fbpx
Giovedì, 30 Giugno 2022

PRIMO PIANO NEWS

Verso la costituzione di un Distretto del cibo per il Crotonese: venerdì la presentazione

Posted On Mercoledì, 15 Luglio 2020 15:23 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

Il ricco insieme di galassie di risorse enogastronomiche e turistiche della provincia di Crotone si sta costituendo nell'universo aumentato di un Distretto del Cibo, forma rinnovata dei distretti in agricoltura proposta dal legislatore nazionale.

L'ultima generazione di quella grande famiglia di distretti, che si sono diffusi in poco più di venti anni, troverà una nuova dimensione territoriale di promozione e sviluppo grazie all'impegno fattivo di Confindustria Crotone, con il sostegno della Camera di Commercio.

Venerdì 17 luglio 2020, alle ore 17.30, presso la sala convegni Dentalia di Crotone (Via E. Fermi), si terrà l'incontro informativo per la prossima composizione di un partenariato diffuso, preliminare alla futura istituzione e riconoscimento di un Distretto del Cibo del crotonese.

Prenderanno parte all'incontro: Mario Spanò, presidente di Confindustria Crotone; Alfio Pugliese, presidente della Camera di Commercio di Crotone; Don Pasquale Aceto, direttore Servizio diocesano di Pastorale sociale e del lavoro dell'Arcidiocesi Crotone-Santa Severina; Giuseppe Dell'Aquila, presidente della Provincia di Crotone; la deputazione parlamentare e regionale della provincia crotonese; l'assessore all'agricoltura della Regione Calabria, Gianluca Gallo.

Le modalità operative per il riconoscimento del Distretto del Cibo verranno illustrate da: Luigi Borrelli, presidente del Polo NET di Crotone; Giacomo Giovinazzo, dirigente generale del Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari della Regione Calabria; Cosimo Cuomo, esperto di politiche per lo sviluppo territoriale; Pino Campisi, esperto di politiche del lavoro e presidente di Acli Terra Calabria; Valerio Caparelli, esperto in comunicazione pubblica e marketing territoriale.

Sarà un incontro operativo fra sindaci, rappresentanti istituzionali e associativi di categoria, animatori culturali, operatori del settore agricolo e del turismo, della ristorazione e della ricettività, della formazione e della ricerca, ma soprattutto della produzione artigianale, agroalimentare ed enogastronomica del territorio.

I promotori dell'iniziativa puntano sul Distretto del Cibo del crotonese, convinti che la provincia possieda eccellenze da sviluppare e promuovere rispetto a quanto fatto sinora, sia per le peculiarità sia per la vivacità di iniziative e prodotti che necessitano di una maggiore riconoscibilità e visibilità sul territorio nazionale e internazionale.

Nascerà così uno strumento di politica economica e coesione sociale finalizzato a organizzare e sostenere i sistemi produttivi agricoli e agroalimentari locali e a promuovere lo sviluppo delle comunità delle aree rurali.

L'identità storica e culturale, insieme ad elementi di innovazione e promozione, rappresenterà per il costituente Distretto del Cibo il tratto distintivo e l'elemento principale da valorizzare, unitamente allo specifico paniere di prodotti tipici e a denominazione presenti sul territorio.

Il Gal Kroton informa che: «Sono 65 le aziende del settore agroalimentare della provincia di Crotone che hanno fatto richiesta di adesione al contratto di Distretto del cibo della provincia di Crotone. Tutto ciò si è emerso dall’incontro svolto mercoledì 15 luglio presso la Torre aragonese sede del Gal Kroton. La società di Distretto si consolida con una qualificata e nutrita rappresentanza di aziende agricole e agroalimentari del territorio crotonese. La costruzione di questa rete di imprese del settore agricolo e agroalimentare rappresenta la vera spina dorsale del contratto di Distretto del cibo della provincia di Crotone, già riconosciuto sia dalla Regione Calabria che dal ministero delle Politiche agricole. Il protagonismo dal basso da parte dell’aziende diventa l’elemento qualificante e necessario per poter dare inizio ad un progetto di Distretto che possa dare un impulso alla crescita economica ed allo sviluppo del territorio».