sugli aeroporti di Crotone e Reggio Calabria. Un gestore aeroportuale che non ha sottoscritto in quattro mesi neppure il contratto per la fornitura di carburante e non vuole accollarsi i costi della torre di controllo, rischiando di compromettere anche i tanto annunciati voli estivi di Ryanair! Possibile che un bene pubblico sia stato affidato ad una societa' senza un piano industriale di rilancio e senza le adeguate risorse economiche? Passa il tempo ed i cittadini subiscono soltanto le conseguenze di questa cattiva gestione dell'aeroporto che priva i cittadini dell'unica infrastruttura che possa collegarli facilmente al mondo. Dopo 15 mesi di lotta per l'aeroporto, ribadiamo che i cittadini non possono e non vogliono rinunciare al diritto alla mobilita', e si chiede con forza di investire risorse economiche e politiche per strade e ferrovia, non dimenticando che la priorita' rimane che i cittadini possano volare dal S. Anna. La misura e' ormai colma e aspettiamo risposte che siano coerenti e immediate! Basta con questo indecoroso spettacolo - e' scritto infine - per cui si acquistano biglietti per non volare. Siamo cittadini italiani anche noi".